UPDATE: Israeli Army still affects Palestinian freedom of movement

giugno 17, 2016 at 10:35 am

SnapShot-2016-06-17-10h35m46s22

(italian follows)

On the afternoon of the 15th of June at about 2.15 pm Israeli Army started again to block one of the main access to the Palestinian city of Yatta and the area adjacent to the road, digging and damaging the fields, in order to prevent the Palestinian to bypass the roadblock.

After a few hours, at about 9.50 pm the Israeli Army they were there again to open the access on the main road. Besides the Israeli bulldozers,  the presence of the Army is a constant deterrent to the Palestinian right to freely move in the area.  Flying checkpoints and roadblocks are clear examples.

The systematic interference of the Israeli Army over the Palestinian right of movement is a clear collective punishment carried out by the Israeli government after Tel Aviv attack.

Roadblock to Yatta city

Roadblock to Yatta city

UPDATE: L’esercito israeliano continua a condizionare la libertà di movimento palestinese

Nel pomeriggio del 15 di Giugno, intorno alle 14.15, l’esercito Israeliano ha nuovamente bloccato uno degli accessi principali alla città Palestinese di Yatta nonchè l’area adiacente alla strada, scavando e danneggiando i campi per impedire ai palestinesi di aggirare il blocco stradale.

Dopo un paio d’ore, verso le 21.50 l’esercito israeliano si è ripresentato per aprire l’accesso alla strada principale. Oltre ai bulldozer israeliani, la presenza dell’esercito è un deterrente costante al diritto dei palestinesi di muoversi liberamente nell’area. Checkpoint temporanei e blocchi stradali sono un chiaro esempio.

L’interferenza sistematica dell’esercito Israeliano sulla libertà di movimento palestinese è una chiara punizione collettiva  messa in atto dal governo israeliano dopo l’attacco a Tel Aviv.

SnapShot-2016-06-17-10h47m20s203

P1070481