UPDATE: Misconduct of Israeli Army escort endangers two girls attending school in At Tuwani village

dicembre 18, 2015 at 1:12 pm

P1030237

(Italian follows)

On December 17, the Israeli soldiers who every day escort the children of Tuba and Maghayir Al Abeed Palestinian villages from home to the school in At Tuwani village, refused to escort two girls and exposed them to the risk of attacks from the settlers of the Ma’on settlement and the Havat Ma’on illegal outpost.

For no reason the escort refused to accompany more than eleven kids. They told the eldest girls (18 and 19 years old) that they would not be responsible for them and that they should walk by their own, behind the Army jeep, far from the others. Since there was a very thick fog, the two girls could not see the jeep and the other children, and where very scared. At about half way the Army jeep stopped to tell the girls that they were too close and they had to walk farther, while a soldier started walking with them. On their way an Israeli settler approached them and whistled in order to call other settlers. The two girls, although very scared, could eventually reach the end of the route.

The two girls, as well as the other schoolchildren, every day have to wait for the escort in order to walk through the dangerous route that passes between the Israeli settlement and the outpost, and every misconduct of the soldiers (such as delays and negligence) put them at serious risk. Since the beginning of this school year, the soldiers for five times did not complete the path with the schoolchildren leaving them in the middle of the path. Once, they remained far from the children who were harassed by a settler in a car and in one occasion they threatened to arrest a kid for playing with a tire near the jeep. For four times the escort arrived late for a hour or more, and in two of these circumstances the children eventually decided to walk through the long way escorted by the International volunteers.

SnapShot-2015-12-18-13h45m29s209

UPDATE: La scorta militare con il suo comportamento mette in pericolo due alunne della scuola di At Tuwani

Il 17 dicembre i soldati che ogni giorno scortano i bambini dei villaggi di Tuba e Maghayir Al Abeed da casa alla scuola situata nel villaggio di At Tuwani, si sono rifiutati di accompagnare due ragazze, esponendole così al rischio di attacchi da parte dei coloni israeliani della colonia di Ma’on e dell’avamposto illegale di Havat Ma’on.

Senza nessun motivo i militari si sono rifiutati di accompagnare più di undici bambini e hanno detto alle ragazze più grandi (di 18 e 19 anni) che non sarebbero stati responsabili per loro e che avrebbero dovuto camminare da sole, dietro la jeep dei militari, lontano da tutti gli altri. A causa di una fitta nebbia, le due ragazze non potevano vedere la jeep e gli altri bambini ed erano molto spaventate. A circa metà del tragitto la jeep dei soldati si è fermata e questi hanno detto alle ragazze che erano troppo vicine e che avrebbero dovuto stare più lontane, mentre un soldato ha iniziato a camminare con loro. Lungo il percorso un colono israeliano si è avvicinato e ha iniziato a fischiare per richiamare altri coloni. Le due ragazze, seppur molto spaventate, sono riuscite a raggiungere la fine del tragitto.

Le due ragazze, insieme a tutti gli altri bambini, ogni giorno devono aspettare la scorta per poter percorrere in sicurezza la strada che passa tra la colonia e l’avamposto israeliani, e ogni ritardo e negligenza dei soldati li mettono in serio pericolo. Dall’inizio dell’anno scolastico la scorta non ha completato il percorso con i bambini per cinque volte, lasciandoli soli a metà strada. In un’occasione i soldati sono rimasti lontani dai bambini mentre un colono gli bloccava la strada con la macchina, e in un’altra hanno minacciato di arrestare un bambino che stava giocando con un copertone vicino alla jeep militare. La scorta è arrivata con un’ora o più di ritardo in quattro occasioni, e in due di queste circostanze i bambini alla fine hanno deciso di percorrere un tragitto più lungo, accompagnati dai volontari internazionali.

Operation Dove concern about the ongoing escalation of violence in the West Bank

ottobre 6, 2015 at 12:45 pm

 

Tension increased up to the South Hebron Hills: several attacks against Palestinians

(italian follows)

Tensions between Palestinians and Israeli settlers in the occupied West Bank have soared in recent days after two Israeli settlers were shot dead near Nablus on Thursday October 1 by suspected Palestinian attackers. Since the shootings, there has been an upsurge of settler attacks against Palestinian people and their property.

Clashes have erupted across the occupied West Bank, including East Jerusalem, as a result of ongoing confrontations between Palestinians and Israeli forces at the Al-Aqsa Mosque compound. Palestinians religious authority claim that the continuos and repeated settler’s tours on the al-Aqsa mosque are provocating and violating the sacratility of one of the most important places for the muslims worshippers.

Israeli police says they are restricting access to the Old City of Jerusalem aftera Palestinian man killed two Israelis in the historic neighborhood.Only Israeli citizens, Old City residents, tourists, businesspeople working in the area and students studying there will be allowed to enter, police said in a statement Sunday.

A large number of Israeli settler attacks were reported across South Hebron Hills area during the weekend.

On October 3 at around 10 pm a group of settlers were reported to have stormed al-Birkeh (nearby Yatta), and assaulted an unarmed elderly Palestinian park guard (65 years old), locals said.

On October 3 at night, as Maan News reported, a group of settlers smashed the windows of a car belonging to a Palestinian doctor, Imad Abu Iram, near the village of Zif, south of Hebron.

On October 4, at about 2 am, Israeli settlers attacked the Palestinian village of As-Seefer. After having teared down the fence dividing the village from the settlement of Metzadot Yehuda which surround the palestinian village, the settlers started throwing stones to houses. The attack in the middle of the night scared all families living there and damaged a car, an aluminum canopy and solar panels. Children of As-Seefer, the day after the attack, were too afraid to cross the checkpoint to go to school, and decided to stay at home.

In the early morning of October 4, settlers from Mitzpe Yair illegal outpost closed the road from Birr al Idd to Jinba with a roadblock preventing Palestinian teachers to arrive on time to Jinba school.

On Monday October 5 in order to re-open the road,Palestinians and Ta’ayush Israeli activists removed the roadblock.

On October 5 in At-Tuwani village an army jeep entered the village at 11.25 p.m. and threw 4 stun granades between the houses scaring Palestinians in the middle of the night.

On Thursday October 6, at around 2:00 a.m. settlers raided the village of As-Sefeer for the second time in three days. Settlers threw stones against houses and families, injuring one children of 12 years old from the Abu Qpeita’s family. Settlers also damaged again the solar panels of the village. The injured children was took to Yatta hospital.

 

OD is registering a very fast escalation of settlers and Israeli military violence in all the West Bank.

This violence against Palestinian civil population cannot be considered as a “war against terrorism” neither cannot be justified with Israeli security needs, but is the direct consequence of the Israeli Occupation plan. 

OD looks at the Israeli occupation of the West Bank and the Gaza siege, with its continuing settlement expansion and military repression, as the frame which this escalation is developing in.

OD rejects any kind of violence and recourse to weapon and, at the same time, recognizes the right for Palestinian people to resist.

OD is accompanying and supporting the palestinian nonviolent popular struggle.

OD has maintained an international presence in At-Tuwani and the South Hebron Hills since 2004.

 

Link to Photos : http://goo.gl/KkduWy

—————————————————–

Operazione Colomba esprime preoccupazione per la continua escalation di violenza in Cisgiordania

Sale la tensione nelle Colline a Sud di Hebron : diversi gli attacchi ai danni dei Palestinesi

Le tensioni tra palestinesi e coloni israeliani si sono acuite negli ultimi giorni dopo che 2 coloni sono stati uccisi vicino Nablus giovedì 1 Ottobre in un attacco di cui sono sospettati i palestinesi. Da quel momento si è verificato un massiccio incremento di attacchi dei coloni contro la popolazione civile palestinese e le proprietà.

Gli scontri sono scoppiati in tutta la Cisgiordania, Gerusalemme Est compresa, come risultato del continuo confronto tra palestinesi e militari israeliani per il complesso della Moschea di Al-Aqsa. Le autorità religiose palestinesi recriminano per i continui e ripetuti tour dei coloni nella moschea di Al-Aqsa che sono stati percepiti come una provocazione e hanno violato la sacralità di uno dei luoghi più importanti per i fedeli mussulmani.

La polizia sraeliana comunica che le restrizioni all’accesso nella Città Vecchia di Gerusalemme sono dovute all’omicidio di due israeliani per mano di un palestinese avvenuto nel centro storico.

Solo i cittadini israeliani, i residenti della Città Vecchia, i turisti, gli uomini d’affari che lavorano nell’area e gli studenti che vi studiano hanno il permesso di entrarvi, come riferito domenica da un comunicato della polizia.

Operazione Colomba ha registrato diversi attacchi nell’area delle colline a Sud di Hebron.

Nella notte di sabato 3 ottobre, attorno alle 22:00 un gruppo di coloni dopo essere entrato nel villaggio di Al Birkeh (vicino alla città di Yatta), ha attaccato la guardia anziana disarmata (65 anni) del parco del villagio, come riportano i locali.

Sempre nella notte di sabato 3 ottobre un gruppo di coloni ha distrutto i vetri della macchina del dottor Imad Abu Iram, nella cittadina di Ziff, situata a sud di Hebron.

Domenica mattina 4 ottobre attorno alle 2 del mattino, coloni israeliani hanno attaccato il villaggio di As Seefer. dopo aver abbattuto la rete che divide il villaggio dalla colonia di Metzadot Yehuda(che circonda il villaggio palestinese), i coloni hanno iniziato a lanciare pietre contro le case e le tende. L’attacco, avvenuto a notte fonda, ha terrorizzato gli abitanti di As Seefer e ha portato al danneggiamento di una macchina, due pannelli solari e una tettoia. I bambini di As Seefer , il giorno seguente l’attacco , erano troppo spaventati di attraversare il checkpoint per raggiungere la scuola e hanno deciso di rimanere a casa.

La mattina presto sempre del 4 ottobre, i coloni dell’avamposto illegale di Mitzpe Yair hanno bloccato la strada che connette Birr al Idd con Jinba con un roadblock, impedendo agli insegnanti palestinesi provenienti dalla città di Yatta di raggiungere la scuola di Jinba in tempo.

La mattina del 5 ottobre per riaprire la suddetta strada, palestinesi e attivisti del gruppo Ta’ayush hanno rimosso il roadblock.

Attorno alle ore 23:25 del 5 ottobre , una jeep militare israeliana è entrata nel villaggio di At-Tuwani e ha lanciato 4 granate assordanti, terrorizzando i palestinesi nel cuore della notte.

Attorno alle ore 02:00 del 6 ottobre un gruppo di coloni ha compiuto un raid nel villaggio di As Seefer per la seconda volta in due giorni. I coloni hanno tirato pietre contro case e famiglie che dormivano all’aperto, ferendo un bambino di 12 anni della famiglia Abu Qpeita. il bambino è stato trasportato dalla famiglia all’ospedale di Yatta.

 

Operazione Colomba sta registrando una rapida escalation della violenza militare e dei coloni in Cisgiordania. 

Questa violenza contro la popolazione civile palestinese non può essere considerata come guerra al terrorismo, né giustificata da ragioni di sicurezza per Israele, ma è la diretta conseguenza del piano di occupazione israeliano.

Operazione Colomba identifica nell’occupazione della Cisgiordania e dall’assedio della striscia di Gaza come la cornice in cui questa escalation si sta sviluppando. 

Operazione Colomba oltre a rigettare la violenza e l’uso delle armi riconosce il diritto del popolo palestinese alla resistenza, rimanendo accanto e supportando chi come nei villaggi delle colline a sud di Hebron ha intrapreso un cammino di lotta popolare nonviolenta.

Link alle foto :  http://goo.gl/KkduWy

UPDATE: Israeli Army confiscate one sheep and raid in Tuba village on the Eid’s day

settembre 26, 2015 at 8:09 am

On September 24th, in the morning of Eid, one of the most important celebration for Palestinians, in one hill near  Tuba, a small Palestinian village, three soldiers harassed two Palestinians sheperds, that were grazing their flocks, and confiscated one sheep. For identify the owner of the sheep they went inside the village of Tuba and raided three house, meanwhile the inhabitants  were preparing the celabration.
Two young men from the village, together with Internationals, decided to go talking with the soldiers in order to get the sheep back. The soldiers threatened to arrest the Palestinians if  they will see them in the same area again, asserting that is not Palestinian land. Finally the Palestinians succeeded to bring the sheep back home, a precious value for the economy of the village, mostfull sheperds and farmers.

Soldiers confiscating one sheep

Soldiers confiscating one sheep

Esercito israeliano sequestra una pecora e irrompe nel villaggio palestinese di Tuba durante i festeggiamenti dell’ Eid

Il 24 Settembre, nella mattinata dell’Eid, una della feste più importanti per i palestinesi, in una collina vicino a piccolo villaggio di Tuba, tre soldati hanno intimidito e inseguito due pastori palestinesi, che stavano pascolando i loro greggi,e catturato una delle loro pecore. Per identificare il proprietario dell’animale sono entrati nel villaggio di Tuba facendo irruzione in quasi tutte le case, mentre gli abitanti stavano preparando i festeggiamenti.
Due ragazzi del villaggio,accompagnati dagli internazionali, hanno accetto di andare ad incontrare i soldati per recuperare la pecora. Durante la discussione i soldati hanno affermato, minacciandoli, che li avrebbero arrestati se li avessero sorpresi nuovamente a pascolare in quell’area, sottolineando più volte il fatto che quella non è terra palestinese. Infine i palestinesi sono riusciti ad ottenere indietro la pecora, un bene prezioso per gli abitanti dell’area, che sono soprattutto pastori e contadini.

A Palestinian man talking wth the soldier

A Palestinian man talking with an Israeli soldier

Israeli soldiers in the Palestinian village of Tuba

Israeli soldiers in the Palestinian village of Tuba

UPDATE: Israeli military escort late again for the school patrol

settembre 23, 2015 at 4:28 pm

In the morning of September 21, due to an anticipated school closing time, the schoolchildren from Tuba and Maghayir al Abeed arrived at the designated escort meeting place with an advance of 3 hours, at 10.30. The Israeli soldiers who should escort the palestinian children through the shorter route that connect the villages of At-Tuwani and Tuba didn’t appear, although informed.
The children had to wait for the escort one hour and exposed themselves in a dangerous place between Ma’on Israeli settlement and Havat Ma’on illegal outpost, risking to be attacked by violent national-religious Israeli settlers that lives here.
Since the beginning of the school year the escort was late several times, forcing the children to wait on the street and putting themselves at risk.

Palestinian children waiting for the Israeli military escort

Palestinian children waiting for the Israeli military escort

Scorta militare israeliana nuovamente in ritardo per lo school patrol

Nella mattinata del 21 Settembre, in seguito alla riduzione dell’orario scolastico, gli alunni provenienti dai villaggi di Tuba e Maghaiyr al Abeed sono arrivati sul posto prestabilito per essere accompagnati a casa dalla scorta militare israeliana con tre ore di anticipo. I soldati che devono scortare i bambini palestinesi per la strada più breve che collega il villaggio di At Tuwani a quello di Tuba, non si sono presentati, nonostante fossero stati informati.
I bambini hanno dovuto aspettare la scorta per un’ora e restare in un posto molto pericoloso tra la colonia israeliana di Ma’on e l’avamposto illegale di Havat Ma’on, correndo il rischio di essere attaccati dai coloni nazionalisti-religiosi che vivono lì.
Fin dall’inizio dell’anno scolastico la scorta ha accumulato ritardo in diverse occasioni, obbligando i bambini ad aspettare lungo la strada mettendo a rischio la loro incolumità.

After one hour the children can go home

After one hour the children can go home

UPDATE: First days of school in the South Hebron Hills

agosto 25, 2015 at 12:36 pm

August 24 was the first day of school in At Tuwani Palestinian village, in the South Hebron Hills. The school in At Tuwani gathers children from age 6 to 18, coming from the villages of At Tuwani, Al Mufaqarah, Ar Rakeez, Al Birkeh, Tuba and Maghayir al Abeed. For the 11th year in a row the schoolchildren from Tuba and Maghayir al Abeed are coming to school and going back home escorted by the Israeli army. The road that connects Tuba and Maghayir al Abeed to At Tuwani, main gateway to the South Hebron Hills area, became impassable since 15 years ago Havat Ma’on Israeli illegal outpost was built next to the already existing settlement of Ma’on, leaving the road inbetween under continuos threat of violence for the Palestinians. The only Palestinians allowed on the road are the schoolchildren, twice a day, accompanied by an Israeli military escort established in 2004 to protect them from the violence of Israeli settlers.

Schoolchildren gathering in the Palestinian village of Tuba.

Schoolchildren gathering in the Palestinian village of Tuba.

Schoolchildren at the meeting point with the Israeli military escort, between Havat Ma'on illegal outpost and Ma'on settlement.

Schoolchildren at the meeting point with the Israeli military escort, between Havat Ma’on illegal outpost and Ma’on settlement.

Schoolchildren reaching the Palestinian village of At Tuwani, where the school is situated.

Schoolchildren reaching the Palestinian village of At Tuwani, where the school is situated.

Primi giorni di scuola nelle colline a sud di Hebron

Il 24 agosto è iniziata la scuola nel villaggio palestinese di At Tuwani, nelle colline a sud di Hebron. La scuola di At Tuwani è frequentata da bambini e ragazzi dai 6 ai 18 anni, provenienti dai villaggi di At Tuwani, Al Mufaqarah, Ar Rakeez, Al Birkeh, Tuba and Maghayir al Abeed. Per l’undicesimo anno scolastico di fila i bambini di Tuba e Maghayir al Abeed raggiungono la scuola e tornano a casa accompagnati da una scorta militare israeliana. La strada che collega Tuba e Maghayir al Abeed ad At Tuwani, principale ingresso all’area delle colline a sud di Hebron, è divenuta impraticabile 15 anni fa, quando è stato costruito l’avamposto israeliano illegale di Havat Ma’on di fianco alla già esistente colonia di Ma’on, lasciando la strada tra i due sotto continua minaccia di violenze per i palestinesi. Gli unici palestinesi ammessi sulla strada sono gli alunni della scuola, due volte al giorno, accompagnati da una scorta militare israeliana stabilita nel 2004 per proteggerli dalle violenze dei coloni israeliani.

Waiting in a dangerous place

aprile 16, 2015 at 8:27 am

My name is Jaber. Yesterday I waited 1 hour in a dangerous place near an Israeli illegal  outpost. The Israeli military escort, supposed to protect me from the settlers of Havat Ma’on, was late. In the last two week the escort delay exposed me to the settler’s violence for a total of 4 hours and 40 minutes.

Jaber

Jaber, 10 years old (photo by Cristiano Freschi)

Il mio nome è Jaber. Ieri ho aspettato per un ora, in un posto pericoloso accanto all’avamposto, la scorta militare israeliana che in teoria dovrebbe proteggermi dai coloni di Havat Ma’on. Nelle ultime due settimane sono stato esposto per 4 ore e 40 minuti alla violenza dei coloni, a causa dei ritardi della scorta.

UPDATE: The Israeli military escort doesn’t fulfill his duty: schoolchildren put in danger

marzo 25, 2015 at 5:47 pm

scorta assente

The Israeli military escort doesn’t fulfill his duty: schoolchildren put in danger
(Italian follow)

March 25, 2015
At Tuwani – South Hebron Hills, West Bank

This afternoon, for the sixth time since the start of 2015, the Israeli military escort failed to arrive in At Tuwani village to escort the schoolchildren from Tuba and Maghayir al Abeed Palestinian villages home on the road between the Israeli Ma’on settlement and the illegal outpost of Havat Ma’on. After waiting for more than one hour, the children decided to take the long path home with the Internationals. They walked through the same dangerous places where the last saturday a six year old child – present today – was injured by masked settlers.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La scorta militare israeliana non adempie al proprio dovere: bambini in pericolo

25 marzo 2015
At Tuwani – Colline a sud di Hebron, Cisgiordania

La scorta militare israeliana non adempie al proprio dovere: bambini in pericolo
Questo pomeriggio, per la sesta volta dall’inizio del 2015, la scorta militare israeliana non è arrivata al villaggio di At-Tuwani. Dovere della scorta sarebbe accompagnare i bambini usciti da scuola, provenienti dai villaggi di Tuba e Maghayir al Abeed, lungo la strada che passa tra la colonia di Ma’on e l’avamposto illegale di Havat Ma’on. Dopo aver aspettato per più di un’ora, i bambini hanno deciso di prendere la strada lunga verso casa scortati dagli internazionali, camminando per gli stessi luoghi pericolosi in cui lo scorso sabato una bambina di sei anni -oggi presente- è stata ferita da coloni mascherati.

P/R: Six years old Palestinian girl injured by Israeli settlers in the South Hebron Hills

marzo 24, 2015 at 4:16 pm

PRESS RELEASE

Six years old Palestinian girl injured by Israeli settlers in the South Hebron Hills

Settlers violence continue to target Palestinian children

(Italian follows)

March 22, 2015

At Tuwani – South Hebron Hills, West Bank

P1070583On the afternoon of March 21, two settlers attacked two Palestinian girls, throwing stones to them and injuring a six years old child.

At around 3.20 pm, three Palestinian girls were collecting some herbs for family’s livestock in the nearby of the Palestinian village of Tuba. Two masked settlers coming from the Israeli illegal outpost of Havat Ma’on ran after the girls and threw stones to them, hitting a six years old child in the head and leg. The stones injured the little girl that was treated at the scene by an Israeli military doctor, almost two hours later. The little girl and his uncle went to Kyriat Arba police station in order to make a complaint against the settlers. Then the wounded girl was taken in the local medical clinic of Yatta where she was treated with four stitches to the wound on her head.

Palestinian residents of the South Hebron hills have suffered from the presence of Israeli settlers since the 70s. By occupying Palestinian agricultural lands and destroying Palestinian olive trees, crops and property the settlers seek to deprive the Palestinians of their main livelihood. Ongoing settler violence deprives Palestinian families of security in daily life, and restricts their freedom of movement.

On the same day, groups of settlers walked through Palestinian lands in this area, harassing shepherds and international volunteers during all day long.

Twelve days ago, three masked settler children coming from the same illegal outpost of Havat Ma’on, threw stones towards Palestinians children that were collecting herbs in Meshaha Valley, not so far from where the Palestinian girls were attacked. Four years ago, on the same day, the father of the little girl injured was stabbed by an Havat Ma’on settler in his arm and stomach while he was going to the village of At-Tuwani.

Despite attempts by settlers to force them from the area through violence and intimidation, the Palestinian communities of the South Hebron Hills remain strong in their commitment to nonviolent popular resistance against the Israeli occupation.

Operation Dove has maintained an international presence in At-Tuwani and the South Hebron Hills since 2004.

Pictures of the incident: http://goo.gl/Qg87wq

For further information: Operation Dove, 054 99 25 773

[Note: According to the Fourth Geneva Convention, the Hague Regulations, the International Court of Justice, and several United Nations resolutions, all Israeli settlements and outposts in the Occupied Palestinian Territories are illegal. Most settlement outposts, including Havat Ma’on (Hill 833), are considered illegal also under Israeli law.]

 

——-

COMUNICATO STAMPA

Bambina palestinese di sei anni ferita da coloni israeliani nelle colline a sud di Hebron

La violenza dei coloni continua a colpire i bambini palestinesi

22 marzo 2015

At Tuwani – Colline a sud di Hebron, Cisgiordania

Nel pomeriggio del 21 marzo, due coloni israeliani hanno attaccato tre ragazze palestinesi, lanciando pietre contro di loro e ferendo una bambina di sei anni.

Alle 15.20 circa, le tre ragazze stavano raccogliendo erbe per il bestiame di famiglia vicino al villaggio palestinese di Tuba, quando due coloni israeliani con il volto coperto provenienti dall’avamposto illegale di Havat Ma’on hanno lanciato pietre contro di loro, colpendo la bambina di sei anni in testa e sulla gamba. Le pietre hanno ferito la bambina che è stata curata da un medico militare solo due ore dopo l’accaduto. La bambina e lo zio si sono poi recati alla stazione di polizia di Kyriat Arba per sporgere denuncia contro i coloni responsabili dell’attacco. In seguito la bambina è stata portata alla clinica di Yatta, dove è stata curata con quattro punti di sutura per la ferita alla testa.

Gli abitanti palestinesi delle colline a sud di Hebron soffrono la presenza dei coloni israeliani dagli anni Settanta. Occupando le terre agricole palestinesi e distruggendo alberi di ulivo, raccolti e proprietà, i coloni cercano di privare i palestinesi dei loro primari mezzi di sussistenza. Inoltre, la violenza dei coloni impedisce ai palestinesi di vivere in sicurezza la loro vita quotidiana e limita la loro libertà di movimento.

Lo stesso giorno dell’attacco, gruppi di coloni hanno camminato nelle terre palestinesi della zona, scacciando i pastori e i volontari internazionali durante tutta la giornata.

Dodici giorni fa, tre bambini coloni mascherati provenienti dallo stesso avamposto illegale di Havat Ma’on hanno lanciato pietre contro bambini palestinesi che stavano raccogliendo erbe in Meshaha Valley, non molto lontano dal luogo in cui le tre ragazze sono state attaccate. Lo stesso giorno di quattro anni fa, il padre della bambina ferita è stato accoltellato al braccio e alla pancia da un colono di Havat Ma’on mentre si stava recando nel villaggio di At-Tuwani.

Nonostante i tentativi dei coloni di scacciare via i palestinesi dall’area attraverso violenze e intimidazioni, le comunità palestinesi delle colline a sud di Hebron rimangono salde nel loro impegno di resistenza popolare non violenta contro l’occupazione israeliana.

Operazione Colomba mantiene una presenza costante nel villaggio di At-Tuwani e nell’area delle colline a sud di Hebron dal 2004.

Foto dell’incidente: http://goo.gl/Qg87wq

Per informazioni: Operazione Colomba, +972 54 99 25 773

[Note: secondo la IV Convenzione di Ginevra, la II Convenzione dell’Aja, la Corte Internazionale di Giustizia e numerose risoluzioni ONU, tutti gli insediamenti israeliani nei Territori Palestinesi Occupati sono illegali. Gli avamposti sono considerati illegali anche secondo la legge israeliana.]

UPDATE: Israeli military escort fails to guarantee safe passage to children attending school in At Tuwani village

marzo 11, 2015 at 3:27 pm

2

4

Israeli military escort fails to guarantee safe passage to children attending school in At Tuwani village

(Italian follows)

March 10, 2015

At Tuwani – On the afternoon of March 9 the Israeli military escort failed to arrive in At Tuwani village to escort the schoolchildren from Tuba and Maghayir al Abeed Palestinian villages home on the road between Ma’on settlement and the illegal outpost of Havat Ma’on. International volunteers made multiple calls to the army but were told that the soldiers could not be reached.  After waiting for 45 minutes the children decided to take the long path home with the internationals.

On this occasion the children arrived home safely, at about 3:00 pm.  However, about 30 minutes later as the International volunteers were returning to At Tuwani on the same path they witnessed three settler children attacking Palestinian children who were collecting herbs on Palestinian land near Havat Ma’on. The settler children had their faces covered, and one was using a slingshot to fire stones at the Palestinians.  The Palestinians moved away, and there were no consequences for the settlers.

This is the fifth time since the start of 2015 that the Israeli military has failed to escort the schoolchildren from the Palestinian villages of Tuba and Maghayir al Abeed.  On each occasion the children have traveled the long path, which passes near the outpost of Havat Ma’on.  As the presence of masked settler youth on March 9 shows, this path is also dangerous, and the children are forced to expose themselves to the possibility of settler violence in order to move between their homes and their school in At Tuwani village.

 

7

8

La scorta militare israeliana non garantisce la sicurezza dei bambini che si recano a scuola nel villaggio di At Tuwani

10 Marzo 2015

At Tuwani – Nel pomeriggio del 9 Marzo la scorta militare israeliana non si è presentata al villaggio di At Tuwani per accompagnare a casa i bambini dei villaggi palestinesi di Tuba e Maghayir al Abeed sulla strada che passa tra colonia di Ma’on e l’avamposto illegale di Havat Ma’on. I volontari internazionali hanno chiamato ripetutamente l’esercito ma è stato detto loro che la scorta non era raggiungibile telefonicamente. Dopo aver aspettato 45 minuti i bambini hanno deciso di percorrere la strada lunga accompagnati dai volontari internazionali.

In questa occasione i bambini sono tornati a casa senza conseguenze, all’incirca alle ore 15. Ciò nonostante, circa 30 minuti dopo, i volontari internazionali, che stavano tornando a casa per la stesso sentiero, sono stati testimoni di un attacco da parte di tre bambini coloni ai danni di bambini palestinesi che stavano raccogliendo delle erbe nelle terre palestinesi vicino all’avamposto di Havat Ma’on. I bambini coloni avevano il volto mascherato e uno di loro usava una slingshot per lanciare pietre ai palestinesi. I bambini palestinesi poi si sono spostati e non ci sono state conseguenze per i coloni.

Questa è la quinta volta dall’inizio del 2015 che la scorta militare israeliana non accompagna i bambini dei villaggi palestinesi di Tuba e Maghayir al Abeed. Ogni volta i bambini hanno dovuto camminare per la strada lunga, che passa vicino l’avamposto di Havat Ma’on. Come la presenza dei coloni mascherati il 9 Marzo ha dimostrato, la strada è pericolosa, e i bambini sono costretti ad esporsi alla violenza dei coloni per potersi muovere tra la loro casa e la scuola nel villaggio di At Tuwani.

 

Video: Israeli forces arrest two shepherds in the South Hebron Hills

marzo 2, 2015 at 5:52 pm