CALL TO ACTION : At-Tuwani, June 13

giugno 8, 2015 at 1:46 pm

activists2

“AS WE PROMISED, WE’LL NEVER FORGET YOU”

to Rachel, Vittorio, Tom, Angelo. 

(italian follows)

The South Hebron Hills Popular Committee and the Women of the South Hebron Hills invite you to join us in order to celebrate and remember the lives of Rachel Corrie, Vittorio Arrigoni, Tom Hurndall and Angelo Frammartino on June 13 in At Tuwani village.

We will create a memorial made by stones and olive trees from South Hebron Hills. With this “Freedom Garden” we want to honor the four peace activists.

Rachel, Vittorio, Tom and Angelo came to Palestine with hearts filled of love for our country. They were taken from us when we had only just begun to walk together the road for freedom. The same road that the Palestinian are walking through every day . They have left with us the strength and power of their passion for freedom, and they will walk among us forever. Now their hearts beat within our own hearts.They are the sun that continues to shine upon us. Their love for all humanity shines brightly still, and cleanses our minds and hearts of the fear and animosity that would divide us from one another. Their courage and the sacrifice of their lives feeds us as we struggle towards the principles for which they died. Angelo Frammartino, Rachel Corrie, Vittorio Arrigoni and Tom Hurndall are alive within us.

This is an open invitation for Palestinians, Israelis and Internationals and a special invitation for the families of Rachel Corrie, Vittorio Arrigoni, Tom Hurndall and Angelo Frammartino, martyrs in the struggle for freedom.

We will gather in at At-Tuwani village, South Hebron Hills, West Bank Saturday June 13

SOUTH HEBRON HILLS POPULAR STRUGGLE COMMITTEE

WOMAN FROM SOUTH HEBRON HILLS

10:30 gathering

10:40-11:20 introduction and speeches

11:20-13:30 activities :

-opening Freedom Garden

-putting the memorial stones

-planting olive trees

13:30 lunch

14:30 Palestinian song and Dabka dances.

For confirmation of your presence or for more information please contact us : South Hebron Hills Popular Committee facebok page and Operation Dove

(Rachel Corrie, Vittorio Arrigoni and Tom Hurndall were both volunteers with the International Solidarity Movement. Rachel Corrie, a citizen of the United States, was killed in March 16, 2004, when she was crushed by an Israeli bulldozer as she attempted to block the demolition of a home in Gaza. Vittorio Arrigoni, an Italian writer and activist, was killed by Palestinian extremists in April 20, 2011 in Gaza. Thomas “Tom” Hurndall was a British photography student and an activist. On 11 April 2003, he was shot in the head in the Gaza Strip by an Israel Defense Forces (IDF) sniper. Hurndall was left in a coma and died nine months later. Angelo Frammartino italian volunteer was stabbed by one young Plestinan, in the old city of Jerusalem during summer camp activity). 

 

 

———————————————————————————————————————

 

 

“COME ABBIAMO PROMESSO, NON VI DIMENTICHEREMO”

per Rachel, Vittorio, Tom, Angelo. 

Il Comitato Popolare delle colline a sud di Hebron e le donne delle colline a sud di Hebron vi invitano il 13 giugno 2015 a ricordare le vite di Rachel Corrie, Vittorio Arrigoni, Tom Hurndall e Angelo Frammartino costruendo un memoriale in pietra e piantando degli alberi d’ulivo nelle colline a sud di Hebron.

Il “Freedom Garden” sopra al villaggio e il memoriale vicino alla clinica onoreranno così gli attivisti per la Pace.

Rachel, Vittorio, Tom e Angelo sono venuti in Palestina con il cuore pieno d’amore per questo paese. Ce li hanno strappati quando avevamo appena cominciato a camminare insieme sulla strada della libertà. La stessa strada che i palestinesi percorrono ogni giorno. Adesso i loro cuori battono nei nostri cuori, ci hanno lasciato la forza della loro passione per la libertà e cammineranno con noi per sempre.Rachel Corrie, Vittorio Arrigoni, Tom Hurndall and Angelo Frammartino sono vivi dentro di noi, sono il sole che continua a splendere sulle nostre teste. Il loro amore per tutta l’umanità risplende ancora luminosamente e purifica le nostre menti e i nostri cuori dalla paura e dall’ostilità, che ci dividono l’uno dall’altro. Il loro coraggio e il sacrificio delle loro vite ci permettono di continuare a lottare per i principi per i quali sono morti.

Questo invito è aperto a palestinesi, israeliani ed internazionali, specialmente alle famiglie di Rachel Corrie, Vittorio Arrigoni, Tom Hurndall and Angelo Frammartino martiri della lotta per la libertà.

Ci si ritroverà il 13 Giugno 2015 ad At Tuwani, Colline a Sud di Hebron, West Bank.

SOUTH HEBRON HILLS POPULAR STRUGGLE COMMITTEE

WOMEN OF SOUTH HEBRON HILLS

Programma:

10:30 Ritrovo

10:40-11:20 Introduzione e discorso

11:20-13:30 Attività :

-apertura del Freedom Garden

-posizionamento del memoriale

-trapianto  degli alberi di ulivo

13:30 Pranzo

14:30 Canti palestinesi e danza Dabka

La manifestazione sarà seguita da un pranzo accompagnato da canti e dalla dabke palestinese.

Per confermare la vostra presenza e per ulteriori informazioni contattare: pagina facebook del South Hebron Hills Popular Committee e Operazione Colomba.

(Rachel Corrie, Vittorio Arrigoni and Tom Hurndall erano volontari dell’ISM – International Solidarity Movement. Rachel Corrie, cittadina statunitense, è stata uccisa il 16 marzo 2004, schiacciata da un bulldozer israeliano, mentre tentava di impedire la demolizione di una casa a Gaza. Vittorio Arrigoni, scrittore ed attivista, è stato ucciso a Gaza da estemisti palestinesi il 20 aprile 2011. Thomas “Tom” Hurndall era uno studente di fotografia ed un attivista inglese. Un cecchino dell’esercito israeliano gli ha sparato in testa nella striscia di Gaza l’11 aprile 2011. Hurndall è stato in coma per nove mesi prima di morire. Angelo Frammartino, volontario italiano, è stato accoltellato da un giovane palestinese nella città vecchia di Gerusalemme dove si era impegnato per l’attività dei campi estivi)

CALL TO ACTION : Friday June 5, march to save Susiya.

giugno 4, 2015 at 8:40 am

This Friday, join Combatants for Peace in marching in solidarity with the residents of Susya, currently living under the immediate threat of forced displacement. 

Susya-Combants4peacephoto

Shuttles leaving:
8:00 - Tel Aviv (Arlozoroff train station next to Shlomo Sixt)
9:00- Jerusalem (Teddy Stadium)
9:30- Beer Sheva (Parking lot of Merkaz Hamorim)

Please register on the form here
Facebook event here
 
Estimated return time: 14:00 

Please bring a hat, water, sunscreen and a snack.

PLEASE NOTE: Combatants for Peace considers it necessary to inform that the situation in Susya is sensitive in terms of local settlers who oppose the protest, as well as in terms of the army presence. CFP is a bi-national movement advocating non-violence. In all of our activities, we emphasize non-violent protest.

UPDATE : military trainings damaged Palestinian harvest in Jinba, South Hebron Hills.

maggio 29, 2015 at 6:05 pm

foto4

On May 14, an Israeli military training took place on a Palestinian- owned fields, near to the Palestinian Village of Jinba, on Masafer Yatta, in Firing Zone 918.

During the training, Palestinian inhabitants suffered destruction of their owned fields and a restriction on freedom of movement. A part of their cultivated fields were damaged by military activities and the shepherds had to herd their flock in a limited area. Because of this, Palestinians suffered the consequences of a loss in their familiar economy.

foto2

According to the international law, Israeli Army violated the rights of the population of the occupied territory:

– Article 46 of Huauge Declaration states that the private property must be respected and can’t be confiscated;

– Article 53 of IVth Geneva Convention asserts that the destruction of private property is forbidden except where it “is rendered absolutely necessary by military operation”. This necessity clearly refers to combat situation. So a military training cannot be justified because it does not constituted a military need and for that reason the destruction of the fields is unlawful.

foto1

(italian follows)

UPDATE : Trainings militari danneggiano il raccolto nel villaggio plaestinese di Jinba, South Hebron Hills

foto3

 

Il 14 Maggio, su campi palestinesi vicino al villaggio di Jimba, Masafer Yatta, Firing Zone 918, si è svolta un’esercitazione militare dell’esercito israeliano.

Durante l’esercitazione, gli abitanti del villaggio hanno subito danni alle loro terre e limitazioni alla loro libertà di movimento. Infatti una parte dei campi coltivati è stata danneggiata e i pastori sono stati costretti a far pascolare i loro greggi in aree limitate. Questo rappresenta per i palestinesi una perdita nella loro economia di sussistenza familiare.

foto2

Secondo la legge internazionale, l’esercito israeliano ha violato i diritti delle popolazioni dei territori occupati:

-Art. 46 della Convenzione dell’Aia, dichiara che la proprietà privata deve essere rispettata e non può essere confiscata;

– Art. 53 della IV Convenzione di Ginevra, afferma che la distruzione della proprietà privata è vietata tranne in caso in cui è assolutamente necessaria per operazioni militari. Questa necessità fa chiaramente riferimento ad un contesto di guerra. Le esercitazioni militari non sono quindi giustificate e non costituiscono una necessità militare e per questa ragione la distruzione delle terre è illegale.

foto1

VIDEO : Demonstration in Susiya on May 16, 2015

maggio 17, 2015 at 11:25 am

 

On May 16, Palestinians from South Hebron Hills and from different popular Struggle Committee of all West Bank, Israeli an international activists, gathered in Susiya village (that is suffering for the imminent eviction’s threat) in order to demonstrate their solidarity with the villagers.

The demonstration was also to remember the Nakba of 1948, when an estimated 700,000 Palestinians were expelled  from their own land and hundreds of Palestinians town and villages were destroyed.

(italian follows)

Il 16 maggio i palestinesi delle Colline a Sud di Hebron e di vari Comitati di Resistenza Popolare da tutta la Cisgiordania, assieme ad attivisti israeliani e internazionali, si sono radunati a Susiya (che è sotto minaccia di demolizione) per manifestare la loro solidarietà verso gli abitanti di questo villaggio.

La manifestazione è stata fatta anche in ricorrenza del memoriale della Nakba del 1948, quando circa 700,000 Palestinesi furono espulsi dalla propria terra e molte delle loro città e villaggi distrutti.

 

UPDATE : two demolition orders delivered in Susiya

maggio 11, 2015 at 12:35 pm

 

On May 10, at 10:40 am, DCO, accompanied by Israeli Army, delivered the demolition orders for two animal shelters in the Palestinian village of Susiya. The officer also pictured structures belonging to the village as houses,  the school and the recreation ground.

P1080673 copia

In 1986 the village of Susiya was declared archeological site, its land expropriated and inhabitants were evicted and forced to move in their nearby agricultural land where on 2012, Israel’s Civil Administration distributed demolition orders to over 50 temporary structures.

P1080679 copia

In 2014 the residents of Susiya, represented by Rabbi for Human Rights, sued for a request to freeze the demolition order’s implementation. In 2015, on May 5,  the Israeli High Court rejected that request, allowing the demolition of the village.

P1080680 copia

Now the threat to be evicted and deported again, becomes more imminent for the inhabitants  of Susiya.

(italian follows)

 

 

Il 10 maggio, alle 10:40 del mattino, la DCO (District Coordination Office), accompagnata dall’esercito israeliano, ha consegnato l’ordine di demolizione a due ricoveri per animali, nel villaggio palestinese di Susiya. L’ufficiale della DCO ha inoltre fotografato doverse strutture del villaggio, come la scuola, il parco giochi e le case.

P1080675 copia

Nel 1986 il villaggio di Susiya fu dichiarato sito di interesse archeologico. Gli abitanti di conseguenza furono evacuati, le loro terre espropriate, e furono obbligati a ricollocarsi nei propri terreni agricoli limitrofi, dove, nel 2012, l’amministrazione civile israeliana consegnò 50 nuovi ordini di demolizione alle strutture abitative temporanee.

P1080677 copia

Nel 2014, i palestinesi residenti di Susiya, rappresentati in sede legale dai Rabbini per i Diritti Umani, hanno consegnato una petizione per congelare l’implementazione degli ordini di demolizione. Il 5 maggio 2015, l’alta corte israeliana ha rifiutato questa richiesta, permettendo così la distruzione del villaggio palestinese.

P1080690 copia

Attualmente, per gli abitanti di Susiya,  la minaccia di essere sgomberati e deportati nuovamente sta diventando ogni giorno più incombente.

P1080702 copia

UPDATE: Two episodes of harassment against Palestinians

maggio 3, 2015 at 11:25 am


P1080378

On may 2,  a group of 4 adult settlers (one of them armed) harassed one Palestinian with his son, while they were going back home through Humra valley. The settlers waited for them in a close military area for Israeli. The Palestinians decided to call OD volunteers who accompanied them until Meshaha Valley.When the Internationals arrived, the settlers moved to Palestinian village of Kharrouba (that was evicted in 1999) and entered caves and houses.

In the past two days another episode of harassment took place.

On may 1,  2 Palestinians (a 6 years old child, with his sister) were harassed and chased by settlers, while they were going back home to the Palestinian village of Tuba.When Palestinians accompanied by OD volunteers arrived near Shab el Shamsti a group of 6 settlers started to scream and run towards them.The Palestinians got scared and escaped in order to reach a safer place.

This is an alarming trend because the ongoing settlers’ harassment of Palestinians and damage of Palestinian property increases the difficulties and the dangers that inhabitants of South Hebron Hills have to face daily, living under Israeli occupation in area “C”.

(italian follows)

P1080385

Il due maggio, un gruppo di quattro coloni, di cui uno armato, hanno intimidito un uomo palestinese con suo figlio, mentre stavano tornando a casa percorrendo Humra Valley. I coloni hanno aspettato i palestinesi in una zona militare chiusa per gli israeliani. I palestinesi hanno deciso di chiamare i volontari di Operazione Colomba che li hanno accompagnati fino a Meshaha Valley.Dopo l’arrivo degli internazionali, i coloni si sono spostati verso il villaggio palestinese di Kharrouba (evacuato nel 1999), entrando nelle grotte e nelle case.

Un altro episodio intimidatorio si è verificato negli ultimi due giorni.

Il primo maggio, due palestinesi (un bambino di sei anni con sua sorella) sono stati inseguiti dai coloni, mentre stavano tornando verso casa, al villaggio palestinese di Tuba.Quando i palestinesi, accompagnati da due volontari internazionali di Operazione Colomba, sono arrivati vicino a Shab el Shamsti, un gruppo di sei coloni ha iniziato a urlare e a correre verso di loro.I palestinesi, spaventati, sono scappati per raggiungere un luogo più sicuro.

Questo è un trend preoccupante dal momento che le continue intimidazioni da parte dei coloni, i danneggiamenti alle proprietà palestinesi aumentano notevolmente le difficoltà e i rischi che gli abitanti delle Colline a Sud di Hebron affrontano giornalmente, vivendo sotto l’occupazione israeliana in area “C”.

P1080386

To build R-existance

aprile 27, 2015 at 6:06 pm

 

IMGP1657

Although they suffered by the 1999 eviction, during which the population of 15 villages was deported (and villages demolished) , although they suffered by several and continuous house demolitions, Palestinian from South Hebron Hills never gave up.
In this area where Israeli Army and settlers try to make the life impossible for Palestinians, resistance means existence.

Today, as in the previous two years, Palestinians continue to rebuild the demolished houses and structures like mosque, school and ovens.
Several families have been returning in their villages and the community is getting bigger.
The struggle of Palestinians from South Hebron Hills is successful as they inverted the strategy of Israeli occupation, that wants to evict Palestinian communities living in Area C (under under full Israeli administrative and military control, according Oslo Accords).

(italian follows)

CIMG6844

Sebbene abbiano sofferto l’evacuazione del 1999, durante la quale la popolazione di 15 villaggi fu deportata (e i villaggi demoliti), sebbene abbiano subìto numerose e continue demolizioni, i palestinesi delle colline a sud di Hebron non si sono mai arresi.In quest’area in cui l’esercito israeliano e i coloni tentano di rendere la vita impossibile ai palestinesi, resistenza significa esistenza.

Oggi, così come negli ultimi due anni, i palestinesi hanno continuato a ricostruire le case demolite e le strutture come moschee, scuola e forni.Numerose famiglie stanno ritornando ai loro villaggi e la comunità si sta allargando sempre più.La lotta dei palestinesi delle South Hebron Hills è efficace perché è riuscita a invertire l’obiettivo della strategia dell’occupazione israeliana, che vorrebbe evacuare tutti i palestinesi delle comunità che vivono in area C (sotto il completo controllo amministrativo e militare, stando agli accordi di Oslo).

Waiting in a dangerous place

aprile 16, 2015 at 8:27 am

My name is Jaber. Yesterday I waited 1 hour in a dangerous place near an Israeli illegal  outpost. The Israeli military escort, supposed to protect me from the settlers of Havat Ma’on, was late. In the last two week the escort delay exposed me to the settler’s violence for a total of 4 hours and 40 minutes.

Jaber

Jaber, 10 years old (photo by Cristiano Freschi)

Il mio nome è Jaber. Ieri ho aspettato per un ora, in un posto pericoloso accanto all’avamposto, la scorta militare israeliana che in teoria dovrebbe proteggermi dai coloni di Havat Ma’on. Nelle ultime due settimane sono stato esposto per 4 ore e 40 minuti alla violenza dei coloni, a causa dei ritardi della scorta.