VIDEO-UPDATE : Clashes in Zif, entrance of Yatta City

ottobre 17, 2015 at 6:46 pm

On October 16, at around 5 pm, Operation Dove volunteers registered clashes in Ziff area between Palestinian protesters and Israeli soldiers.

October 16 was a special days for Palestinians since the call for the “Friday of anger” in order to support and confirm the continuation of Jerusalem Intifada.

At the entrance of the town, few Palestinian protesters and Israeli soldiers were engaging in confrontations from a long distance, while others Palestinians youngerst were looking at the scene from the Ziff’s hill.

Once the Israeli soldiers noticed the OD volunuteers and other journalists filming the scene they started firing tear gas and sound bombs at them.

Israeli soldiers started advancing towards the protestors which recoiled inside the city.

Despite Yatta is located in Area A, Israeli soldiers entered the city and fired multiple gunfire shots and tear gases between the houses.

———————————–

UPDATE : Scontri a Zif,  all’entrata della città di Yatta.

Venerdì 16 ottobre i volontari di Operzione Colomba hanno ripreso gli scontri tra palestinesi e soldati israeliani avvenuti a Zif.

Il venerdì è stato proclamato “Giorno della Rabbia” , inteso come chiamata a supportare e confermare l’Intifada per Gerusalemme.

Mentre alcuni palestinesi si confrontavano con i soldati israeliani all’entrata della città, altri palestinesi si sono spostati sulle colline di Zif.

Dopo aver individuato i giornalisti tra cui i volontari di Operazione Colomba che riprendevano la scena, i militi israeliani hanno sparato loro contro gas lacrimogeni e bombe sonore.

I soldati hanno poi cominciato ad avanzare verso i manifestanti palestinesi che si sono radunati entro la città. Nonostante Yatta sia in Area A, i soldati israeliani vi sono entrati, sparando diversi colpi di arma da fuoco e gas lacrimogeni tra le case.

UPDATE : Clashes in Southern Hebron Hills, after the killing of Palestinian teenager.

ottobre 8, 2015 at 12:36 pm

P1020096

(italian follows)

On October 7, after Israeli forces killed one Palestinian boy (from Yatta city, aged 17) who tried to stab a soldier in Kiryat Gat (according with Israeli Police sources) , clashes took place in many place of the Southern West Bank.

SnapShot-2015-10-08-13h26m56s217

At Around 03:15 p.m. clashes erupted at the entrance of At Tuwani village. After demonstrators burned some tires, Israeli forces arrived in order to repress the gathering. Clashes continued up to the Palestinian village of Al Birkeh, where Israeli settlers had a trip last week. During the clashes an armed settler run towards Palestinian, in order to attack them. No persons wounded to report.

SnapShot-2015-10-08-13h22m48s220

At around 5:00 p.m. Israeli forces tried to enter the city of Yatta (area A) in order to demolish the house of the boy killed as collective punishment, but they were prevented to reach the house by the Palestinian population. Inhabitants of Yatta blocked all the accesses to the city with roadblocks.

SnapShot-2015-10-08-14h27m12s22

————————————————————————-

UPDATE : Scontri nel sud della Cisgiordania, dopo l’uccisione di un giovane palestinese di Yatta

Mercoledì 7 ottobre , dopo l’uccisione da parte delle forze israeliane di un palestinese ventunenne di Yatta a Kiryat Gat (che secondo fonti della polizia israeliana avrebbe tentato di accoltellare un soldato), diversi scontri tra palestinesi e esercito israeliano sono avvenuti nel sud della Cisgiordania.

SnapShot-2015-10-08-13h41m35s240

Attorno alle 15:15 sono iniziati degli scontri all’entrata del villaggio di At Tuwani. In seguito all’incendio di alcune ruote da parte di manifestanti palestinesi, le forze israeliane sono arrivate per reprimere la protesta. Gli scontri sono poi continuati sino al villaggio palestinese di Al Birkeh, in cui, la scorsa settimana c’era stato un attacco da parte di coloni israeliani. Durante gli scontri anche un colono armato ha rincorso i dimostranti, con l’intento di attaccarli. Non sono stati riportati feriti.

SnapShot-2015-10-08-13h27m17s159

Attorno alle 17:00 le forze israeliane hanno tentato di entrare a Yatta (area A) per demolire l’abitazione del ragazzo palestinese ucciso la mattina, come misura di “punizione collettiva”. I militari sono stati fermati dalla popolazione palestinese. Gli abitanti di Yatta infatti, hanno bloccato gli accessi alla città con dei roadblocks.

Operation Dove concern about the ongoing escalation of violence in the West Bank

ottobre 6, 2015 at 12:45 pm

 

Tension increased up to the South Hebron Hills: several attacks against Palestinians

(italian follows)

Tensions between Palestinians and Israeli settlers in the occupied West Bank have soared in recent days after two Israeli settlers were shot dead near Nablus on Thursday October 1 by suspected Palestinian attackers. Since the shootings, there has been an upsurge of settler attacks against Palestinian people and their property.

Clashes have erupted across the occupied West Bank, including East Jerusalem, as a result of ongoing confrontations between Palestinians and Israeli forces at the Al-Aqsa Mosque compound. Palestinians religious authority claim that the continuos and repeated settler’s tours on the al-Aqsa mosque are provocating and violating the sacratility of one of the most important places for the muslims worshippers.

Israeli police says they are restricting access to the Old City of Jerusalem aftera Palestinian man killed two Israelis in the historic neighborhood.Only Israeli citizens, Old City residents, tourists, businesspeople working in the area and students studying there will be allowed to enter, police said in a statement Sunday.

A large number of Israeli settler attacks were reported across South Hebron Hills area during the weekend.

On October 3 at around 10 pm a group of settlers were reported to have stormed al-Birkeh (nearby Yatta), and assaulted an unarmed elderly Palestinian park guard (65 years old), locals said.

On October 3 at night, as Maan News reported, a group of settlers smashed the windows of a car belonging to a Palestinian doctor, Imad Abu Iram, near the village of Zif, south of Hebron.

On October 4, at about 2 am, Israeli settlers attacked the Palestinian village of As-Seefer. After having teared down the fence dividing the village from the settlement of Metzadot Yehuda which surround the palestinian village, the settlers started throwing stones to houses. The attack in the middle of the night scared all families living there and damaged a car, an aluminum canopy and solar panels. Children of As-Seefer, the day after the attack, were too afraid to cross the checkpoint to go to school, and decided to stay at home.

In the early morning of October 4, settlers from Mitzpe Yair illegal outpost closed the road from Birr al Idd to Jinba with a roadblock preventing Palestinian teachers to arrive on time to Jinba school.

On Monday October 5 in order to re-open the road,Palestinians and Ta’ayush Israeli activists removed the roadblock.

On October 5 in At-Tuwani village an army jeep entered the village at 11.25 p.m. and threw 4 stun granades between the houses scaring Palestinians in the middle of the night.

On Thursday October 6, at around 2:00 a.m. settlers raided the village of As-Sefeer for the second time in three days. Settlers threw stones against houses and families, injuring one children of 12 years old from the Abu Qpeita’s family. Settlers also damaged again the solar panels of the village. The injured children was took to Yatta hospital.

 

OD is registering a very fast escalation of settlers and Israeli military violence in all the West Bank.

This violence against Palestinian civil population cannot be considered as a “war against terrorism” neither cannot be justified with Israeli security needs, but is the direct consequence of the Israeli Occupation plan. 

OD looks at the Israeli occupation of the West Bank and the Gaza siege, with its continuing settlement expansion and military repression, as the frame which this escalation is developing in.

OD rejects any kind of violence and recourse to weapon and, at the same time, recognizes the right for Palestinian people to resist.

OD is accompanying and supporting the palestinian nonviolent popular struggle.

OD has maintained an international presence in At-Tuwani and the South Hebron Hills since 2004.

 

Link to Photos : http://goo.gl/KkduWy

—————————————————–

Operazione Colomba esprime preoccupazione per la continua escalation di violenza in Cisgiordania

Sale la tensione nelle Colline a Sud di Hebron : diversi gli attacchi ai danni dei Palestinesi

Le tensioni tra palestinesi e coloni israeliani si sono acuite negli ultimi giorni dopo che 2 coloni sono stati uccisi vicino Nablus giovedì 1 Ottobre in un attacco di cui sono sospettati i palestinesi. Da quel momento si è verificato un massiccio incremento di attacchi dei coloni contro la popolazione civile palestinese e le proprietà.

Gli scontri sono scoppiati in tutta la Cisgiordania, Gerusalemme Est compresa, come risultato del continuo confronto tra palestinesi e militari israeliani per il complesso della Moschea di Al-Aqsa. Le autorità religiose palestinesi recriminano per i continui e ripetuti tour dei coloni nella moschea di Al-Aqsa che sono stati percepiti come una provocazione e hanno violato la sacralità di uno dei luoghi più importanti per i fedeli mussulmani.

La polizia sraeliana comunica che le restrizioni all’accesso nella Città Vecchia di Gerusalemme sono dovute all’omicidio di due israeliani per mano di un palestinese avvenuto nel centro storico.

Solo i cittadini israeliani, i residenti della Città Vecchia, i turisti, gli uomini d’affari che lavorano nell’area e gli studenti che vi studiano hanno il permesso di entrarvi, come riferito domenica da un comunicato della polizia.

Operazione Colomba ha registrato diversi attacchi nell’area delle colline a Sud di Hebron.

Nella notte di sabato 3 ottobre, attorno alle 22:00 un gruppo di coloni dopo essere entrato nel villaggio di Al Birkeh (vicino alla città di Yatta), ha attaccato la guardia anziana disarmata (65 anni) del parco del villagio, come riportano i locali.

Sempre nella notte di sabato 3 ottobre un gruppo di coloni ha distrutto i vetri della macchina del dottor Imad Abu Iram, nella cittadina di Ziff, situata a sud di Hebron.

Domenica mattina 4 ottobre attorno alle 2 del mattino, coloni israeliani hanno attaccato il villaggio di As Seefer. dopo aver abbattuto la rete che divide il villaggio dalla colonia di Metzadot Yehuda(che circonda il villaggio palestinese), i coloni hanno iniziato a lanciare pietre contro le case e le tende. L’attacco, avvenuto a notte fonda, ha terrorizzato gli abitanti di As Seefer e ha portato al danneggiamento di una macchina, due pannelli solari e una tettoia. I bambini di As Seefer , il giorno seguente l’attacco , erano troppo spaventati di attraversare il checkpoint per raggiungere la scuola e hanno deciso di rimanere a casa.

La mattina presto sempre del 4 ottobre, i coloni dell’avamposto illegale di Mitzpe Yair hanno bloccato la strada che connette Birr al Idd con Jinba con un roadblock, impedendo agli insegnanti palestinesi provenienti dalla città di Yatta di raggiungere la scuola di Jinba in tempo.

La mattina del 5 ottobre per riaprire la suddetta strada, palestinesi e attivisti del gruppo Ta’ayush hanno rimosso il roadblock.

Attorno alle ore 23:25 del 5 ottobre , una jeep militare israeliana è entrata nel villaggio di At-Tuwani e ha lanciato 4 granate assordanti, terrorizzando i palestinesi nel cuore della notte.

Attorno alle ore 02:00 del 6 ottobre un gruppo di coloni ha compiuto un raid nel villaggio di As Seefer per la seconda volta in due giorni. I coloni hanno tirato pietre contro case e famiglie che dormivano all’aperto, ferendo un bambino di 12 anni della famiglia Abu Qpeita. il bambino è stato trasportato dalla famiglia all’ospedale di Yatta.

 

Operazione Colomba sta registrando una rapida escalation della violenza militare e dei coloni in Cisgiordania. 

Questa violenza contro la popolazione civile palestinese non può essere considerata come guerra al terrorismo, né giustificata da ragioni di sicurezza per Israele, ma è la diretta conseguenza del piano di occupazione israeliano.

Operazione Colomba identifica nell’occupazione della Cisgiordania e dall’assedio della striscia di Gaza come la cornice in cui questa escalation si sta sviluppando. 

Operazione Colomba oltre a rigettare la violenza e l’uso delle armi riconosce il diritto del popolo palestinese alla resistenza, rimanendo accanto e supportando chi come nei villaggi delle colline a sud di Hebron ha intrapreso un cammino di lotta popolare nonviolenta.

Link alle foto :  http://goo.gl/KkduWy

UPDATE: Stop work order delivered for school in South Hebron Hills

settembre 3, 2015 at 8:22 am

11944547_541647785986184_537612692_n

On September 2, in the morning, Israeli District Coordination Office (DCO) and soldiers broke into the school of Shaab al-Butum, a Palestinian village situated in the South Hebron Hills.
DCO and soldiers irrupted into the backyard of the school and delivered stop work order for all the structure, including the fences. Therefore, they intimidated the children and interrupted the lessons.
The school is a brand-new structure that was inaugurated just last week. It encompasses the first six classes and receives thirty-two children coming from Shaab al-Butum and the surrounding villages. Without this school, the children would have to go to the further village of At-Tuwani or to the cities of Al-Birkeh and Yatta to attend classes.

P1010659
UPDATE: Ordine di fermo dei lavori consegnato ad una scuola nelle colline a sud di Hebron

Nella mattina del 2 settembre, ufficiali della Amministrazione civile israeliana (DCO) e soldati dell’esercito israeliano hanno fatto irruzione nella scuola di Shaab al-Butum, un villaggio palestinese situato nell’area delle colline a Sud di Hebron.
DCO e soldati sono entrati nel cortile della scuola e hanno consegnato ordini di fermo dei lavori per l’intera struttura, comprese le recinzioni esterne. Così facendo, hanno spaventato i bambini ed interrotto le lezioni.
La scuola è una struttura di recentissima costruzione, inaugurata soltanto la settimana scorsa. Comprende le classi dalla prima alla sesta ed accoglie trentadue bambini provenienti da Shaab al-Butum e dai villaggi limitrofi. Senza questa scuola, i bambini sarebbero costretti ad arrivare fino al villaggio di At-Tuwani o nelle città di Al-Birkeh e Yatta, molto più distanti, per frequentare le lezioni.

11992490_541647789319517_347041024_nP1010652

UPDATE: First days of school in the South Hebron Hills

agosto 25, 2015 at 12:36 pm

August 24 was the first day of school in At Tuwani Palestinian village, in the South Hebron Hills. The school in At Tuwani gathers children from age 6 to 18, coming from the villages of At Tuwani, Al Mufaqarah, Ar Rakeez, Al Birkeh, Tuba and Maghayir al Abeed. For the 11th year in a row the schoolchildren from Tuba and Maghayir al Abeed are coming to school and going back home escorted by the Israeli army. The road that connects Tuba and Maghayir al Abeed to At Tuwani, main gateway to the South Hebron Hills area, became impassable since 15 years ago Havat Ma’on Israeli illegal outpost was built next to the already existing settlement of Ma’on, leaving the road inbetween under continuos threat of violence for the Palestinians. The only Palestinians allowed on the road are the schoolchildren, twice a day, accompanied by an Israeli military escort established in 2004 to protect them from the violence of Israeli settlers.

Schoolchildren gathering in the Palestinian village of Tuba.

Schoolchildren gathering in the Palestinian village of Tuba.

Schoolchildren at the meeting point with the Israeli military escort, between Havat Ma'on illegal outpost and Ma'on settlement.

Schoolchildren at the meeting point with the Israeli military escort, between Havat Ma’on illegal outpost and Ma’on settlement.

Schoolchildren reaching the Palestinian village of At Tuwani, where the school is situated.

Schoolchildren reaching the Palestinian village of At Tuwani, where the school is situated.

Primi giorni di scuola nelle colline a sud di Hebron

Il 24 agosto è iniziata la scuola nel villaggio palestinese di At Tuwani, nelle colline a sud di Hebron. La scuola di At Tuwani è frequentata da bambini e ragazzi dai 6 ai 18 anni, provenienti dai villaggi di At Tuwani, Al Mufaqarah, Ar Rakeez, Al Birkeh, Tuba and Maghayir al Abeed. Per l’undicesimo anno scolastico di fila i bambini di Tuba e Maghayir al Abeed raggiungono la scuola e tornano a casa accompagnati da una scorta militare israeliana. La strada che collega Tuba e Maghayir al Abeed ad At Tuwani, principale ingresso all’area delle colline a sud di Hebron, è divenuta impraticabile 15 anni fa, quando è stato costruito l’avamposto israeliano illegale di Havat Ma’on di fianco alla già esistente colonia di Ma’on, lasciando la strada tra i due sotto continua minaccia di violenze per i palestinesi. Gli unici palestinesi ammessi sulla strada sono gli alunni della scuola, due volte al giorno, accompagnati da una scorta militare israeliana stabilita nel 2004 per proteggerli dalle violenze dei coloni israeliani.

Camping in Susiya

agosto 16, 2015 at 1:07 pm

P1090997 copia

Camping in Susiya

On August 14th, the Popular Struggle Coordination Committee called for action in Susiya village, in the South Hebron Hills. More than 60 people gathered between palestinians from all over the West Bank and some internationals. The event was part of the support campaign for Susiya population, who is living under demolition threat.

In the afternoon the group inaugurated a memorial for Ali Dawabsha at the entrance of the village, the baby killed in a settlers’ attack in Duma in the end of july. During the event, Israeli soldiers from Suseya settlement fired some shots to the sky while people from the village were flying kites.

Evening and night kept going with a dinner, followed by dabka dances, songs, testimonies and prayers.

11845095_10204737377943003_8369012412354499287_o

P1100002 copia

Camping in Susiya

Venerdì 14 agosto il Popular Struggle Coordination Committee ha organizzato un’azione nel villaggio palestinese di Susiya, nelle colline a Sud di Hebron, a cui hanno partecipato più di 60 persone, tra palestinesi provenienti da tutti i Territori Occupati e internazionali. L’evento è parte della campagna di supporto alla popolazione di Susiya, che continua a vivere sotto minaccia di demolizione.

Nel pomeriggio si è inaugurato all’entrata del villaggio un memoriale per Ali Dawabsha, il bambino ucciso in un attacco di coloni a Duma. Durante l’evento, mentre le persone del villaggio stavano facendo volare degli aquiloni, i soldati israeliani nella colonia di Susiya hanno sparato alcuni colpi di arma da fuoco verso il cielo.

La serata è continuata con la cena, le dabke (balli tradizionali palestinesi), canzoni, preghiere e testimonianze.

P1100009 copia

UPDATE: New demolitions in South Hebron Hills

agosto 5, 2015 at 12:46 pm

  SnapShot-001 15.20.33 SnapShot-2015-08-05-15h12m14s77

UPDATE: New demolitions in South Hebron Hills

(Italian follows)

While the entire international attention is focused on Susiya, allowing its Palestinian inhabitants to resist the forced eviction, the Israeli policy of destruction of Palestinian villages is still going on, far from the gaze of the main medias.

On August 4, three villages in the South Hebron Hills area have been subjected to demolitions. In Umm ad Daraj two sheep shelters have been flattened, right before in Umm Dirit a 900 square meters wide fence has been destroyed with the flock inside while only women and children were present in the village. The fence was standing on Palestinian land, a few meters from the Israeli illegal outpost of Avigayil. Finally, in Jawwaya the Israeli water company Mekorot destroyed the pipes that supplied water to the village, essential for the men’s and animal’s survival.

According to the UN, in West Bank and East Jerusalem, in the last three months 92 structures have been demolished, among houses, agricultural equipment and wash items, affecting a total of 674 people, most of them children.

009

UPDATE: Nuove demolizioni nelle colline a Sud di Hebron

Mentre tutta l’attenzione internazionale è concentrata su Susiya, permettendo ai suoi abitanti di resistere all’evacuazione forzata, la politica israeliana di distruzione dei villaggi palestinesi non si ferma, lontano dallo sguardo dei media.

Il 4 agosto tre villaggi nelle colline a sud di Hebron sono stati soggetti a demolizioni. Ad Umm ad Daraj sono stati rasi al suolo due ricoveri per pecore, mentre nel villaggio di Umm Dirit è stata distrutta una recinzione ampia 900 metri quadri mentre vi erano delle pecore all’interno e nel villaggio erano presenti solo donne e bambini. La recinzione si trovava su terra di proprietà palestinese, a pochi metri dall’avamposto israeliano illegale di Avigayil. Infine, a Jawwaya la compagnia idrica israeliana Mekorot ha distrutto le tubature che fornivano acqua al villaggio, essenziale per la sopravvivenza di uomini e animali.

Secondo l’ONU, in Cisgiordania e a Gerusalemme est, negli ultimi tre mesi 92 strutture sono state demolite, tra abitazioni, attrezzi agricoli e vasche per raccolta d’acqua, colpendo un totale di 674 persone, molte delle quali bambini.

P1090895

Israeli military trainings damage Palestinian structures in South Hebron Hills

luglio 6, 2015 at 4:47 pm


P1090584

Israeli military trainings damage Palestinian structures in South Hebron Hills

(Italian follows)

In the last weeks one well in the Palestinian village of Mufaqarah and one cave in the village of Jinba have been seriously damaged in consequence of the Israeli military exercises that have taken place in the area.

During the military trainings the Israeli soldiers usually destroy the Palestinian crops and restrict the freedom of movement of the Palestinian inhabitants. Furthermore, the intensive use of military tanks, armored vehicles, bombs and heavy weapons damage the caves and wells that are essential for the surviving of the Palestinian inhabitants, especially in these rural area without public services.

P1090604

P1090586

Esercitazioni militari israeliane danneggiano strutture palestinesi nelle colline a sud di Hebron

Nelle ultime settimane un pozzo nel villaggio palestinese di Mufaqarah e una grotta nel villaggio di Jinba sono stati gravemente danneggiate in seguito alle esercitazioni militari israeliane che si sono svolte nell’area.

Solitamente, durante gli addestramenti militari, i soldati israeliani distruggono i raccolti e limitano la libertà di movimento degli abitanti palestinesi. Inoltre, l’uso intensivo di carri armati, veicoli blindati, bombe e armi pesanti causa danni alle grotte e pozzi che sono fondamentali per la sopravvivenza dei palestinesi, soprattutto in queste zone rurali in cui non arrivano i servizi essenziali.

P1090609

VIDEO : “Return to Old Susiya”

giugno 24, 2015 at 10:34 am

from donkeysaddle projects

Nasser Nawajha takes his six-year old son Laith back to Nasser’s native village of Susya, in the South Hebron Hills of the occupied West Bank. Nasser’s family, along with all the other families of Susya, were expelled from their village in 1986, when Israel turned it into an archaeological park. The villagers are, yet again, facing imminent expulsion from their homes and caves.

UPDATE : Demolition orders delivered in South Hebron Hills

giugno 23, 2015 at 12:24 pm

1

(italian follows)

While the inhabitants of the Palestinian village of Susiya are still living under the threat of eviction, the Israeli authorities continue to enlarge the danger of demolitions in different villages of South Hebron hills area.

On June 22, in the morning, DCO, accompanied by Israeli Army, delivered demolition orders for two tents in the Palestinian village of Al-Mufaqarah and for one house, one tent with floor and one cave in the Palestinian village of Jawwaya.

According to OCHA, in the first four months of 2015, more than 200 Palestinian-owned structures have been demolished in Area C of West Bank and East Jerusalem due to lack of building permit, military operation or punishment.

3

UPDATE : Consegnati ordini di demolizione nelle South Hebron hills 

Mentre gli abitanti del villaggio Palestinese di Susiya vivono sotto la minaccia di evacuazione, le autorità israeliane continuano a consegnare ordini di demolizione in diversi villaggi dell’area nelle colline a Sud di Hebron.

Nella mattinata del 22 Giugno la DCO (amministrazione civile), accompagnata dall’esercito israeliano, ha consegnato ordini di demolizione per due tende nel villaggio palestinese di Al-Mufaqarah e per una casa, una tenda pavimentata e una grotta nel villaggio palestinese di Jawwaya.

Nei primi quattro mesi del 2015, secondo L’OCHA, sono state demolite più di 200 strutture di proprietà palestinese in Area C e a Gerusalemme Est a causa di operazioni militari o punitive o a causa della mancanza di permessi di costruzione.

_MAF6609