To build R-existance

aprile 27, 2015 at 6:06 pm

 

IMGP1657

Although they suffered by the 1999 eviction, during which the population of 15 villages was deported (and villages demolished) , although they suffered by several and continuous house demolitions, Palestinian from South Hebron Hills never gave up.
In this area where Israeli Army and settlers try to make the life impossible for Palestinians, resistance means existence.

Today, as in the previous two years, Palestinians continue to rebuild the demolished houses and structures like mosque, school and ovens.
Several families have been returning in their villages and the community is getting bigger.
The struggle of Palestinians from South Hebron Hills is successful as they inverted the strategy of Israeli occupation, that wants to evict Palestinian communities living in Area C (under under full Israeli administrative and military control, according Oslo Accords).

(italian follows)

CIMG6844

Sebbene abbiano sofferto l’evacuazione del 1999, durante la quale la popolazione di 15 villaggi fu deportata (e i villaggi demoliti), sebbene abbiano subìto numerose e continue demolizioni, i palestinesi delle colline a sud di Hebron non si sono mai arresi.In quest’area in cui l’esercito israeliano e i coloni tentano di rendere la vita impossibile ai palestinesi, resistenza significa esistenza.

Oggi, così come negli ultimi due anni, i palestinesi hanno continuato a ricostruire le case demolite e le strutture come moschee, scuola e forni.Numerose famiglie stanno ritornando ai loro villaggi e la comunità si sta allargando sempre più.La lotta dei palestinesi delle South Hebron Hills è efficace perché è riuscita a invertire l’obiettivo della strategia dell’occupazione israeliana, che vorrebbe evacuare tutti i palestinesi delle comunità che vivono in area C (sotto il completo controllo amministrativo e militare, stando agli accordi di Oslo).

Waiting in a dangerous place

aprile 16, 2015 at 8:27 am

My name is Jaber. Yesterday I waited 1 hour in a dangerous place near an Israeli illegal  outpost. The Israeli military escort, supposed to protect me from the settlers of Havat Ma’on, was late. In the last two week the escort delay exposed me to the settler’s violence for a total of 4 hours and 40 minutes.

Jaber

Jaber, 10 years old (photo by Cristiano Freschi)

Il mio nome è Jaber. Ieri ho aspettato per un ora, in un posto pericoloso accanto all’avamposto, la scorta militare israeliana che in teoria dovrebbe proteggermi dai coloni di Havat Ma’on. Nelle ultime due settimane sono stato esposto per 4 ore e 40 minuti alla violenza dei coloni, a causa dei ritardi della scorta.

Excursion in South Hebron Hills

aprile 15, 2015 at 8:02 am

P1080047

On April 14, a group of Israeli people arrived in the South Hebron Hills area in order to make a naturalist research. They spent the day looking for flowers, butterflies, insects, behaving like they were in a normal area and not in a military occupied zone.

Actually, they were escorted all the time by a dozen of Israeli soldiers, patrolling the area from the early morning until late afternoon.

The excursion had negative impacts on the Palestinians daily life, as several shepherds had to move away from the area where they were grazing their flocks and some Palestinian properties has been damaged.

P1080053

Gita nelle colline a sud di Hebron

Il 14 aprile, un gruppo di israeliani si è recato nell’area delle colline a sud di Hebron per effettuare una ricerca naturalistica, trascorrendo l’intera giornata alla ricerca di fiori, farfalle e insetti e comportandosi come se si trovassero in un luogo qualunque e non in territori occupati militarmente.

Di fatto, però, i ricercatori israeliani sono stati scortati per tutto il tempo da una dozzina di soldati, che hanno pattugliato l’aerea dalla prima mattina fino al tardo pomeriggio.

Questa escursione ha avuto impatti negativi sulle attività giornaliere dei palestinesi, poiché molti pastori si sono dovuti spostare in altre aree per pascolare i loro greggi e alcuni proprietà palestinesi sono state danneggiate.

dannegiamento campo

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Harvesting is popular nonviolent resistance

aprile 11, 2015 at 6:25 pm

P1070966

Harvesting is popular nonviolent resistance

During this week Palestinians from South Hebron Hills started the harvest. Harvesting crops close an illegal Israeli outpost is popular nonviolent resistance.

P1070963

Durante questa settimana i Palestinesi delle colline a sud di Hebron hanno iniziato il raccolto. Lavorare la propria terra davanti ad un avamposto illegale israeliano è resistenza popolare nonviolenta.

UPDATE: Israeli activists attacked by masked settlers in Havat Ma’on

marzo 28, 2015 at 6:58 pm

DSC00121

Israeli activists attacked by masked settlers in Havat Ma’on

(Italian follow)

March 28, 2015
At Tuwani – South Hebron Hills, West Bank

On March 28, some Israeli activists from Ta’ayush have organized an action in order to protest against the attack of masked settlers to a six years old child, that was injured last saturday. This afternoon, they were walking near the Israeli illegal outpost of Havat Ma’on when some masked settlers came out from the outpost and start throwing stones toward them with slingshots. No activists were injured. When the Israeli police arrived a Ta’ayush activist filed a complaint against the settlers. In the last few weeks the settlers from the same illegal outpost harassed and attacked Palestinian people many times.

DSC00118

Coloni mascherati di Havat Ma’on attaccano attivisti israeliani

28 marzo, 2015
At Tuwani – Colline a sud di Hebron, Cisgiordania

Oggi, 28 marzo, alcuni attivisti israeliani di Ta’ayush hanno organizzato un’azione per protestare contro l’attacco subito lo scorso sabato da una bambina palestinese di soli sei anni. Questo pomeriggio, mentre gli attivisti stavano camminando nei pressi dell’avamposto illegale di Havat Ma’on alcuni ragazzi coloni, mascherati, sono usciti dai boschi e hanno iniziato a lanciare pietre contro di loro con le fionde. Nessun attivista è stato ferito. All’arrivo della polizia israeliana uno degli attivisti ha sporto denuncia. I coloni dello stesso avamposto illegale sono stati protagonisti nelle ultime settimane di diversi attacchi contro adulti e bambini palestinesi.

DSC00125

UPDATE: Four Palestinians arrested for harvesting herbs in the South Hebron Hills

marzo 18, 2015 at 5:59 pm

SnapShot-2015-03-17-19h30m18s112

SnapShot-2015-03-17-19h31m29s49

Four Palestinians arrested for harvesting herbs in the South Hebron Hills

(Italian follows)

March 18, 2015

At Tuwani – On March 17,  around 4 pm, Israeli soldiers detained a group of 10 Palestinian young men that were harvesting seasonal herbs in a Palestinian land near to the Israeli illegal outpost of Mitzpe Yair. After one hour the Israeli police arrived and arrested four of the Palestinians, taking them to Kiryat Arba police station.

March is the month in which Palestinians harvest this kind of herbs. Since the settlers, supported by Israeli forces, are attempting to annex the Palestinian land, even the simple activity of collecting herbs become dangerous, especially when the fields are located near to the Israeli settlements and outposts.

In the last two weeks International volunteers witnessed several settler’s attacks, army harassment and even arrest against Palestinians harvesting herbs on their own lands.

 

SnapShot-2015-03-17-19h22m39s120

SnapShot-2015-03-17-19h43m48s16

 

Quattro palestinesi arrestati nelle colline a sud di Hebron per aver raccolto erbe

 

18 Marzo 2015

At Tuwani – Il 17 Marzo, alle 16 circa, soldati israeliani hanno detenuto 10 giovani palestinesi che stavano raccogliendo erbe nelle proprie terre vicine all’avamposto israeliano illegale di Mitzpe Yair. Dopo averli trattenuti per un’ora, all’arrivo della polizia, quattro dei ragazzi sono stati arrestati e portati alla stazione di polizia di Kiryat Arba.

Marzo è il mese in cui questo tipo di erbe vengono raccolte, ma per i palestinesi anche un’attività semplice come questa può diventare molto pericolosa. I coloni israeliani, con l’appoggio dell’esercito e della polizia, tentano continuamente di annettere le terre palestinesi, in particolar modo quelle vicine alle colonie o agli avamposti, scacciando i palestinesi quando questi provano ad accedervi per lavorarle, o come in questo caso anche solo per raccogliervi erbe.

Nelle ultime due settimane i volontari internazionali sono stati testimoni di diversi attacchi da parte dei coloni e tentativi di arresto da parte dell’esercito israeliano a danno dei palestinesi che lavoravano all’interno delle proprie terre.

P/R: Israeli settlers cut 36 olive trees in the South Hebron Hills

marzo 2, 2015 at 5:37 pm

Israeli settlers cut 36 olive trees in the South Hebron Hills

This is the third Israeli settler’s “price tag” in the last 2 months in the area

(Italian follows)

February 21, 2015

At-Tuwani – South Hebron Hills, West Bank

p1060765On the morning of February 20, Palestinians in the South Hebron Hills awoke to find that 36 olive trees had been cut or seriously damaged during the night, probably by Israeli settlers.  The 25 year-old trees, owned by Hushiy family from Yatta, were located near the village of Qawawis, in the South Hebron Hills, between the Israeli illegal outpost of Mitzpe Yair and the Israeli settlement of Suseya, beside Bypass road 317.

This is the third incident of Israeli settler ‘price tag’ vandalism against the Palestinian inhabitants of the South Hebron Hills in the last two months. On January 9, in the same area  between the Bypass road 317 and Suseya settlement,Palestinians discovered nearly 200 olive trees cut on their property  (read more). On December 31, two settlers threw a molotov cocktail into a Palestinian house in Ad Deirat village (read more). 

Palestinian residents of the South Hebron Hills have suffered from the presence of Israeli settlers since the 70s. By occupying Palestinian agricultural lands and destroying Palestinian olive trees, crops and property the settlers seek to deprive the Palestinians of their main livelihood. Ongoing settler violence deprives Palestinian families of security in daily life, and restricts their freedom of movement.

Despite attempts by settlers to force them from the area through violence and intimidation, the Palestinian communities of the South Hebron Hills remain strong in their commitment to nonviolent popular resistance against the Israeli occupation.

Operation Dove has maintained an international presence in At-Tuwani and South Hebron Hills since 2004.

Pictures of the damaged trees:  http://goo.gl/1CVzE3

[Note: According to the Fourth Geneva Convention, the Hague Regulations, the International Court of Justice, and several United Nations resolutions, all Israeli settlements and outposts in the Occupied Palestinian Territories are illegal. Most settlement outposts, including Havat Ma’on (Hill 833), are considered illegal also under Israeli law.]

————————

Coloni israeliani tagliano 36 alberi di ulivo nelle colline a sud di Hebron

Nell’area è il terzo “price tag” in due mesi da parte di coloni israeliani

21 Febbraio 2015

At-Tuwani – Colline a sud di Hebron, Cisgiordania

La mattina del 20 febbraio palestinesi delle colline a sud di Hebron hanno scoperto che 36 alberi di ulivo erano stati tagliati o gravemente danneggiati durante la notte, probabilmente da coloni israeliani. Gli alberi di 25 anni di età, di proprietà della famiglia Hushiy di Yatta, si trovavano nei pressi del villaggio di Qawawis, nelle colline a sud di Hebron, tra l’avamposto illegale israeliano di Mitzpe Yair e la colonia israeliana di Suseya, al lato della Bypass road 317.

Questo è il terzo incidente di vandalismo “price tag” da parte di coloni israeliani contro gli abitanti palestinesi delle colline a sud di Hebron negli ultimi due mesi. Il 9 gennaio, nella stessa zona tra la Bypass road 317 e la colonia di Suseya, i palestinesi hanno scoperto circa 200 ulivi tagliati nei terreni di loro proprietà (per saperne di più). Il 31 dicembre due coloni hanno lanciato una molotov in una casa palestinese nel villaggio di Ad Deirat (per saperne di più).

I palestinesi delle colline a sud di Hebron soffrono la presenza di coloni israeliani dagli anni ’70. Tramite l’occupazione di terreni agricoli, la distruzione di ulivi, delle colture e delle proprietà, i coloni cercano di privare i palestinesi del loro sostentamento principale. La continua violenza dei coloni israeliani priva quotidianamente le famiglie palestinesi della sicurezza e limita la loro libertà di movimento.

Le comunità palestinesi delle colline a sud di Hebron rimangono forti nel loro impegno a resistere in modo nonviolento e popolare contro l’occupazione israeliana, nonostante i tentativi da parte dei coloni di cacciarle dall’intera area con la violenza e l’intimidazione.

Operazione Colomba mantiene una presenza costante nel villaggio di At-Tuwani e nell’area delle colline a sud di Hebron dal 2004.

Foto degli ulivi tagliati:  http://goo.gl/1CVzE3

[Note: secondo la IV Convenzione di Ginevra, la II Convenzione dell’Aja, la Corte Internazionale di Giustizia e numerose risoluzioni ONU, tutti gli insediamenti israeliani nei Territori Palestinesi Occupati sono illegali. Gli avamposti sono considerati illegali anche secondo la legge israeliana.]

UPDATE 2014-09-01: IDF DEMOLISHED 9 STRUCTURE IN THE VILLAGE OF KHIRBET AR-RAHWA

settembre 7, 2014 at 8:21 pm

38 persons lost their home, 21 of them children

(italian follows)

Khirbet ar Rahwa – On 1st of September 2014, during the afternoon, the Israeli army and the D.C.O. (District Coordination Office) entered into the palestinian village of Khirbet ar-Rahwa, in the South Hebron Hills, and demolished 3 houses (tents), 3 animal shelters and 3 toilettes. No demolition order was delivered for  these  structures.

All the demolished structures were built with simple materials. Ar-Rawha that is located in area C, has no access to electricity, to the water pipeline and to any kind of facilities and services.
The houses belonged to the Altal family and to the Jabaarin family. Because of the demolitions, 38 persons, 21 of them children, lost their houses. All the families are waiting for humanitarian aid.

The village of ar-Rahwa is surrounded by the settlement of Tene and the outpost of Havat Moor. This outpost received demolition order in 2000, but the D.C.O decided to not demolish any house until now. Also the outpost is connected with the electricity net and water pipelines, services that are denied for the Palestinians of ar-Rawha, who are the legal owners of the land where the settlement of Tene is located.

Photo of the incident: http://goo.gl/qpFBA7

Operation Dove has maintained an international presence in At-Tuwani and the South Hebron Hills since 2004.

For further information:
Operation Dove, 054 99 25 773

[Note: According to the Fourth Geneva Convention, the Hague Regulations, the International Court of Justice, and several United Nations resolutions, all Israeli settlements and outposts in the Occupied Palestinian Territories are illegal. Most settlement outposts, including Havat Ma’on (Hill 833), are considered illegal also under Israeli law.]

———————————————————————–

UPDATE 1-09-2014 : L’IDF DEMOLISCE 9 STRUTTURE NEL VILLAGGIO DI KHIRBET AR-RAHWA

38 persone hanno perso la casa, di cui 21 bambini

Khirbet ar-Rahwa – Nel pomeriggio del 1 settembre 2014, l’esercito israeliano e la D.C.O. (Dicstrict Coordination Offeice) è entrato nel villaggio palestinese di Khirbet ar-Rahwa , situato nelle colline a sud di Hebron, e ha demolito 3 strutture abitative, 3 ricoveri per le pecore, e 3 servizi igienici. Nessun ordine di demolizione è stato consegnato agli abitanti del villaggio proprietari delle strutture.
Tutte le strutture demolite erano costruite con materiali semplici ferro, lamiera, tende.

Il villaggio di ar-Rahwa che è situato in area C,  non ha accesso alla rete elettrica, nè idrica, nè può accedere a nessuno dei servizi di base.
Le strutture appartenevano alle famiglie Altal e Jabreen. A causa della demolizione hanno perso la casa un totale 38 persone, di cui 21 bambini. Le famiglie colpite stanno ora aspettando aiuti umanitari.

Il villaggio di ar-Rahwa è circondato dalla colonia di Tene e dall’avamposto di Havat Moor. Questo avamposto ha ricevuto l’ordine di demolizione nel 2000, tuttavia la D.C.O. non ha mai deciso di rendere effettivo l’ordine o di demolire qualche struttura. Inoltre l’avamposto è connesso alla rete elettrica e idrica , servizi negati ai palestinesi del villaggio di Ar Rahwa, che tra l’altro sono i legali proprietari della terra su cui sorge la vicina colonia di Tene.

Foto dell’evento: http://goo.gl/qpFBA7

Operazione Colomba mantiene una presenza costante nel villaggio di At-Tuwani e nell’area delle colline a sud di Hebron dal 2004.

Per informazioni:
Operazione Colomba, +972 54 99 25 773

[Note: secondo la IV Convenzione di Ginevra, la II Convenzione dell’Aja, la Corte Internazionale di Giustizia e numerose risoluzioni ONU, tutti gli insediamenti israeliani nei Territori Palestinesi Occupati sono illegali. Gli avamposti sono considerati illegali anche secondo la legge israeliana.]

The IDF’s real face – HAARETZ

settembre 4, 2014 at 1:46 pm

(italian follows)

Article by Gideon Levy, Haaretz, August 30, 2014
In civilian life, anyone suspected of manslaughter or murder is immediately arrested, with an investigation coming later. In the IDF the opposite is true.

Khalil Anati was from the Al-Fawar refugee camp in the southern part of the West Bank; a soldier in an armored jeep shot him in the back with a live round and killed him as he was running home. He was 10 years old. Mohammed Al-Qatari was a promising soccer player from the Al-Amari refugee camp near Ramallah. A soldier shot him from a distance of several dozen meters while he was taking part in a demonstration against the Gaza war. He was 19 years old when he died. Hashem Abu Maria was a social worker from Beit Ummar who worked for the Geneva-based NGO Defense for Children International. He participated in a demonstration against the Gaza war, trying to protect children by preventing them from throwing stones. An IDF sharpshooter situated on a distant balcony shot and killed him. He was 45 years old, a father of three children. Soldiers killed two more demonstrators at that demonstration.

These people were among many others killed by IDF fire far from the battlefields of Gaza. According to data provided by the United Nations Office for Coordinating Humanitarian Affairs, the IDF killed 20 adults and three children in the West Bank during the fighting in Gaza. Soldiers also wounded 2,218 people, 38% of them by live fire, a particularly high number in comparison to 14% in the first half of 2014 and 4% in 2013.

None of those killed were endangering soldiers’ lives, none of them were armed or deserved to die.

The fighting in Gaza loosened all restraint. Under its umbrella soldiers permitted themselves to use live fire in order to disperse demonstrations, settle scores with people throwing stones or Molotov cocktails – including children – and punish anyone demonstrating against the war. Perhaps these soldiers were envious of their comrades fighting in Gaza, perhaps they were frustrated at being far from the real action – in any event they were confident that no harm would befall them, not while in Gaza there was almost a massacre taking place, with the nation’s heart going out to its fighting men.

No one stopped them, no one was arrested or prosecuted. “The Military Police is investigating” has become code for the IDF spokesman in his automatic responses, a code which blurs and conceals, until the files gather dust and are forgotten. In civilian life, anyone suspected of manslaughter or murder is immediately arrested, with an investigation coming later. In the IDF the opposite is true. First comes an investigation, usually leading nowhere, even when the circumstances are straightforward. There is no question of arresting anyone, even when the incident cries out to the heavens, as in the case of the shooting at Al-Fawar. The soldier who killed the boy is apparently continuing with his life as usual.

These are routine practices associated with the occupation. There is no comparison to the numbers in Gaza, but this routine exposes the true face of the IDF, the way it regularly conducts itself with regard to Palestinians, and especially its persistent disregard for their lives and deaths. There was no war being waged on the West Bank – soldiers were not facing battalions of Izz-ad-Din al-Qassam fighters, nor were they up against attack tunnels, rockets, sharpshooters or explosive devices. Yet see how they killed and maimed, using live fire against demonstrating youths and even children; how they cut short the life of a soccer player who a few weeks earlier had been promised a brilliant career by Sepp Blatter, the president of FIFA; or the lives of a 10-year-old refugee boy and a social worker innocent of any crime.

The crimes committed in the West Bank will not be investigated by any international tribunal – there is no need to prepare excuses, write reports or enlist lawyers. But it is precisely these smaller incidents – after all, what are 20 deaths in contrast to the hundredfold larger numbers in Gaza? – that should worry us. There was no war here, hardly any acts of terror, only angry demonstrations by those who were understandably driven to distraction by the fate of their brethren in Gaza. Note how they were treated by IDF soldiers.

This is the behavior of the nation’s army, its soldiers now lauded by all. One can respect and cherish the people’s love for its soldiers, but one should remember what these soldiers do as part of their routine military service, day in, day out, year after year.

 

Il vero volto dell’IDF.

Articolo di Gideon Levy, apparso su Haaretz, 30 agosto 2014.

Khalil Anati era del campo profughi di Al-Fawar nella parte meridionale della Cisgiordania; un soldato da una jeep blindata gli ha sparato alla schiena con il fuoco vivo  e lo ha ucciso mentre stava correndo a casa. Aveva 10 anni.
Mohammed Al-Qatar era un calciatore promettente dal campo profughi di Al-Amari vicino a Ramallah. Un soldato gli ha sparato da una distanza di alcune decine di metri, mentre stava prendendo parte ad una manifestazione contro la guerra a Gaza. Aveva 19 anni quando è morto.
Hashem Abu Maria era un assistente sociale di Beit Ummar che lavorava per la ONG con sede a Ginevra Defense for Children International. Partecipava a una manifestazione contro la guerra a Gaza, cercando di proteggere i bambini, impedendo loro di lanciare pietre. Un tiratore scelto IDF, situato su un balcone lontano, ha sparato e lo ha ucciso. Aveva 45 anni, era padre di tre figli.
I soldati hanno ucciso altri due manifestanti in quella manifestazione. Queste persone, come molte altre , erano  lontano dai campi di battaglia di Gaza.
Secondo i dati forniti dall’ Ufficio per il coordinamento degli affari umanitari delle Nazioni Unite, l’IDF ha ucciso 20 adulti e tre bambini in Cisgiordania durante i combattimenti a Gaza. I soldati hanno anche ferito 2.218 persone, il 38% dei quali con il fuoco vivo, un numero particolarmente elevato in confronto al 14% del primo semestre del 2014 e del 4% nel 2013.
Nessuno di coloro che è stato ucciso metteva in pericolo le vite dei soldati, nessuno di loro era armato o meritava di morire.
I combattimenti a Gaza hanno allentato ogni freno.
Sotto il loro ombrello i soldati permettono a se stessi di usare il fuoco vivo per disperdere le manifestazioni, regolare i conti con la gente che lancia pietre e bottiglie molotov – bambini compresi – e punire chiunque dimostri contro la guerra.
Forse questi soldati erano invidiosi dei loro compagni che combattevano a Gaza, forse erano frustrati per essere lontani dall’azione reale ,in ogni caso erano sicuri che nessun male li avrebbe colpiti, non mentre a Gaza c’era pressochè un massacro in atto, con il cuore della nazione che moriva per i suoi combattenti.
Nessuno li ha fermati, nessuno è stato arrestato o processato. “La polizia militare sta indagando” è diventato un codice per il portavoce dell’IDF nelle sue risposte automatiche, un codice che confonde e nasconde fino a quando i file raccolgono la polvere e sono dimenticati.
Nella vita civile chiunque sia sospettato di omicidio colposo o omicidio viene immediatamente arrestato con un’indagine successiva .
Nell’ IDF è vero il contrario: un’indagine di solito non porta da nessuna parte, anche quando le circostanze sono semplici. Non si tratta di arrestare chiunque, anche quando l’incidente grida al cielo, come nel caso della sparatoria ad Al-Fawar. Il soldato che ha ucciso il ragazzo apparentemente continua con la sua vita, come al solito.
Si tratta di pratiche di routine connesse con l’occupazione. Non c’è confronto con i numeri a Gaza, ma questa routine espone il vero volto della IDF, il modo usuale di agire conduce  per quanto riguarda i palestinesi, e soprattutto il suo disprezzo persistente per la loro vita e la loro morte.
Non c’era una guerra condotta in Cisgiordania ,i soldati non stavano affrontando battaglioni di combattenti di Izz-ad-Din al-Qassam, né erano contro i tunnel di attacco,contro i  razzi,i  tiratori scelti o dispositivi esplosivi,ma  si guardi come hanno ucciso e mutilato usando il fuoco vivo contro i dimostranti giovani e persino i bambini; come hanno spezzato la vita di un calciatore al quale ,qualche settimana prima, era stata promessa una brillante carriera da Sepp Blatter, presidente della FIFA; o la vita di un ragazzo di 10 anni e di un assistente sociale innocente..
I crimini commessi in Cisgiordania non saranno oggetto di indagine da un qualsiasi tribunale internazionale, non c’è bisogno di preparare scuse, scrivere relazioni o arruolare avvocati.,ma sono proprio questi incidenti minori – dopo tutto, che cosa sono 20 morti in contrasto con il centuplo dei numeri più grandi a Gaza? – che dovrebbero preoccuparci.
Non c’era nessuna guerra qui, quasi nesuun atto di terrorismo, solo dimostrazioni di rabbia da parte di coloro che sono stati comprensibilmente spinti a protestare per la  sorte dei loro fratelli a Gaza.
Si noti come sono stati trattati dai soldati dell’IDF.Questo è il comportamento dell’esercito della nazione, dei suoi soldati ormai lodati da tutti. Si può rispettare e amare l’amore del popolo per i suoi soldati, ma bisogna ricordare ciò che questi soldati fanno come parte del loro servizio militare di routine, giorno dopo giorno, anno dopo anno.