Palestinian attacked and seriosuly injuried by Israeli settler

marzo 25, 2018 at 1:04 pm

On 25 March at about 7.00 am, a Palestinian man from At-Tuwani village has been attacked by an Israeli settler from Havat Ma’on Israeli illegal outpost while he was harvesting in Kharrouba valley. The man escaping broke his leg and the settler attacked him throwing stones while he wasn’t able to move.
When the people from At-tuwani and the Internationals volunteers arrived on the spot they found the man laying down and they called the ambulance.
After some minutes some settlers came out from the outpost taking pictures and calling the Israeli army, the soldiers arrived on the place they spoke with settlers and they tried to prevent the people to help the man.
When the ambulance arrived the Israeli police and DCO joined the place and patrol the area.
Israeli forces are still on the spot.
The Palestinian man is now at the hospital.

Palestinese attaccato e gravemente feriti da un colono israeliano

Alle 7.00 del mattino del 25 marzo, un uomo palestinese del villaggio di At-Tuwani mentre stava raccogliendo nei campi della Valle di Kharrouba è stato attaccato da un colono israeliano proveniente dall’avamposto illegale di Havat Ma’on. Fuggendo, l’uomo si è rotto una gamba e una volta a terra il colono lo ha attaccato lanciando dei sassi.
Quando le persone di At-Tuwani e i volontari sono arrivati sul luogo hanno trovato l’uomo sdraiato e hanno subito chiamato l’ambulanza.
Dopo poco alcuni coloni sono usciti dall’avamposto e hanno iniziato a fotografare le persone e hanno chiamato l’esercito. Quando i soldati sono arrivati hanno subito parlato con i coloni e hanno poi tentato di impedire alle persone di avvicinarsi e aiutare l’uomo.
All’arrivo dell’ambulanza, l’amministrazione civile israeliana e la polizia sono giunte sul luogo e hanno perlustrato l’area.
Le forze israeliane sono tutt’ora nella zona.
Al momento l’uomo palestinese si trova in ospedale.

VIDEO: 2018-03-24 Soldiers harassment during nonviolent action

marzo 25, 2018 at 12:54 pm

Israeli forces burst interrupt a nonviolent action of resistance (planting trees)

marzo 24, 2018 at 9:55 am

Israeli forces burst into At Tuwani Palestinian village and interrupt a nonviolent action of resistance.
Some Palestinians of At Tuwani with a consistent group of Hebron University students, internationals and Israeli activists were planting olive trees on a hill of the village when Israeli army, police and civil administration arrived and stopped the works, they started checking IDs and halted the people for some time without clear reasons. After a while Israeli forces declared the area closed without showing any order. They tried to pushed people away but the Palestinians decided to remain in the area.

Le forze israeliane irrompono nel villaggio palestinese di At Tuwani e interrompono azione di resistenza nonviolenta.
Diversi palestinesi del villaggio di At Tuwani insieme a un gruppo di studenti dell’università di Hebron, internazionali e attivisti israeliani stavano piantando alberi d’ulivo in una collina del villaggio, quando esercito, polizia e amministrazione civile israeliana sono arrivate sul posto e hanno fermato i lavori. Le forze israeliane hanno iniziato a controllare i documenti dei presenti e hanno impedito il proseguimento dell’azione senza dare spiegazioni. Dopo alcuni minuti hanno dichiarato l’area chiusa senza mostrare alcun ordine. Soldati e polizia israeliani hanno provato ad allontanare con la forza i presenti ma i Palestinesi hanno deciso di rimanere.

Settlers harassment during School Patrol

marzo 23, 2018 at 7:41 am

Israeli border police and soldiers at At-Tuwani school

febbraio 26, 2018 at 1:44 pm

(Italian follows)

On 25 February at about 11:00 AM Israeli border police and soldiers arrived in three jeeps at the school in the Palestinian village of At-Tuwani.
They questioined the principale of the school about the presence of Israeli activists and international in the village, and about recent nonviolent actions in the area. They interrupted the school day for about one half hour. The students were frightened, but now they come back to school.

Settlers from Havat Ma’on outpost fired several shots towards a group of Palestinian youth and internationals

febbraio 26, 2018 at 8:16 am

(Italian follows)

On the afternoon of 23 February five Israeli settlers from the illegal outpost of Havat Ma’on fired several shots from a distance towards a group of Palestinian youth and internationals as they walked from At-Tuwani village to Tuba Village.
The group, which included one seven-year-old boy, arrived safely in Tuba village after running from the settlers. Five armed settlers then arrived at Tuba village in a car and attempted to enter the village, but were prevented from doing so by youth from the village.
Israeli soldiers and police arrived and spoke with the settlers, and forced the Palestinians to leave the area.
There were no consequences for the settlers.

 

Coloni dell’avamposto di Havat Ma’on hanno sparato in direzione di un gruppo di giovani palestinesi ed internazionali

Nel tardo pomeriggio del 23 febbraio cinque coloni israeliani dell’avamposto illegale di Havat Ma’on hanno sparato da lontano diversi colpi di fucile in direzione di un gruppo di giovani palestinesi e internazionali che stavano camminando dal villaggio di At-Tuwani a quello di Tuba.
Il gruppo, nel quale c’era anche un bambino di soli 7 anni, è arrivato salvo a Tuba dopo una lunga corsa. Poco dopo una macchina con a bordo 5 coloni armati è arrivata al villaggio di Tuba cercando di entrarvi, ma ciò è stato impedito dai giovani palestinesi del posto.
Soldati e polizia israeliana hanno raggiunto il luogo, hanno poi parlato con i coloni e allontanato i palestinesi dalla zona.
Non ci sono state conseguenze per i coloni.

UPDATE: Closures in Massafer Yatta, Firing zone 918

novembre 16, 2017 at 7:18 pm

Today Operation Dove have taken a tour to some villages in the so-called “Firing zone 918”. The situation is quite alarming: yesterday a Israeli  Military convoy closed all the entrances to the Palestinian villages of Bir al Idd, Jimba, Shi’b al Butum, Khairbet al Fakheit, Halaweh, Khallet Athaba and Al-Mufaqarah. It means that more than five hundred Palestinians living in those villages are completely isolated.

UPDATE: Chiusure in Massafer Yatta, Firing Zone 918

Oggi le volontarie di Operazione Colomba hanno fatto un giro di visite nella cosiddetta “Firing Zone 918”. La situazione è alquanto allarmante: ieri, infatti, un convoglio militare israeliano ha chiuso tutte le entrate ai villaggi palestinesi di Bir al Idd, Jimba, Shi’b al Butum, Khairbet al Fakheit, Halaweh, Khallet Athaba and Al-Mufaqarah. Nel concreto significa che più di cinquecento palestinesi che vivono in quei villaggi sono totalmente isolati.

Demolition and stop-working orders in Khallet Athaba

novembre 15, 2017 at 7:53 pm

(Italian follows)

Khallet Athaba village. South Hebron Hills. Firing Zone 918. 15 families, 80 people.

Two days ago a demolition order came. For one of these families – mother, father and their three children – this order means that their home will be destroyed. Seven days after this order Israeli bulldozers can come at any time, and according to the protocol of the Israeli Army, the “non-authorized” buildings should not only be demolished, but the owners are supposed to demolish their own home themselves – or to pay for the work of the bulldozers. A lawyer is following the case.

Another seven stop-working orders – which comes right before the demolition one – were delivered in the past month of October.

On top of that, a week ago a group of Israeli settlers stormed into Khallet Athaba with motorcycles and guns in the middle of the night, frightening the whole village.

Ordini di demolizione e stop-working a Khallet Athaba

Il villaggio di Khallet Athaba. Colline a sud di Hebron, nella Firing Zone 918. Quindici famiglie, 80 persone.

Due giorni fa è arrivato un ordine di demolizione. Per una di queste famiglie – madre, padre e i loro tre figli – questo ordine significa che la loro casa verrà distrutta. Sette giorni dopo questo ordine i bulldozer israeliani potranno arrivare in qualunque momento, e secondo il protocollo dell’Esercito Israeliano, gli edifici “non-autorizzati” non solo dovrebbero essere demoliti, ma i proprietari dovrebbero provvedere a demolire la loro stessa casa – o pagare il lavoro dei bulldozer che lo faranno. Un avvocato sta seguendo il caso.

Altri sette ordini di stop-working – l’ordine che precede quello di demolizione – sono stati consegnati il mese scorso.

Come se non bastasse, una settimana fa un gruppo di coloni Israeliani sono entrati a Khallet Athaba in moto e armati di pistole, terrorizzando l’intero villaggio.

UPDATE: Israeli settlers continue to steal olives in Nablus area

ottobre 25, 2017 at 9:06 am

Olive harvest is still going on and Operation Dove volunteers are in Nablus area to support Palestinian farmers. It’s an important moment of the year: olive oil is the main source of income for many families. Also close to Adei Ad Israeli outpost Palestinians can access their land once a year, under Israeli Army coordination. This year when farmers arrived there they found their olives stolen and the trees damaged (about 90 trees).

UPDATE: i coloni israeliani continuano a rubare le olive nella zona di Nablus

La raccolta delle olive è ancora in corso e i volontari di Operazione Colomba sono nella zona di Nablus per sostenere i contadini palestinesi. È un momento importante dell’anno: l’olio d’oliva è la principale fonte di reddito per molte famiglie. Anche vicino all’avamposto israeliano di Adei Ad i Palestinesi possono accedere alla loro terra una volta all’anno, sotto il coordinamento dell’esercito israeliano. Quest’anno, quando i contadini sono giunti sul posto, hanno trovato che le olive erano stato rubate e gli olivi danneggiati (circa 90 alberi).

VIDEO UPDATE 2017-10-20 Havat Ma’on settlers’ attack

ottobre 20, 2017 at 3:55 pm

On October 20 Israeli settlers from Havat Ma’on illegal outpost attacked a Palestinian boy on his way from Tuba to At Tuwani Palestinian village.