P/R: 4 Palestinians arrested during an action in the South Hebron Hills

gennaio 24, 2015 at 1:02 pm

Israeli forces attacked the participants by stun grenades, tear gas, water cannon and physical violence

(Italian follows)

January 24, 2015

Susiya – South Hebron Hills, West Bank

On January 23, during an action organized by the Al Mubadara party and the South Hebron Hills Popular Resistance Committee, claiming the right of Palestinians to access their own land near Susiya village, Israeli forces attacked Palestinians and Internationals activists by stun grenades, tear gas, water cannon and physical and verbal violence. During the action, the Israeli forces arrested four Palestinians.

At around 11 a.m. about 150 people, after they got together in the Susiya village, tried to reach a Palestinian-owned land between the Israeli army base and the Israeli settlement of Suseya in order to plant olive trees. Immediately the area was declared a closed military zone by the Israeli army, but nevertheless the demonstrators tried to arrive to the land. After 20 minutes, Israeli soldiers arrested the first Palestinian, only because he removed soldier’s hand from his breast. Few minutes later the soldiers arrested a second Palestinian. The large part of the demonstrators reached the land and started to plant the olive trees. Immediately, Israeli soldiers and policemen pushed the crowd back, in direction to Susiya village. During their charge, the Israeli forces used stun grenades and tear gas, pushing and attacking the people and arrested other two Palestinians.
At around 12.45 p.m. the participants got together on the hill of Susiya village and slowly went away from the Israeli soldiers and policemen while they were throwing tear gas and using the water cannon.

In the last five days in the South Hebron Hills area the violences by the Israeli army increased. Operation Dove registered six episodes of direct violence or harassment to Palestinians. On January 19, the soldiers killed a sheep in the Tuba village area, while they were chasing away a flock owned by Palestinians. On January 20, Israeli soldiers arrested a 14 year-old Palestinian, while he was grazing a flock near Maghayir Al Abeed village. In the same day, the Israeli army demolished 4 structures in the Ar-Rifa’iyya village.

Operation Dove has maintained an international presence in At-Tuwani and South Hebron Hills since 2004.

Pictures: http://goo.gl/jCidYm
Video: http://goo.gl/ctjy0N

[Note: According to the Fourth Geneva Convention, the Hague Regulations, the International Court of Justice, and several United Nations resolutions, all Israeli settlements and outposts in the Occupied Palestinian Territories are illegal. Most settlement outposts, including Havat Ma’on (Hill 833), are considered illegal also under Israeli law.]

 

Update: Ongoing re-building works in the Bedouin village of Um Al Kher, in the South Hebron Hills

dicembre 13, 2014 at 12:37 pm

After the Israeli army carried on several demolitions in the Bedouin village of Um Al Kher during the months of October and November, Palestinian inhabitants together with Israeli activists and supported by several International NGOs are now building new structures.

The European Union provided three tin-plated shelters to be used as houses, through the program “Humanitarian Aid and Civil Protection”. Palestinians together with Israeli activists rebuilt the traditional oven for the third time, after it was recently illegally demolished once again; worked on an old well that can now provide water to the village through pumps; built a dirt patch that leads to the above-mentioned well.

On November 19 the DCO issued demolition orders for the three tin-plated shelters. Nevertheless Palestinian inhabitants of Um Al Kher are still strongly committed to the nonviolent popular resistance as a way of defending their right to live on their own land.

The well recently improved with water pumps.

The well recently improved with water pumps.

Palestinians and Israeli activists work at the new dirt-patch on December 13.

Palestinians and Israeli activists work at the new dirt-patch on December 13.

One of three new tin-plated shelters recently provided by the European Union and already under demolition order.

One of three new tin-plated shelters recently provided by the European Union and already under demolition order.

 

In corso i lavori di ricostruzione nel villaggio beduino di Um Al Kher, nelle colline a sud di Hebron.

Dopo le varie demolizioni effettuate dall’esercito israeliano nei mesi di ottobre e novembre nel villaggio beduino di Um Al Kher, gli abitanti palestinesi stanno ora costruendo nuove strutture con l’aiuto di attivisti israeliani e il supporto di varie ONG internazionali.

L’Unione Europea, attraverso il programma “Humanitarian Aid and Civil Protection”, ha fornito al villaggio tre case di lamiera. Palestinesi e attivisti israeliani hanno ricostruito il taboon, forno tradizionale, per la terza volta dopo che era stato illegalmente nuovamente demolito di recente; hanno apportato migliorie ad un vecchio pozzo che ora fornisce acqua al villaggio tramite tubature; costruito una strada sterrata che porta al suddetto pozzo.

Il 19 novembre la DCO (District Cordination Office, una branca dell’esercito israeliano che si occupa dell’amministrazione civile nei territori occupati palestinesi) ha emesso ordini di demolizione per le tre case di lamiera. Nonostante questo, gli abitanti palestinesi di Um Al Kher sono fermamente impegnati nella resistenza popolare nonviolenta quale via per affermare il proprio diritto a vivere sulla propria terra.

 

 

P/R: IDF demolishes in the Bedouin villages of Um ad Daraj and Um Al Kher, South Hebron Hills.

ottobre 29, 2014 at 4:36 pm

The Israeli forces violently assaulted the inhabitants of Um Al Kher village.

(Italian follows)

October 29, 2014

At-Tuwani – On October 29 Israeli forces demolished a total of four structures in the Beduin village of Um ad Daraj and a traditional oven in Um Al Kher beduin village. Men and women from Um Al Kher were assaulted by Israeli soldiers and Border Police officers, while they were peacefully trying to prevent the demolition.

At 7:40 am Israeli military forces broke into Um ad Daraj with two bulldozers. The IDF demolished a toilet, a shelter for the sheep, a cave used as home and a tinplated house, in which were living eight people.
At 9:00 am the Israeli forces arrived at Um Al Kher village and declared a “close military area” for internationals and Israeli civilians, subsequently pushed the international volunteers present to monitor the human rights violations far from the village, threatening them to be arrested. After that a bulldozer, escorted by Israeli army and Border Police went inside the village damaging a fence and an olive tree.
Palestinians inhabitants of Um Al Kher gathered in front of the traditional oven and tried to peacefully prevent the demolition. Israeli soldiers and Border Police officers attacked them, pushing violently away the women and shoving down a boy. After the aggressions the bulldozer destroyed the oven.

The traditional oven was already demolished, without any demolition order issued for it, on October 27 together with other six structures. On October 28, the oven was rebuilt by the South Hebron Hills Popular Committee together with the inhabitants of Um al Kher. (For more informations about the demolitions on October 27 you can see: www.tuwaniresiste.operazionecolomba.it ).
The traditional oven was rebuilt for the second time by Palestinians before the end of the morning.

Palestinians from the South Hebron Hills keep struggling in a nonviolent way to claim justice and defend human rights.

Operation Dove has maintained an international presence in At-Tuwani and the South Hebron Hills since 2004.

Pictures of the demolitions:http://goo.gl/VD2etW

[Note: According to the Fourth Geneva Convention, the Hague Regulations, the International Court of Justice, and several United Nations resolutions, all Israeli settlements and outposts in the Occupied Palestinian Territories are illegal. Most settlement outposts, including Havat Ma’on (Hill 833), are considered illegal also under Israeli law.]

——-

COMUNICATO STAMPA

L’esercito israeliano demolisce nei villaggi beduini di Um ad Daraj e Um Al Kher, nelle colline a sud di Hebron.
L’esercito israeliano ha aggredito gli abitanti del villaggio di Um Al Kher.

29 ottobre 2014

At-Tuwani – Il 29 ottobre l’esercito israeliano ha demolito un totale di quattro strutture nel villaggio beduino di Um ad Daraj e un forno tradizionale nel villaggio beduino di Um Al Kher. Uomini e donne di Um Al Kher sono stati aggrediti mentre tentavano di interporsi pacificamente alla demolizione.

Alle 7:40 le forze militari israeliane sono entrate ad Um ad Daraj con due bulldozer. L’esercito israeliano ha demolito un bagno, un recinto per le pecore, una grotta usata come casa e una casa di lamiera dove vivevano 8 persone.
Alle 9 le forze israeliane sono arrivate ad Um Al Kher e hanno dichiarato “area militare chiusa” agli internazionali e civili israeliani, di conseguenza hanno cacciato i volontari internazionali presenti sul posto per monitorare le violazioni di diritti umani, minacciandoli di arresto. A quel punto i bulldozer, scortati dall’esercito israeliano e polizia di frontiera sono entrati nel villaggio danneggiando una recinzione ed un albero d’ulivo.
Gli abitanti palestinesi di Um Al Kher si sono riuniti di fronte al forno tradizionale per tentare di interporsi pacificamente alla demolizione. Soldati e poliziotti israeliani li hanno attaccati, spingendo violentemente le donne e buttando a terra un ragazzo. Dopo l’aggressione il bulldozer ha demolito il forno.

Il forno era già stato demolito, senza che venisse consegnato nessun ordine di demolizione ufficiale, il 27 ottobre insieme ad altre sei strutture. Il 28 ottobre il forno era stato ricostruito dal Comitato Popolare delle Colline a Sud di Hebron insieme agli abitanti di Um Al Kher (per più informazioni sulle demolizioni del 27 ottobre vedere: www.tuwaniresiste.operazionecolomba.it)

I palestinesi delle colline a sud di Hebron continuano a lottare in modo nonviolento per reclamare giustizia e per la difesa dei diritti umani.

Operazione Colomba mantiene una presenza costante nel villaggio di At-Tuwani e nell’area delle colline a sud di Hebron dal 2004.

Foto delle demolizioni:http://goo.gl/VD2etW

[Note: secondo la IV Convenzione di Ginevra, la II Convenzione dell’Aja, la Corte Internazionale di Giustizia e numerose risoluzioni ONU, tutti gli insediamenti israeliani nei Territori Palestinesi Occupati sono illegali. Gli avamposti sono considerati illegali anche secondo la legge israeliana.]

UPDATE: Palestinians resisting settlers expansions, South Hebron Hills

settembre 22, 2014 at 7:06 am

(Italian follows)

September 22, 2013

Tuwani – On September 20, the South Hebron Hills Popular Committee (SHHPC) have organized a nonviolent action to claim the Palestinians right to access to the land and to denounce the illegal settlers expansion, near the Palestinian village of Susiya.

One week ago the Israeli settlers illegally built a tent (about 20 s.m.) on Palestinian land, situated between the Palestinian village of Susiya and the Israeli Suseya settlement, where the settlers used to gather every afternoon. Beside this tent there is a well owned by a Palestinian from Susiya in which the settlers used to swim. This violations prevented the Palestinian shepherds and villagers to use the well and to graze in the valley close to the place.

On Saturday morning, at 10 a.m. several Palestinian men, women and children, with the solidarity of Israeli activists went to the tent and dismantled it. Subsequently they collected the garbage around the well and they took water from it as a demonstrative action.
Suddenly around ten settlers came out from Suseya and some of them crossed an area in which the access is forbidden to Israelis and raged against the nonviolent activists.
In the meanwhile Israeli Forces arrived and the Palestinians denounced the settlers violations. At 10:45 the Israeli army and Border Police declared the area a “close military zone” for one day, in order to push away the Palestinians and the Israeli activists. Yet the settlers remained inside the temporary close military area with the Police and army.

The nonviolent action aimed to prevent the settlement illegal territorial expansion and to stop the ongoing appropriation of Palestinian land from the settlers present in the South Hebron Hills are.

Operation Dove has maintained an international presence in At-Tuwani and the South Hebron Hills since 2004.

Pictures of the action: http://goo.gl/21d7bw

[Note: According to the Fourth Geneva Convention, the Hague Regulations, the International Court of Justice, and several United Nations resolutions, all Israeli settlements and outposts in the Occupied Palestinian Territories are illegal. Most settlement outposts, including Havat Ma’on (Hill 833), are considered illegal also under Israeli law.]


——-

I Palestinesi resistono all’espansione delle colonie, colline a sud di Hebron

22 settembre 2014

At Tuwani – Il 20 settembre, il Comitato Popolare delle colline a sud di Hebron ha organizzato un’azione nonviolenta per affermare il diritto dei Palestinesi di accesso alla terra e per denunciare l’illegale espansione dei coloni, vicino al villaggio palestinese di Susiya.

Una settimana prima i coloni Israeliani hanno illegalmente costruito una tenda (di circa 20 mq) su terra di proprietà palestinese, situata tra il villaggio Palestinese di Susiya e l’insediamento Israeliano di Suseya, dove i coloni usano riunirsi tutti i pomeriggi. A fianco alla tenda c’è un posso di proprietà di un palestinese di Susiya, nel quale i coloni fanno il bagno. Queste violazioni impediscono ai pastori e gli abitanti palestinesi di usare il pozzo e di pascolare nella valle vicina.

Il sabato mattina alle 10:00 molti palestinesi (uomini, donne e bambini) con la solidarietà degli attivisti israeliani sono andati alla tenda e l’hanno smantellata. Successivamente hanno raccolto i rifiuti intorno al pozzo e, come azione dimostrativa, hanno utilizzato l’acqua.
Improvvisamente circa dieci coloni sono venuti dall’insediamento di Suseya e alcuni di loro hanno attraversato un’area in cui l’accesso è vietato agli israeliani e si sono infuriati contro gli attivisti nonviolenti.
Nel frattempo sono arrivate le forze armate israeliane e i palestinesi hanno denunciato le violazioni dei coloni. Alle 10:45 l’esercito israeliano e la polizia hanno dichiarato la zona un area militare chiusa per un giorno, al fine di scacciare i palestinesi e gli attivisti israeliani. Eppure i coloni sono rimasti dentro la temporanea area militare chiusa con la polizia e l’esercito.

L’azione nonviolenta ha lo scopo di impedire l’illegale espansione territoriale della colonia e di fermare la continua appropriazione di terra palestinesi da parte dei coloni israeliani nelle colline a sud di Hebron.

Operazione Colomba mantiene una presenza costante nel villaggio di At-Tuwani e nell’area delle colline a sud di Hebron dal 2004.

Foto dell’azione: http://goo.gl/21d7bw

[Note: secondo la IV Convenzione di Ginevra, la II Convenzione dell’Aja, la Corte Internazionale di Giustizia e numerose risoluzioni ONU, tutti gli insediamenti israeliani nei Territori Palestinesi Occupati sono illegali. Gli avamposti sono considerati illegali anche secondo la legge israeliana.]

P/R: Operation Dove strongly condemns ‘Protective Edge’ military operation against Gaza

luglio 16, 2014 at 5:56 am

The Israeli occupation continues to “normalize” the violation of the Palestinian human rights

(Italian follows)
July 15, 2014

At Tuwani – Operation Dove, Nonviolent Peace Corps of the Pope John XXIII Community-Association, maintains a constant presence in the South Hebron hills, Palestinian Occupied Territory, continuing from 10 years to accompany and support the Palestinians of the area in their struggle choice by nonviolent methods in order to protect their lives and their rights.

“On the seventh day since the beginning of the Israeli state ‘Protective Edge’ military operation against the Gaza Strip (which has already killed at least 180 people and injured more than 1200), the situation here is alarming,” says a volunteer. “Although no serious things happened during the past 7 days, the local population is very apprehensive and scared. It is expected that in parallel with the Israeli bombing of the Gaza Strip, the Israeli army and settlers could begin a new massive violence phase in the area. A lot of shepherds, that we usually accompany by non-armed escort during their everyday activities, now they stay in their houses and don’t approach work areas close to Israeli settlements or outposts, because scared of attacks that could attempt on their safety. ”

Operation Dove strongly condemns this further outbreak of violence: in addition to the massacre and the humanitarian disaster in Gaza, the Israeli military operation that followed the kidnapping and murder of three young Israelis, in the West Bank has led to at least 10 people killed including children, and 150 injured during the raids. More than 500 people have been kidnapped and imprisoned, many of them subjected to “administrative detention”, so without charge. More than two thousand properties were raided, damaged or looted. Towns, villages and refugee camps have been put under siege by checkpoints and roadblocks.

Operation Dove strongly condemns the Israeli occupation of the Palestinian Territories  that dehumanizes the occupier and the occupied. This dehumanization, institutionalized, sought and wanted by the occupying state, makes possible the murder of three young Israelis by two Palestinians, as it seems, or the barbaric murder of a 16 year old Palestinian from East Jerusalem, burned alive by Israeli extremists. This occupation “normalizes” the continued human rights violations of the Palestinian people.

Operation Dove has maintained an international presence in At-Tuwani and the South Hebron Hills since 2004.

For further information:
Operation Dove, 054 99 25 773

[Note: According to the Fourth Geneva Convention, the Hague Regulations, the International Court of Justice, and several United Nations resolutions, all Israeli settlements and outposts in the Occupied Palestinian Territories are illegal. Most settlement outposts, including Havat Ma’on (Hill 833), are considered illegal also under Israeli law.]


COMUNICATO STAMPA
Operazione Colomba condanna fortemente l’operazione militare “Protective Edge” contro Gaza
L’occupazione israeliana continua a “normalizzare” la violazione dei diritti umani dei palestinesi

 

15 luglio 2014

At Tuwani – Operazione Colomba, Corpo Nonviolento di Pace della Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII, mantiene una presenza costante nelle colline a sud di Hebron, Territori Palestinesi Occupati, continuando ad accompagnare e supportare da ormai dieci anni i palestinesi della zona nella loro scelta di lottare con metodi nonviolenti per la tutela della propria vita e dei propri diritti.

“Al settimo giorno dall’inizio dell’operazione “Protective Edge” dello Stato israeliano contro la Striscia di Gaza (che ha già ucciso almeno 180 persone e ferite più di 1200), la situazione qui è preoccupante” racconta un volontario. “Nonostante non siano successi fatti gravi negli ultimi 7 giorni, la popolazione locale è molto in apprensione e spaventata. Si aspetta che parallelamente ai bombardamenti israeliani sulla striscia di Gaza, militari e coloni israeliani possano dare inizio a una nuova fase di violenza massiccia nell’area. Molti pastori che ogni giorno scortiamo in maniera non armata nelle attività quotidiane stanno in casa e non si avvicinano alle zone di lavoro adiacenti alle colonie e agli avamposti israeliani per paura di attacchi che possano attentare alla loro incolumità”.

Operazione Colomba guarda con sgomento e condanna  questa ulteriore esplosione di violenza: oltre al massacro e al disastro umanitario a Gaza, l’operazione militare israeliana seguita al sequestro e all’uccisione di tre giovani israeliani, in Cisgiordania ha portato ad almeno 10 persone uccise, tra cui bambini, e 150 ferite durante le incursioni. Più di 500 persone sono state sequestrate ed incarcerate, di cui una buona parte sottoposte a “detenzione amministrativa”, cioè senza un’accusa. Più di duemila proprietà sono state perquisite, danneggiate o saccheggiate. Città, villaggi e campi profughi sono stati messi sotto assedio da checkpoint e roadblock.

Operazione Colomba condanna l’ occupazione israeliana dei Territori Palestinesi  che disumanizza l’occupante e l’occupato. E’ questa disumanizzazione, istituzionalizzata, cercata e voluta dallo stato occupante, che  rende possibili l’assassinio di tre giovani israeliani ad opera di due palestinesi, come pare, o il barbaro assassinio di un 16enne palestinese di Gerusalemme est, bruciato vivo da estremisti israeliani. E’ questa occupazione che “normalizza” la continua violazione dei diritti umani del popolo palestinese.

Operazione Colomba mantiene una presenza costante nel villaggio di At-Tuwani e nell’area delle colline a sud di Hebron dal 2004.

Per informazioni:
Operazione Colomba, +972 54 99 25 773

[Note: secondo la IV Convenzione di Ginevra, la II Convenzione dell’Aja, la Corte Internazionale di Giustizia e numerose risoluzioni ONU, tutti gli insediamenti israeliani nei Territori Palestinesi Occupati sono illegali. Gli avamposti sono considerati illegali anche secondo la legge israeliana.]

bocchescucite.org : Rappresaglia, vendetta o giustizia?

luglio 3, 2014 at 11:06 am

10484617

by  N. Capovilla, 2014 July 2
L’amico Kalil insiste nel chiedermi: “allora, sarai ancora nostro ospite, abuna?” Ed io, dopo la terribile notizia dell’uccisione dei tre giovani coloni israeliani, davvero non so cosa rispondere loro. Certo, secondo i miei programmi fra pochi giorni dovrei essere ospite della famiglia di Kalil, povera di tutto ma ricca di dignità, affetto, cultura e amicizia. Ma se vi dico che abitano ad Hebron, capite la mia incertezza nel prevedere di poter anche solo entrare in città, dopo che dal 12 giugno è stata sigillata dall’esercito con il pretesto di ricercare i tre giovani.Ecco, ancora una volta constato che ciò che accade in questa maledetta e santa terra di Palestina puntualmente non viene raccontato all’opinione pubblica. Tutto deve venir “semplificato” in uno stereotipo che eviti rigorosamente di evidenziare ciò che è la causa di tutto: la terra e le città, la vita e l’economia, la libertà di movimento e forse anche il futuro di milioni di palestinesi, sono stati occupati e colonizzati illegalmente dallo stato d’Israele.

Ma voi dite: cosa c’entra questo con il rapimento e la barbara uccisione dei tre coloni?

La gente, il lettore/ascoltatore, devono continuare ad immaginare che i palestinesi siano tutti terroristi e che ad Israele, da vittima, sia logicamente concesso non solo di difendersi, ma di trasgredire tutte le leggi e le risoluzioni per “vendicarsi” con “rappresaglie” e “punizioni collettive”, come scrivono i giornali di questi giorni.

Ma in queste ore le parole che vorremmo leggere non sono queste.

L’immenso dolore, l’indicibile lutto che sconvolge tre famiglie e un’intera nazione, dovrebbe ispirare sentimenti di solidarietà, partecipazione, auspicio e impegno a lavorare tutti per togliere benzina alle macchine di odio che la violenza e le armi seminano ovunque. Dovrebbero spingere la comunità internazionale a sostenere davvero chi cerca la pace, che arriverà solo con la giustizia e i diritti per tutti.

Da anni facciamo la spola tra le case di amici israeliani e le parrocchie palestinesi, per gettare ponti di reciproca conoscenza e dialogo.

Ma purtroppo constatiamo che siamo da sempre abituati a dare per scontato che la rabbia degli israeliani debba generare fiumi di risentimento e concrete violazioni e violenze: vi ricordate con quanto sollievo avevamo preso atto che Israele aveva interrotto la barbara pratica della demolizione delle case delle famiglie dei presunti colpevoli di un atto terroristico? Ebbene, è triste non solo che questa pratica tribale sia ripresa in queste settimane, ma ancor più che i giornali ne parlino come di una cosa normale e giusta.

Farò il possibile per andare dal mio amico Kalil e vorrei invitare tutti i giornalisti che in queste settimane hanno finto di non sapere che i tre giovani “seminaristi” erano coloni e la città dove erano stati rapiti, Hebron, si trova in Palestina e, come ha acutamente osservato Ugo Tramballi, non era proprio come “il lungomare di Tel Aviv”, visto che si trova nei Territori Palestinesi occupati.

Troppo poco hanno scritto delle aggressioni che hanno volutamente trasformato la ricerca dei tre giovani in una autentica punizione collettiva che sta mettendo a ferro e fuoco l’intera Cisgiordania.

Porterei questi giornalisti a venti minuti da Hebron per intervistare gli amici del villaggio di At Twani stritolato dagli insediamenti e da anni preda dei soprusi più pesanti dei coloni.

Sì, perché è diverso leggere i titoli inneggianti alla “durissima vendetta di Israele” e sentire la famiglia che conosci e che ti racconta che una perquisizione notturna illegale dei soldati in casa ha seminato paura e fruttato ai soldati l’equivalente di 2500 euro, la dote di una ragazza che sta per andare in sposa.

D’altra parte, se tutti i pellegrini di giustizia che fra pochi giorni saranno con me a Betlemme hanno solo letto i giornali sulla “prevedibile escalation di violenza” e sentito distrattamente alla TV che ben quattordicimila soldati sono stati mandati ad invadere case, villaggi e città, distruggendo vite, beni, risorse, sono certo che il dottor Nidal, a cui porteremo medicine che Israele gli impedisce di avere, racconterà loro un’altra storia, in cui trova il primo posto la condanna per la brutale sorte dei tre giovani israeliani e insieme lo sconcerto perchè i giornali hanno ritenuto di dover appena appena accennare al fatto che ben “dieci persone sono state uccise, tra cui bambini, durante le incursioni. Ed erano tutti disarmati. Più di 500 persone sono state sequestrate ed incarcerate.

Ma nessuno dei nostri uomini o donne di Stato ha rivolto loro un pensiero o ha chiesto ad Israele di fermare la punizione collettiva di un intero popolo.” (Luisa Morgantini)

Ogni morte e ancor più ogni assassinio, ogni uomo e ancor più ogni giovane che viene ucciso, rivelano la disumanità e la barbarie generata dall’odio. E se ci mancano le risposte e le soluzioni facili, senz’altro abbondano le domande: “Ma la Comunità internazionale, che ora piange e solidarizza, perchè non alza con più forza la voce richiamando palestinesi e israeliani al rispetto delle leggi e delle Risoluzioni delle Nazioni Unite? Ma possibile che i palestinesi siano destinati ad essere ritenuti sempre esseri umani di seconda categoria?”

Non la vendetta né la rappresaglia: per raggiungere veramente la pace l’unica risposta restano sempre la giustizia e il rispetto dei diritti umani,.

Nandino Capovilla

referente Campagna Ponti e non muri di Pax Christi Italia

2 luglio 2014

per visualizzare l’articolo vai al link: http://www.bocchescucite.org/rappresaglia-vendetta-o-giustizia/

+972 Mag: Palestinian teen murdered in suspected ‘revenge kidnapping’

luglio 3, 2014 at 5:34 am

By Michael Omer-Man, 2 July, 2014

Heavy clashes take place in a number of East Jerusalem neighborhoods, leading to dozens of injuries, including two photographers from Activestills; Kerry conveys condolences to the Palestinian people over despicable murder; ‘revenge’ calls spread throughout Israeli social networks, streets of Jerusalem.

Clashes between Palestinian youths and Israeli police broke out Wednesday morning when news broke of a suspected kidnapping and murder of a Palestinian teenager in the East Jerusalem neighborhood of Beit Hanina hours earlier. Speculation that the killing was a nationalistically motivated and perpetrated by Jewish Israelis as revenge for the kidnapping and murder of three Israeli teenagers in the West Bank appeared almost immediately in nearly every Israeli media outlet. Police initially urged caution, saying that no motive had been established, but later said they estimated it was a “nationalistic” crime.

Muhammad Hussein Abu Khdeir was walking to morning prayers for Ramadan after 3 a.m. Wednesday morning when a car pulled up and a number of passengers forced him in. Police later found his burned body in a Jerusalem-area forest. A gag order covered other details of the investigation. The family reportedly agreed to an autopsy and the funeral was scheduled for Thursday.

U.S. Secretary of State John Kerry on Wednesday condemned the “despicable and senseless abduction and murder,” adding, “[t]here are no words to convey adequately our condolences to the Palestinian people.”

“Those who undertake acts of vengeance only destabilize an already explosive and emotional situation,” Kerry continued. “We look to both the Government of Israel and the Palestinian Authority to take all necessary steps to prevent acts of violence and bring their perpetrators to justice.”

The Israeli Prime Minister’s Office published a readout from a conversation Prime Minister Netanyahu had with Public Security Minister Yitzhak Aharonovitch, in which he asked police to work quickly to investigate “work as quickly as possible in order to investigate who is behind the reprehensible murder and what the motive was.” The written statement added that “the prime minister calls on all sides not to take the law into their own hands.”

The uncle of one of the murdered Israeli teens said that if there the Palestinian teen was killed as a nationalistically motivated crime or revenge, it would be horrendous. “There is no difference between [Arab] blood and [Jewish] blood.”

In the two days since Israeli troops found the bodies of the kidnapped teenagers, incitement and calls for revenge have been rampant. Defense Minister Moshe Ya’alon spoke of “settling the score,” Prime Minister Netanyahu called the murderers “human animals” and others called for swift action against Hamas and the Palestinians.

Hundreds of Jewish Israelis, many of them teenagers, marched through the streets of West and East Jerusalem for hours Tuesday night chanting “death to Arabs” and physically assaulting at least five Palestinians along the way. Police also reportedly prevented attacks against a number of Palestinians. Police arrested 50.

A photo posted to the ‘The people of Israel demand revenge’ Facebook page

A Facebook group established Monday night, called “The people of Israel demand revenge,” garnered over 37,000 “likes” by Wednesday afternoon. Followers of the page posted photos of themselves holding signs or with writing on their skin with messages inspired by the name of the Facebook page. A number of the posters appeared to be active duty soldiers, some of whom framed their signs with insignia, military gear and weapons.

Dozens of Palestinians were wounded in the clashes in East Jerusalem on Wednesday, with Ma’an reporting that 17 required hospitalization. Five police officers were reportedly wounded, and at least four journalists were shot with sponge-tipped bullets by police. Among those shot were two journalists from Palestine TV and two Activestills photographers. Activestills photojournalist Tali Mayer, who also works for Walla! News, was shot in the face and will have to undergo surgery.

The demonstrators damaged a number of light-rail stations and maintained a standoff with riot police in the Shuafat and Beit Hanina neighborhoods of East Jerusalem. Police shut down the main roads running through the area, which are also the main arteries connecting Jerusalem and Ramallah.

http://972mag.com/palestinian-teen-murdered-in-suspected-revenge-kidnapping/92841/

Peace through the eye of a needle

giugno 6, 2014 at 2:29 pm

The At Tuwani village Women’s Cooperative together with Israeli women gave life to Two Neighbors: an against-the-odds business partnership that defies politics in favor of beauty, common sense, and shared economic benefit. The new project is leaded by a team made by Israeli women, Palestinian women and American men and women who founded the Center for Emerging Futures that holds gatherings for Israelis and Palestinians on the border between Israel and the West Bank. 

 

After spending time at a Global Village Square meeting organized by the Center for Emerging Futures, women from both sides of the conflict decided they would like to work together producing beautiful items which showcased their talents and heritage. They wanted to do this together, showing that Israelis and Palestinian women, who were tired of waiting for the politicians to declare peace, could work together now to improve their economic condition and demonstrate peaceful relations on a grass roots level.

http://twoneighbors.com

Two Neighbors – Due vicini di casa
La Cooperativa delle Donne del villaggio di At Tuwani ha dato vita insieme ad alcune donne israeliane al progetto Two Neighbors: un partenariato contro il business il cui obiettivo è il solo profitto, che sfida la politica a favore della bellezza, il senso comune e il beneficio economico condiviso. Il nuovo progetto è guidato da un team composto da donne israeliane e donne palestinesi, insieme a uomini e donne americani già fondatori del Center for Emerging Futures che da anni organizza incontri per israeliani e palestinesi al confine tra Israele e la Cisgiordania.
Dopo aver trascorso del tempo in incontri organizzati dal Center for Emerging Futures, donne provenienti da entrambe le parti del conflitto hanno deciso di lavorare insieme, facendo oggetti belli che mostrassero il loro talento e il loro patrimonio storico-culturale. Volevano farlo insieme, dimostrando che donne israeliane e palestinesi, stanche di aspettare che siano i politici a dichiarare la pace, possono lavorare insieme per migliorare le proprie condizioni economiche e mettere le radici di relazioni pacifiche.

Palestinians keep struggling for Umm Al Arayes land

maggio 12, 2014 at 8:09 am

Every saturday, since one year and a half, Palestinians together with Israeli activists organise nonviolent actions to claim the right to return to their land in the South Hebron Hills, on which settlers from the Israeli illegal outpost of Mitzpe Yair have built greenhouses. The land is situated between the Palestinian village of Shi’b Al Butum and the Israeli illegal outpost of Mitzpe Yair.

This land is called Umm Al Arayes and it’s a Palestinian private propriety.  Demolition orders have been issued against the greenhouses by the Israeli District Coordination Office. The Israeli army declaration of lands as closed military zone impedes the Palestinians from accessing their land. Since 2001 the Palestinians in the area have faced restricted access to these lands.

Palestinians from the South Hebron Hills keep facing the Israeli occupation through the popular nonviolent resistance.

For more information about the area you can see also: http://tuwaniresiste.operazionecolomba.it/?s=Umm+Al+Arayes

 

2014-05-10: Isareli army and Border police preventing Palestinina from accessing their private land in Umm Al Arayes

Palestinesi continuano a lottare per la terra a Umm Al Arayes

Ogni sabato, da un anno e mezzo, palestinesi insieme ad attivisti israeliani organizzano azioni nonviolente per reclamare il diritto di accesso alla propria terra nelle colline a sud di Hebron, dove i coloni dell’avamposto illegale israeliano di Mitzpe Yair hanno costruito delle serre. La terra in questione si trova tra il villaggio palestinese di Shi’b Al Butum e l’avamposto illegale israeliano di Mitzpe Yair.

Questa terra è chiamata Umm Al Arayes ed proprietà privata palestinese. Contro le serre sono stati consegnati ordini di demolizione dal Ufficio di Coordinamento Distrettuale dell’Amministrazione Civile Israeliana (DCO). Ai palestinesi è impedito l’accesso alla propria terra in quanto dichiarata dall’esercito israeliano “zona militare chiusa”.

I palestinesi delle colline a sud di Hebron continuano ad affrontare l’occupazione israeliana tramite la resistenza popolare nonviolenta.

Per maggiori informazioni riguaradanti l’area potete vedere anche: http://tuwaniresiste.operazionecolomba.it/?s=Umm+Al+Arayes

C/S: I palestinesi delle colline a sud di Hebron di nuovo bersaglio dei coloni: un pozzo avvelenato e una strada bloccata per due volte nello stesso giorno

agosto 19, 2013 at 1:10 pm

COMUNICATO STAMPA

I palestinesi delle colline a sud di Hebron di nuovo bersaglio dei coloni: un pozzo avvelenato e una strada bloccata per due volte nello stesso giorno

Un gruppo di coloni della zona avvelena un pozzo e blocca la strada che porta al villaggio palestinese di Bir al Idd, nei pressi dell’avamposto israeliano di Mitzpe Yair. Per i palestinesi, questa strada rappresenta una delle principali vie d’accesso alla regione di Masafer Yatta, i cui abitanti subiscono minacce di sfratto da parte dell’esercito israeliano.

(English follows)

19 Agosto 2013

Domenica 18 agosto alcuni coloni israeliani hanno avvelenato un pozzo nel villaggio palestinese di Bir al Idd e per due volte hanno bloccato l’unica via d’accesso al villaggio. La strada sterrata è rimasta completamente bloccata per più di sei ore.

Già in mattinata gli abitanti di Bir al Idd si erano accorti che l’acqua di un pozzo era sporca e maleodorante, a seguito di un probabile avvelenamento. Inoltre, la strada principale era stata bloccata con massi e copertoni, rimanendo inagibile per circa 100 metri a causa della presenza di pietre sparse. Intorno alle 16 l’esercito israeliano ha liberato e aperto la strada.

Alle 18:25 otto coloni sono tornati sul posto, portando pietre e copertoni con l’intenzione di bloccare nuovamente la strada. Nel frattempo, due macchine con sei palestinesi a bordo non hanno potuto lasciare il villaggio a causa della presenza dei coloni sulla strada. Durante tutto il susseguirsi degli eventi, una macchina della DCO (District Control Offce) è rimasta ad osservare la scena da una distanza di circa 50 metri. Verso le 18:50 è arrivata anche una camionetta dell’esercito e quattro soldati ne sono usciti. Né gli ufficiali della DCO né i soldati hanno tentato in alcun modo di fermare i coloni; finché alle 19 è giunta una macchina della polizia e tre poliziotti hanno obbligato tre coloni a seguirli fino alla macchina, mentre altri continuavano a lavorare sulla strada. Poco a poco tutti i coloni hanno smesso di spostare pietre e hanno cominciato a camminare in direzione dell’avamposto di Mitzpe Yair.

Nel frattempo, circa dieci palestinesi sono giunti sul posto per vedere cosa stava succedendo. Alle 19:20, quando la polizia se n’è andata, i palestinesi prima e in seguito i soldati hanno smantellato il blocco.

Il villaggio di Bir al Idd è situato all’ingresso dell’area di Masafer Yatta, i cui abitanti subiscono continue minacce di evacuazione da parte dell’esercito israeliano. Difatti, in questa zona il governo israeliano ha dichiarato la “Firing Zone 918”, ovvero un’area d’esercitazione militare permanente. I palestinesi che vi abitano sono in attesa della sentenza definitiva dell’Alta Corte israeliana che si pronuncerà sulla legittimità della zona militare. Nel mentre, le restrizioni alla libertà di movimento per gli abitanti persistono. Ciò nonostante, le comunità palestinesi delle colline a sud di Hebron perseverano nell’uso della nonviolenza come strumento di resistenza all’occupazione israeliana.

Operazione Colomba mantiene una presenza costante nel villaggio di At-Tuwani e nell’area delle colline a sud di Hebron dal 2004.

 

Foto dell’incidente: http://snipurl.com/27nh0ek

Video dell’incidente: http://snipurl.com/27nvjb3

[Note: secondo la IV Convenzione di Ginevra, la II Convenzione dell’Aja, la Corte Internazionale di Giustizia e numerose risoluzioni ONU, tutti gli insediamenti israeliani nei Territori Palestinesi Occupati sono illegali. Gli avamposti sono considerati illegali anche secondo la legge israeliana.]