Israeli military forces demolish in Umm Al Kheir, South Hebron Hills

agosto 9, 2016 at 12:57 pm

On August 9 at about 6.30 am the Israeli military forces (Israeli Army, Border Police and DCO) burst into the Palestinian village of Umm Al Kheir and demolished five structures (three of which built with European Union funds), leaving 27 Palestinians homeless, including 16 children. During the demolitions, the Israeli Army also beat and detained a Palestinian old man.

As Palestinians witnesses reported the demolitions of today are directly linked to Regavim settlers organization’s recent activities (here more details) In this case they pushed the Israeli Civil Administration to take measures against Umm al Kheir local Palestinian community. On July 27 members of Regavim entered in Umm Al Kheir village in order to document the construction of houses founded by European Union, for the people who were displaced because of the last demolitions in April. The day after the Israeli Civil Administration officers, with Regavim pictures, come to Palestinian village pointing to all the EU funded buildings.

SnapShot-2016-08-09-19h05m32s213

 

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Forze militari israeliane demoliscono nel villaggio di Umm Al Kheir, colline a sud di Hebron

Il 9 agosto, alle 06:30 circa, forze militari israeliane (esercito, Border Police e DCO) hanno fatto irruzione nel villaggio palestinese di Umm Al Kheir e demolito cinque strutture (tre delle quali costruite con fondi dell’Unione Europea), lasciando 27 palestinesi senza casa, di cui 16 bambini. Durante le demolizioni, l’esercito israeliano ha anche malmenato e detenuto un anziano signore palestinese.

Fonti palestinesi hanno riferito che le demolizioni di oggi sono direttamente collegati alle recenti attività dell’organizzazione di coloni Regavim (qui maggiori dettagli). In questo caso hanno spinto l’Amministrazione Civile Israeliana a prendere misure contro la comunità palestinese di Umm al Kheir. Il 27 luglio i membri di Regavim infatti sono entrati nel villaggio di Umm Al Kheir al fine di verificare la presenza di abitazioni costruite con i fondi dell’Unione Europea per le persone sfollate nelle demolizioni dell’aprile scorso. Il giorno dopo, i funzionari dell’amministrazione civile israeliana, con le immagini prese da Regavim, sono tornati al villaggio palestinese per individuare gli edifici finanziati dall’UE.

SnapShot-2016-08-09-19h07m59s18

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

VIDEO UPDATE: Demolitions in the Palestinian villages of Wadi Jheish and Deirat

giugno 19, 2016 at 7:32 pm

Video: Israeli military forces demolished six houses and left 35 people homeless in Palestinian village of Um al Kher

aprile 8, 2016 at 8:26 am

UPDATE : Israeli military forces demolishes six houses and left 35 people homeless in the Palestinian villages of Um al Kher in South Hebron Hills

aprile 6, 2016 at 10:30 pm

At about 6,30 am on the morning of April 6, Israeli military forces burst into the Palestinian village of Um al Kher and destroyed six houses, leaving 35 Palestinians homeless, including 17 children.

A Palestinian human rights activist and two Operation Dove volunteers, called by the residents of Um Al Kher, immediately rushed in the village in order to monitor the situation but when they reached the village, the area had already been declared closed by Israeli military forces.

During the demolitions Palestinian inhabitants were obliged to stay far from their houses. When a Palestinian man tried to talk with the soldiers, the Border Police officers pushed him violently away.

Um al Kher is a beduin Palestinian village located in the South Hebron Hills area, whose residents are often threaten by Israeli settlers living in the nearby settlement of Carmel.

According to the United Nation Office for the Coordination of Humanitarian Affairs (OCHA) the number of demolitions in 2016 is greatly alarming: until now over 500 Palestinians have been displaced from their homes – equivalent to the total number of Palestinians displaced in all of 2015.

P1060027.resized

S1000151.resized

UPDATE: l’esercito israeliano demolisce sei case sfollando 35 palestinesi nel villaggio di Um al Kher

Verso le ore 6:00 del mattino del 6 Aprile, le forze militari Israeliane hanno fatto irruzione nel villaggio palestinesi di Um Al Kher e hanno demolito sei case, sfollando 35 Palestinesi, tra cui 17 bambini.

Un attivista palestinese per i diritti umani e due volontari di Operazione Colomba, contattati dai residenti, si sono immediatamente recati al villaggio per monitorare la situazione, ma al loro arrivo i soldati avevano già dichiarato la zona un’ area militare chiusa.

Durante le demolizioni, gli abitanti son stati costretti a rimanere a distanza. L’atmosfera si è mostrata tesa: quando un uomo ha cercato di avvicinarsi per parlare ai soldati, gli ufficiali hanno provveduto ad allontanarlo con violenza.

Um al Kher è un villaggio beduino collocato nelle colline a sud di Hebron, i cui abitanti vivono sotto costante minaccia da parte di coloni israeliani che vivono nell’adiacente colonia di Carmel.

Secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari Umanitari (OCHA), il numero di demolizioni nel 2016 è fortemente allarmante: fino ad oggi più di 500 palestinesi sono stati sfollati dalle loro case – pari al numero totale di sfollati di tutto il 2015.

IMG-20160406-WA0005

IMG-20160406-WA0006

Video: Israeli military demolishes one home and two animal shelters in Jinba and Al-Tabban

marzo 23, 2016 at 9:39 am

UPDATE: Israeli military demolishes one home and two animal shelters in Palestinian villages of Jinba and Al-Tabban inside Firing Zone 918

marzo 22, 2016 at 6:58 pm

P1130700

SnapShot-2016-03-22-19h57m21s29

(italian follows)

At about 11:00 AM on the morning of March 22 approximately 20 Israeli Army soldiers, Border Police and Civil Administration (DCO) personnel drove two bulldozers into the Palestinian village of Jinba, in Masafer Yatta.  They demolished one home and one animal shelter containing chickens, and confiscated solar electric panels, then drove the bulldozers to the nearby Palestinian village of Al-Tabban, where they demolished another animal enclosure.  The demolitions left six Palestinians homeless, including four children.

The buildings destroyed in Jinba village include a 70 square meter home and a 200 square meter agricultural building belonging to a young family. When the bulldozer started to destroy the building which housed the family’s poultry the women asked to be allowed to take the chickens out but soldiers held the women back and demolished the building with the chickens inside, killing the majority of the birds. After the family’s home and agricultural structures had been reduced to a large pile of rubble and destroyed household goods. Israeli Civil Administration (DCO) personnel dug through the pile to find and confiscate the home’s solar electric panels.

Jinba and Al-Tabban are two of eight Palestinian villages housing a total of about 1000 people inside what Israel claims as Firing Zone 918. All of the Palestinian structures inside Firing Zone 918 are under threat of demolition by Israeli authorities, due to Israel’s intention to remove the villages from the area in order to gain exclusive use of it for military training. On February 3 Israeli authorities demolished 24 structures in Jinba and Halaweh villages.

Residents of the area have lived under threat of demolition since they returned to their villages after Israeli authorities demolished homes and forcibly removed 700 people. During 2000 and 2001 many families returned to their land and in 2000 the villages appealed to the Israeli Court for the right to  remain on the land.

Since that time the villages have engaged in court ordered mediation with the State of Israel, which ended at the start of February without the parties reaching an agreement.

Israeli demolitions of Palestinian homes have increased sharply in recent months.  In February alone Israeli forces destroyed  235 homes and structures, displacing 331 Palestinians, including 174 children.

Israeli firing zones take up about 18 percent of the West Bank.

SnapShot-2016-03-22-19h58m50s217

P1130770

UPDATE: L’esercito israeliano demolisce una casa e due ripari per animali nei villaggi palestinesi di Jinba e Al-Tabban all’interno Firing Zone 918

Verso le 11:00 del mattino del 22 marzo, circa 20 soldati israeliani, Border Police e DCO (Amministrazione civile israeliana) seguiti da due bulldozer hanno fatto irruzione nel villaggio palestinese di Jinba, nella Firing Zone 981 ed hanno demolito un rifugio per animali, una casa ed hanno confiscato dei pannelli solari. Le forze israeliane si sono poi spostate nel vicino villaggio palestinese di Al-Tabban, dove hanno demolito un altro recinto per bestiame. Le demolizioni hanno lasciato un totale di sei palestinesi senza casa, tra cui quattro bambini.

Gli edifici distrutti nel villaggio di Jinba includono una casa di 70 mq e un edificio agricolo di 200 metri quadrati appartenente ad una giovane famiglia. Quando il bulldozer ha cominciato a distruggere l’edificio che ospitava il bestiame, le donne hanno chiesto di poter portare gli animali fuori, ma i soldati trattenendole hanno continuato a demolire l’edificio, uccidendo la maggior parte del pollame. L’amministrazione civile Israeliana (DCO) ha scavato poi tra le macerie con lo scopo di trovare e confiscare i pannelli solari  della casa.

Jinba e Al-Tabban sono due degli otto villaggi palestinesi che ospitano un totale di circa 1000 persone all’interno della cosidetta Firing Zone 918. Tutte le costruzioni palestinesi all’interno Firing Zone 918 sono sotto minaccia di demolizione da parte delle autorità israeliane che hanno come obiettivo lo sgombero forzato di tutti i villaggi palestinesi della zona. Il 3 febbraio le forze israeliane hanno demolito 24 strutture nei villaggi di Jinba e Halaweh.

Gli abitanti dell’ area vivono sotto minaccia di sgombero da quando sono tornati nei loro villaggi dopo l’ evacuazione forzata e la demolizione di tutte le loro case nel 1999.

Infatti a partire dal 2000 molte famiglie sono tornate alla loro terra ed hanno fatto ricorso  alla Corte israeliana per poter rimanere nelle proprie case.

Le demolizioni,da parte delle forze armate israeliane, delle abitazioni palestinesi sono aumentate notevolmente negli ultimi mesi. Solamente nel mese di febbraio l’esercito ha distrutto 235 case e strutture, lasciando senza casa 331 palestinesi, tra cui 174 bambini.

Le zone adibite all’ addestramento militare dei soldati israeliani, come la Firing Zone 918,  occupano circa il 18 per cento della Cisgiordania.

P1050553

P1130709

VIDEO-UPDATE: Israeli army demolished 24 houses in Jinba and Halaweh Palestinian villages

febbraio 2, 2016 at 9:57 pm

UPDATE: Israeli army demolished 24 houses in Jinba and Halaweh Palestinian villages

febbraio 2, 2016 at 9:14 pm

P1030986

P1120639

(Italian follows)

On February 2, after a breakdown in the mediation between Massafer Yatta Palestinian villages and the State of Israel, Israeli forces burst into the Palestinian villages inside the so called Firing Zone 918 in South Hebron Hills area in order to implement the demolition orders delivered in the last months.

The Israeli army, in the early morning, closed all the entrances of Firing Zone 918 with checkpoints near the Palestinian villages of Bir al Idd and Al Fakheit, denying Palestinians and Internationals the freedom of movement.

In the Palestinian village of Jinba, Israeli army, Border Police and DCO demolished 15 houses and fired sonar and gas bombs against Palestinian inhabitants, who tried to defend their homes.

Israeli civil administration confiscated several solar panels used to produce electricity.

In the Palestinian village of Halaweh, the Israeli forces destroyed another 9 houses; for a total of 24 structures, leaving Palestinian men, women and children without shelters.

Israeli Police confiscated International volunteers and Palestinian activists’ car, in order to prevent their human rights monitoring work.

*“Firing Zone 918″ is the Israeli military’ s term for a southern part of the West Bank (oPt), in the South Hebron Hills, where Palestinians have been living there since the 19 thcentury as permanent residents. Although over 1.000 civilians are living in that area, the Israeli army still uses it for military trainings and the state of Israel aims to evict all the Palestinian villages inside.

Background on Firing Zone 918

P1030956

P1040056

UPDATE: L’esercito israeliano demolisce 24 abitazioni nei villaggi palestinesi di Jinba e Halaweh

Il 2 febbraio le forze israeliane hanno fatto irruzione nei villaggi della cosiddetta “Firing zone 918”, nelle colline a sud di Hebron, in seguito alla scadenza dell’arbitrato tra i villaggi palestinesi e lo Stato di Israele, per eseguire gli ordini di demolizione consegnati negli ultimi mesi.

L’esercito israeliano, nelle prime ore del mattino, ha chiuso le entrate alla “Firing zone 918” con dei checkpoint vicino ai villaggi palestinesi di Bir al Idd e Al Fakheit, limitando la libertà di movimento di palestinesi e internazionali nell’area.

Nel villaggio palestinese di Jinba l’esercito israeliano, Border Police e DCO hanno demolito 15 case, e hanno lanciato bombe sonore e lacrimogeni contro gli abitanti che cercavano di difendere le loro abitazioni.

L’amministrazione civile israeliana dei territori occupati ha anche confiscato numerosi pannelli solari, usati per produrre energia elettrica nei villaggi palestinesi della zona.

Nel villaggio palestinese di Halaweh le forze israeliane hanno distrutto altre 9 case, per un totale di 24 strutture, lasciando uomini, donne e bambini palestinesi senza riparo.

La polizia israeliana ha anche confiscato la macchina degli attivisti internazionali e palestinesi, ostacolando il loro lavoro di monitoraggio delle violazioni dei diritti umani.

*“Firing zone 918” è il termine militare israeliano per definire una porzione di territorio, nelle colline a sud di Hebron, in Cisgiordania, dove i palestinesi vivono dal XIX secolo come residenti permanenti. Nonostante più di 1000 civili vivano in quest’area, l’esercito israeliano la usa per esercitazioni militari. Lo stato israeliano ha come obiettivo lo sgombero forzato di tutti i villaggi palestinesi della zona.

Background della Firing Zone 918

P1120683

UPDATE: Israeli forces demolish four tents in South Hebron Hills

gennaio 21, 2016 at 10:23 am

P1030718

P1030731

(Italian follows)

On January 20, Israeli Army, DCO (District Coordination office) and Border Police demolished two tents in Suseya Palestinian village. Soldiers didn’t give Palestinian family enough time to save all their properties before the tents were demolished.

Shortly after Israeli forces reached Al Mufaqarah Palestinian village where they destroyed another two tents, despite the attempt of the Palestinian community to prevent the demolition.

According to OCHA (UN agency) over 13,000 Palestinian-owned structures are affected by demolition orders. Due to the lack of adequate planning and discriminatory allocation of public land, it is nearly impossible for Palestinians to obtain building permits in most of Area C, that encompasses more than 60 per cent of the West Bank, under direct control of Israeli occupying forces.

P1120309

SnapShot-2016-01-20-15h31m55s133.png

P1120313

UPDATE: Forze israeliane demoliscono quattro tende nelle colline a sud di Hebron

Il 20 gennaio, l’esercito israeliano, DCO (Amministrazione civile nei Territori occupati) e Border Police hanno demolito due tende nel villaggio palestinese di Suseya. I soldati non hanno dato alla famiglia palestinese il tempo necessario per mettere in salvo tutte le loro proprietà prima di distruggere completamente la loro abitazione.

Poco dopo le forze israeliane hanno raggiunto il villaggio palestinese di Al Mufaqarah dove, nonostante il tentativo della comunità palestinese di impedire la demolizione, hanno distrutto altre due tende.

Secondo l’agenzia delle Nazioni Unite OCHA oltre 13.000 strutture di proprietà palestinese sono sotto ordine di demolizione. A causa della mancanza di un’adeguata pianificazione e dell’assegnazione discriminatoria del suolo pubblico, è quasi impossibile per i palestinesi ottenere permessi di costruzione nella maggior parte dell’Area C, che comprende oltre il 60 per cento della Cisgiordania, sotto il diretto controllo delle forze di occupazione israeliane.

P1120325

P1120324

UPDATE: Israeli army denies the right to water in Al Mufaqarah Palestinian village

gennaio 17, 2016 at 6:40 pm

P1120165

SnapShot-2016-01-17-19h32m33s105.png

(Italian follows)

On January 17, in the morning, Israeli Civil Administration officers and soldiers seized a compressor, a power generator, a pneumatic drill, a pulley and two iron carts in Al Mufaqarah Palestinian village, in the South Hebron Hills.

The inhabitants were building a new well that received a stop working order. Israeli soldiers fired tear gas to scatter Palestinian women and children who were trying to prevent the seize.

With the only exception of At-Tuwani village, all the Palestinian communities in the South Hebron Hills don’t have running water and they have to rely on wells and tanks for the water supply.
The connection to the water system or the construction of new wells, however, is almost always prohibited by the Israeli Civil Administration, denying sufficient, safe, accessible and affordable water: a fundamental and universal human right.

P1030691P1030696

UPDATE: Esercito israeliano nega il diritto all’acqua nel villaggio palestinese di Al-Mufaqarah.

La mattina del 17 gennaio ufficiali della DCO (Amministrazione Civile) e soldati israeliani hanno sequestrato un compressore, un generatore di corrente, un martello pneumatico, una carrucola e due carrelli di ferro nel villaggio palestinese  di Al Mufaqarah, nelle colline a sud di Hebron.

Gli abitanti stavano costruendo un nuovo pozzo che ha ricevuto un ordine di stop dei lavori. I soldati israeliani hanno sparato gas lacrimogeni per disperdere le donne e ragazze palestinesi che cercavano di impedire la confisca.

Fatta eccezione per il villaggio di At-Tuwani, tutte le comunità palestinesi nelle colline a sud di Hebron non hanno l’acqua corrente e devono fare affidamento su pozzi e cisterne per il rifornimento idrico. Il collegamento alla rete idrica o la costruzione di nuovi pozzi è però quasi sempre vietato dalla Amministrazione Civile Israeliana nei Territori Occupati, non permettendo di avere una quantità d’acqua sufficiente, sicura, accessibile e a buon mercato e negando così un diritto umano fondamentale e universale.

SnapShot-2016-01-17-20h56m20s0.png