UPDATE: Israeli settlers attack schoolchildren and they couldn’t reach the school

settembre 12, 2017 at 9:18 am

(Italian follows)

Israeli soldiers that have to escort children from Tuba, showed up two hours late. The schoolchildren (6-16 years old) had to wait them, instead  of attending class.  When soldiers arrived the children start to move in their direction, but the military jeep left, leaving the children alone in an illegal Israeli outpost. Israeli settlers started to shout at the children and run towards them.

Children escaped and come back home, missing a day of school.

Military escort is not  an appropriate measure in order to guarantee right to education to Palestinian children, without putting them every day in danger.

UPDATE: Studenti di Tuba attaccati dai coloni israeliani sulla strada per la scuola

I soldati israeliani che dovrebbero scortare i bambini di Tuba questa mattina si sono presentati due ore in ritardo. I bambini (6-16 anni) hanno dovuto aspettarli, invece che essere a lezione nelle loro classi.

Quando i soldati sono arrivati, alle 9.30, i bambini si sono mossi verso di loro, ma la jeep militare improvvisamente se n’è andata, lasciando i bambini da soli dentro un avamposto israeliano illegale. I coloni israeliani hanno iniziato a urlare e correre verso i bambini, che sono scappati verso casa, perdendo un intero giorno di scuola.

La scorta militare non è un mezzo adatto a garantire il diritto all’educazione dei bambini palestinesi senza metterli ogni giorno in pericolo.

UPDATE: Palestinian activists release

settembre 7, 2017 at 8:18 am

(Italian follows)

Yesterday night Sami (20 years old) was released from Israeli military prison of Ofer, after being processed yesterday morning. He spent three nights in prison, after the Israeli police arrested him in Sarura village/Sumud camp, where he’s leading the nonviolent resistance.

Also his brother Hammudi (13 years old) came back home yesterday. After one day and half of waiting in Kyriat Arba police station, the Israeli police interrogated him and detained him for some hours.

This morning Sami and Hammudi could go back to school and university.

UPDATE: Attivisti palestinesi rilasciati

Sami (20 anni) è stato rilasciato ieri notte dal carcere militare di Ofer, dopo il suo processo che si è tenuto ieri mattina. Sami è stato tre notti in prigione, dopo che la polizia israeliana l’ha arrestato nel villaggio di Sarura/Sumud Camp, dove sta portando avanti una resistenza non violenta. 

Anche suo fratello Hammudi (13 anni) è tornato a casa ieri sera. Dopo aver passato un giorno e mezza di attesa nella stazione di polizia di Kyriat Arba, è finalmente stato interrogato e poi detenuto per qualche ora.

Stamattina Sami e Hammudi hanno potuto tornare a scuola e all’università.

UPDATE: Human rights activist SAMI HUREINI arrested at Sumud Camp in Sarura village

settembre 4, 2017 at 1:14 pm

Israeli police unmarked car drive away from Sarura village after the arrest of the Palestinian human rights activist

Sami Hureini during a nonviolent demonstration

(Italian follows)

On the morning of September 3 an Israeli unmarked car arrived on the Palestinian village of Sarura and four policeman without uniform arrested a young Palestinian man, Sami Hureini, 20-years-old. He leads the nonviolence resistance of Sumud camp. Israeli military did not give any explanations.

UPDATE: L’attivista per i diritti umani SAMI HUREINI arrestato al Sumud Camp nel villaggio di Sarura

La mattina del 3 settembre quattro poliziotti in borghese sono arrivati nel villaggio palestinese di Sarura con una macchina civile israeliana e hanno arrestato un giovane palestinese, Sami Hureini, di soli 20 anni. Il ragazzo arrestato ha guidato in questi mesi le azioni di resistenza nonviolenta del Sumud camp. La polizia non ha dato nessuna spiegazione.

Israeli policemen in plainclothes arrest the Palestinian human rights activist in Sarura on September 3, 2017

SARURA VILLAGE: being arrested because of Sumud

settembre 2, 2017 at 2:16 pm

UPDATE: Palestinian well damaged in Qawawis

agosto 24, 2017 at 2:12 pm

(Italian follows)

In the night of August 23 the well used by the Palestinian shepherds of the village of Qawawis was damaged. The day after with the support of Od volunteers and Israeli activists the Palestinian owner complained to the Israeli Police.

During the last years the Palestinians living in Qawawis suffered several harassments and damages from the Israeli settlers living in the surrounding settlements and illegal outposts.

UPDATE: Danneggiato pozzo palestinese nel villaggio di Qawawis

Nella notte del 23 agosto un pozzo usato dai pastori palestinesi del villaggio di Qawawis è stato danneggiato. Il giorno seguente il proprietario palestinese, supportato dai volontari di Operazione Colomba e da attivisti israeliani, ha denunciato l’accaduto alla polizia israeliana.

Negli ultimi anni gli abitanti di Qawawis sono stati attaccati o hanno subito danni materiali in diverse occasioni, ad opera dei coloni israeliani che vivono nelle colonie e negli avamposti illegali circostanti il villaggio.

VIDEO UPDATE: Israeli forces leave four Palestinian families without home in Khashem ad Daraj village

agosto 14, 2017 at 1:51 pm

VIDEO UPDATE: Susya settlers entered Palestinian land in front of Israeli soldiers

luglio 31, 2017 at 6:35 am

UPDATE : Havat Ma’on settlers attempted to attack a Palestinian man and two children

luglio 25, 2017 at 8:32 am

Israeli masked settlers from Havat Ma’on illegal outpost

(Italian follows)

In the afternoon of July 22 five masked settlers from Havat Ma’on illegal outpost attempted to attack a Palestinian man and two children that were watering their own olive trees in Humra Valley. Humra Valley is Palestinian private land between the Palestinian village of At Tuwani and Havat Ma’on illegal outpost.

When the Operation Dove volunteers arrived on the spot, the Israeli settlers stopped just outside the outpost, not reaching the Palestinians. After few minutes when the Palestinians left the area the Israeli settlers moved again into the Palestinian land and tempered with the well used by the Palestinian shepherds and farmers of the area.

Israeli settlers tempering with Palestinian well in Humra valley

UPDATE: Coloni di Havat Ma’on cercano di attaccare un uomo e due bambini palestinesi.

Nel primo pomeriggio del 22 luglio, cinque coloni mascherati dell’avamposto illegale di Havat Ma’on hanno tentato di attaccare un agricoltore palestinese e due bambini che stavano irrigando i loro ulivi nella valle di Humra, terra privata palestinese tra il villaggio di At Tuwani e l’ avamposto di Havat Ma’on.

Quando i volontari di Operazione Colomba sono arrivati sul posto i coloni si sono fermati poco fuori dall’avamposto, non raggiungendo i palestinesi. Dopo alcuni minuti però, quando i palestinesi hanno lasciato la valle, i coloni vi sono ridiscesi e hanno manomesso il pozzo usato da agricoltori e pastori palestinesi della zona.

Israeli settlers watching Palestinians in Humra valley

VIDEO UPDATE: 2017-05-25 Israeli Army raid in Sarura

maggio 27, 2017 at 9:05 am

UPDATE: Israeli Army collaborate with illegal settlers on Palestinian land

maggio 6, 2017 at 5:36 pm

Israeli soldiers and settler stop Palestinian harvest

(Italian follows)

This week was marked again by culture of impunity for Israeli settlers.

Israeli soldiers, taking order from a settler from Havat Ma’on illegal Israeli outpost, prevented Palestinians to harvest their own land.

In the same days, Israeli settlers start to build an illegal structure on Palestinian land. After several calls to Israeli police and army no Israeli forces showed up in order to stop the works, according to Israeli and International laws.

Israeli settlers from Havat Ma’on outpost building on Palestinian land

UPDATE: L’esercito israeliano continua a collaborare con i coloni illegali in Palestina

Anche questa settimana è stata caratterizzata dalla totale impunità per i coloni israeliani.

Il 2 maggio soldati israeliani, prendendo ordini da coloni dell’avamposto israeliano illegale di Havat Ma’on, hanno impedito ai palestinesi di completare il raccolto sulla loro terra.

Negli stessi giorni, alcuni coloni israeliani hanno iniziato la costruzione di una struttura illegale su terreno palestinese. Dopo numerose chiamate all’esercito e alla polizia israeliana, nessuna forza dell’ordine si è presentata per fermare i lavori, come invece previsto non solo dal diritto internazionale, ma anche dallo stesso diritto dell’occupazione Israeliano.