Rondini travestite da colombe

luglio 18, 2010 at 3:46 pm

di Paolo Vachino

Presidiare impavido e assorto

del piccolo villaggio di pastori

dagli invasori coloni israeliani

come fosse un orto

minacciato dalla grandine

dai ragazzi-rondine

che si fan chiamare colombe

incuranti delle bombe

sorvolanti il cielo, loro

come un velo di fiducia

per il popolo palestinese

che cammina una terra

dove ancora brucia

il fanatismo religioso,

un drappello valoroso e irriducibile

che combatte la violenza

con la semplice presenza nel villaggio

con il coraggio di frapporre

il loro corpo per evitare

che qualche morto possa fare

le veci a qualche vivo,

in questo loro agire schivo

dai clamori massmediatici

così apatici all’ostentazione

quanto eretici all’omologazione occidentale,

una muta incallita di volontari

che non si accontentava di vivere bene

nei santuari imbanditi dal Capitale

ma che ha scelto di mescolarsi

con alcuni deboli della Terra

per coltivare insieme a loro l’amore,

estirpare la clandestinità

di questa sporca guerra.


Tags: