La strada per il mare

agosto 30, 2015 at 10:56 am

It is summer, time of holiday. Even in the South Hebron Hills the desire of the sea fills people’s minds. On August 28 in a hot morning, around 40 people, all women and children, left the village of At-Tuwani in the direction of the sea. A hardly reachable destination, because for Palestinians the freedom of movement is still a goal to achieve. At the checkpoint to enter Israel, women and children underwent long and humiliating inspections.
Rashid, 9 years old, has been questioned alone, without the presence of his mother. The woman could not manage the situation and the chance to reach the sea has been denied to her and her child.
Despite this unpleasant fact, the women did not lose their good mood. Most of them haven’t had the chance to see the sea, but this time, despite the oppression of the Israeli occupation, they could enjoy a cheerful day.

P1100235

P1100280

Estate, è tempo di vacanza. Anche nelle colline a sud di Hebron c’è voglia di mare. Nella mattinata di un caldo 28 agosto, un gruppo di circa 40 persone, tra donne e bambini, è partito dal villaggio di At-Tuwani alla volta del mare. Un mare che non è semplice da raggiungere, perché quando sei palestinese la tua libertà di movimento non è mai scontata. Al checkpoint per entrare in Israele, le donne e i bambini hanno subito controlli lunghi e umilianti.
Rashid, 9 anni,  si è ritrovato da solo ad essere interrogato. La sua mamma non ha potuto fare nulla e al piccolo è stata negata la possibilità di andare al mare.
Ma tutto ciò non è bastato a scoraggiare queste donne. Molte di loro non avevano mai avuto la possibilità di vedere il mare ma, nonostante i soprusi dell’occupazione israeliana, hanno potuto vivere una giornata di spensieratezza.