Video: Settlers attack Palestinian shepherd and Ta’ayush activists in Old Havat Ma’on hill

luglio 21, 2012 at 6:58 pm

Settlers from Havat Ma’on outpost harrass and chase a Palestinian man twice in a day near At-Tuwani village

luglio 21, 2012 at 12:58 pm

2012-07-20

At around 12.30 p.m. four Operation Dove volunteers were accompanying a palestinian man while he was crossing Humra valley going towards At-Tuwan villagei. Suddenly two young settlers masked came out from Havat ma’on outpost and attacked the four volunteers and the palestinian man with slingshots until they reached a safe place, then they returned back and tried to damage an olive tree that belong to a palestinian family. After that, they returned inside the outpost.

At around 4.00 p.m. four Operation Dove volunteers were accompanying the same palestinian man while he was returning back home, crossing Humra valley in the direction of his village. When all of them arrived on Kharrouba hill, two masked settlers came out from Havat ma’on and tried to attack the group. The internationals distracted the attention of the settlers towards them, thus the palestinian went home without problems. One settler launched some stones towards the volunteers, the other one ran after them with a stick.

Pictures of the incidents: http://snipurl.com/24e36ll

Renegade Jewish settlers

luglio 21, 2012 at 9:31 am

Festival della Restistenza Popolare Nonviolenta delle Colline a Sud di Hebron e azione nonviolenta di fronte all’avamposto israeliano di Avigayil

luglio 18, 2012 at 2:50 pm

Il 14 Luglio nel villaggio palestinese di Al Mufaqarah si è svolta la quinta edizione del Festival della Restistenza Popolare Nonviolenta delle Colline a Sud di Hebron. Dopo che i primi gruppi di partecipanti hanno raggiunto la località l’evento ha avuto inizio intorno alle dieci e mezza del mattino, nel momento di massima partecipazione si sono contate 250 persone: tra palestinesi provenienti da varie comunità locali quali Al Mufaqarah, Ar Rakeez, Tuba, Maghayir al Abeed, At-Tuwani, Susiya e da altre città della Cisgiordania come Yatta e Al Masara.

Ha’aretz: The anti-Semitism that goes unreported

luglio 18, 2012 at 10:43 am

Ha’aretz – July 17th, 2012
Amira Hass

Here’s a statistic that you won’t see in research on anti-Semitism, no matter how meticulous the study is. In the first six months of the year, 154 anti-Semitic assaults have been recorded, 45 of them around one village alone. Some fear that last year’s record high of 411 attacks – significantly more than the 312 attacks in 2010 and 168 in 2009 – could be broken this year.

Fifty-eight incidents were recorded in June alone, including stone-throwing targeting farmers and shepherds, shattered windows, arson, damaged water pipes and water-storage facilities, uprooted fruit trees and one damaged house of worship. The assailants are sometimes masked, sometimes not; sometimes they attack surreptitiously, sometimes in the light of day.

There were two violent attacks a day, in separate venues, on July 13, 14 and 15. The words “death” and “revenge” have been scrawled in various areas; a more original message promises that “We will yet slaughter.”

It’s no accident that the diligent anti-Semitism researchers have left out this data. That’s because they don’t see it as relevant, since the Semites who were attacked live in villages with names like Jalud, Mughayer and At-Tuwani, Yanun and Beitilu. The daily dose of terrorizing (otherwise known as terrorism ) that is inflicted on these Semites isn’t compiled into a neat statistical report, nor is it noticed by most of the Jewish population in Israel and around the world – even though the incidents resemble the stories told by our grandparents.

The day our grandparents feared was Sunday, the Christian Sabbath; the Semites, who are not of interest to the researchers monitoring anti-Semitism, fear Saturday, the Jewish Sabbath. Our grandparents knew that the order-enforcement authorities wouldn’t intervene to help a Jewish family under attack; we know that the Israel Defense Forces, the Israel Police, the Civil Administration, the Border Police and the courts all stand on the sidelines, closing their eyes, softballing investigations, ignoring evidence, downplaying the severity of the acts, protecting the attackers, and giving a boost to those progromtchiks.The hands behind these attacks belong to Israeli Jews who violate international law by living in the West Bank. But the aims and goals behind the attacks are the flesh and blood of the Israeli non-occupation. This systemic violence is part of the existing order. It complements and facilitates the violence of the regime, and what the representatives – the brigade commanders, the battalion commanders, the generals and the Civil Administration officers – are doing while “bearing the burden” of military service.

They are grabbing as much land as possible, using pretexts and tricks made kosher by the High Court of Justice; they are confining the natives to densely populated reservations. That is the essence of the tremendous success known as Area C: a deliberate thinning of the Palestinian population in about 62 percent of the West Bank, as preparation for formal annexation.

Day after day, tens of thousands of people live in the shadow of terror. Will there be an attack today on the homes at the edge of the village? Will we be able to get to the well, to the orchard, to the wheat field? Will our children get to school okay, or make it to their cousins’ house unharmed? How many olive trees were damaged overnight?

In exceptional cases, when there is luck to be had, a video camera operated by B’Tselem volunteers documents an incident and pierces the armor of willful ignorance donned by the citizens of the only democracy in the Middle East. When there is no camera, the matter is of negligible importance, because after all, you can’t believe the Palestinians. But this routine of escalating violence is very real, even if it is underreported.

For the human rights organization Al-Haq, the escalation is reminiscent of what happened in 1993-1994, when they warned that the increasing violence, combined with the authorities’ failure to take action, would lead to mass casualties. And then Dr. Baruch Goldstein of Kiryat Arba came along and gunned down 29 Muslim worshipers at the Ibrahim Mosque. The massacre set the stage for a consistent Israeli policy of emptying the Old City of Hebron of its Palestinian residents, with the assistance of Israeli Jewish pogromtchiks. Is there someone among the country’s decision-makers and decision-implementers who is hoping for a second round?

 

C/S: Tre ordini demolizione consegnati al villaggio palestinese di Al Mufagarah, nelle colline a sud di Hebron

luglio 18, 2012 at 6:48 am

Comunicato stampa
Tre ordini demolizione consegnati al villaggio palestinese di Al Mufagarah, nelle colline a sud di Hebron

17 luglio 2012 – At-Tuwani – Colline a sud di Hebron

Il 16 luglio 2012, alle ore 13.30 circa, il DCO (District Coordination Office: la sezione dell’esercito israeliano che si occupa dell’amministrazione civile dei Territori Palestinesi Occupati), accompagnato da una camionetta dell’esercito israeliano, ha consegnato tre ordini di demolizione ad altrettante strutture nel villaggio di Al Mufaqarah.

Nello specifico si tratta di una casa, in cui vive una famiglia composta da undici persone, e due tende, di cui una costruita su fondamenta di mattoni.
Tali provvedimenti si ricollegano ad altri precedenti: il 10 giugno, infatti, sono stati emanati ordini di fermo dei lavori che coinvolgono le stesse strutture, peraltro utilizzate a fini abitativi.

In base a quanto riportato negli ordini in questione, i proprietari hanno tre giorni di tempo per abbattere autonomamente le costruzioni, in caso contrario l’autorità israeliana provvederà alla loro demolizione.

Una delle strutture coinvolte è stata costruita durante la campagna “ Al Mufaqarah R-Exist”, volta alla costruzione di case di mattoni per affermare il diritto del villaggio (sistematicamente minacciato da politiche di evacuazione) a continuare ad esistere sulla propria terra.
Una delle due tende è stata utilizzata durante la campagna per ospitare le delegazioni internazionali in visita e per il campo estivo tenutosi al villaggio a cui hanno partecipato anche i bambini provenienti dai villaggi limitrofi (At-Tuwani, Jawwaya, Maghayir Al Abeed e Tuba).

L’autorità israeliana continua a perpetrare una politica di restrizioni, chiusura, demolizioni, evacuazioni e soprusi che unita alle continue violenze da parte dei coloni presenti nell’area, nega di fatto i diritti dei palestinesi, ostacolando la possibilità di vivere nei propri villaggi, coltivare le proprie terre e impedendo lo sviluppo delle comunità locali.

Gli ordini di demolizione sono stati consegnati due giorni dopo il Quinto Festival Annuale della Resistenza Popolare Nonviolenta delle Colline a sud di Hebron tenutosi proprio ad Al Mufaqarah con lo scopo di celebrare l’impegno che gli abitanti di tutta l’area portano avanti attraverso azioni di resistenza nonviolenta per difendere la propria vita e le proprie terre.

Operazione Colomba mantiene una presenza costante nel villaggio di At-Tuwani e nell’area delle colline a sud di Hebron dal 2004.

Foto:  http://snipurl.com/24cbzog

[Note: secondo la IV Convenzione di Ginevra, la II Convenzione dell’Aja, la Corte Internazionale di Giustizia e numerose risoluzioni ONU, tutti gli insediamenti israeliani nei Territori Palestinesi Occupati sono illegali. Gli avamposti sono considerati illegali anche secondo la legge israeliana.]

Threatening writings on Palestinian well near Havat Ma’on outpost, South Hebron Hills

luglio 14, 2012 at 9:47 am

In the morning of 3rd July two Operation Dove volunteers found these writings on a Palestinian well in Humra Valley, next to Havat Ma’on Israeli outpost.
The writings say: “Mavet laaravim – Kahane tsadak”, which mean “Death to the Arabs, Kahane was right”. Martin David Kahane, also known as Meir Kahane, was the leader of the Israeli terrorist and anti-arab organisation Kach.
On the 27th June, settlers from Havat Ma’on outpost came out several times and took a bath in this well.
On the same day a Palestinian shepherd found a sticker on the same place, saying: “We want a Jewish state”.
The well of Humra is the only one with a high level of water, this is due to the fact that the Palestinians are afraid of using it because of the violence of the settlers.

Video: Masked settlers attacking Palestinian shepherds in South Hebron Hills

luglio 10, 2012 at 2:20 pm

La danza di Susiya

luglio 5, 2012 at 3:38 pm

Gruppi sparsi di persone, chiacchiere e qualche bicchiere di te prima che tutto abbia inizio. Gli autobus da Israele arrivano uno dopo l’altro, così come i pulmini e le macchine palestinesi provenienti da tutta l’area delle colline a sud di Hebron e del resto della Cisgiordania.
In questa mescolanza di colori e persone, nitido si distingue un cartello bianco, più grande degli altri, sul quale sono stampate alcune fotografie che ricordano a tutti il motivo per cui il 22 Giugno  più di 500 persone si sono riunite per manifestare per i villaggi palestinesi di Susyia e Wadi Jehesh.
Ogni immagine rappresenta un ordine di demolizione consegnato il 12 Giugno: i provvedimenti emanati in totale sono sei e riguardano 50 strutture presenti a Susiya e nell’adiacente villaggio di Wadi Jehesh.
Le mani che hanno consegnato l’ennesima condanna sono quelle dell’amministrazione civile israeliana: l’attuazione di tali provvedimenti implica la totale evacuazione del villaggio.
Il corteo pacifico è partito con l’obiettivo di raggiungere il sito archeologico poco distante, quello stesso sito che, già nel 1986, è stato utilizzato come giustificazione formale al fine di evacuare l’intera comunità palestinese dall’area, in ragione della presenza di alcune rovine di una sinagoga, stratificate insieme a quelle di una chiesa e di una moschea.
Più di 500 persone iniziano ad avviarsi lungo la strada, accompagnate da una colonna sonora di slogan cantanti e tamburi ma, già dopo pochi metri, il cospicuo concentramento di forze armate, schierato per l’occasione, inizia a reprimere il corteo.
Subito vengono sparati gas lacrimogeni e alcune bombe sonore in direzione della folla che viene inoltre fermata da un lungo blocco di soldati e polizia.
Il rapido e caotico susseguirsi degli avvenimenti non ha impedito alle centinaia di palestinesi, israeliani e internazionali presenti di continuare a perseguire l’obiettivo della manifestazione: dimostrare solidarietà e indignazione nei confronti della politica dell’occupazione perpetuata nell’intera area, non solo nel villaggio di Susyia.
Dall’inizio di quest’anno sono stati, infatti, consegnati alla comunità palestinese delle colline a sud di Hebron oltre cento provvedimenti, tra ordini di demolizione e di fermo dei lavori.
La strategia israeliana in Area C, completamente sotto controllo civile e militare israeliano, è quella di impedire lo sviluppo delle comunità locali attraverso un’intensa e continuativa gestione delle attività di pianificazione e urbanizzazione.
Gli ordini di demolizione recentemente consegnati coinvolgono almeno 126 persone, le stesse che ieri erano presenti al corteo, insieme a chi, come loro, rischia di vedersi portare via tutto, la casa, la terra, la dignità di un’esistenza il più possibile normale.
Mentre esercito e polizia cercavano di far indietreggiare con la forza i manifestanti, le donne, figlie, nonne e madri, provenienti dai villaggi di tutta l’area, ballavano intorno ai soldati gridando “basta basta occupazione, Palestina libera!”: quale risposta migliore all’ennesimo tentativo immotivato di repressione, della vitalità di una danza per dimostrare il proprio diritto ad esistere?
Nel primo pomeriggio le persone presenti hanno iniziato a defluire, a tornare nelle proprie case, grotte e tende, nell’aria la consapevolezza che i tentativi di cancellare questi luoghi e la vita delle persone che li abitano saranno ancora molti.
E per ognuno di essi ci sarà un’altra Susyia, perchè i palesinesi continueranno a resistere, come sempre hanno fatto.