Azione di raccolta a Sarura

aprile 29, 2010 at 5:15 am

image

Ore 8.20: lavori di raccolta a Satura, appena fuori Tuwani, a poche decine di metri dall’avamposto illegale di Havat Maon.
Azioni si questo genere rientrano nella strategia di rivendicazione del diritto al libero accesso alle proprie terre.

Tuwani, 25 aprile 2010

aprile 25, 2010 at 10:21 am

IN QUESTA IMPORTANTE GIORNATA, 25 APRILE, ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE DELL’ITALIA DAL NAZI-FASCISMO, OPERAZIONE COLOMBA LANCIA UNA CAMPAGNA DI SUPPORTO PER LE COMUNITÀ PALESTINESI DELL’AREA A SUD DI HEBRON, IN CISGIORDANIA: TUWANI(R)ESISTE.

at-Tuwani è un villaggio palestinese nelle colline a sud di Hebron, dove ogni giorno si consumano violenze di ogni tipo – fisiche, psicologiche, morali – da parte dei coloni israeliani dei vicini insediamenti e avamposti illegali, della polizia e dell’esercito israeliani.

Ma sempre qui, come nei vicini villaggi, i pastori e i contadini palestinesi con le loro famiglie hanno deciso di opporsi all’occupazione militare e alle continue violenze dei coloni, scegliendo la resistenza nonviolenta.

In questo modo, in ogni azione di vita quotidiana, donne uomini e bambini sperimentano la fatica e al tempo stesso la forza della scelta nonviolenta, rivendicando il proprio diritto ad esistere e a poter accedere liberamente alle proprie terre.

Operazione Colomba è presente nel villaggio dal 2004 per accompagnare e sostenere la popolazione dell‘area in questa scelta difficile.

Un’impresa che ha bisogno del sostegno di tutti.

Nel giorno in cui in Italia ricordiamo la Resistenza e la liberazione dal nazi-fascismo, lanciamo questa campagna a supporto della Resistenza Popolare Nonviolenta delle comunità palestinesi dell’area a sud di Hebron contro l’occupazione israeliana dei Territori.

C/S: Divieto di istruzione. La sofferenza dei bambini palestinesi nelle colline a sud di Hebron

aprile 25, 2010 at 10:19 am
COMUNICATO STAMPA
DIVIETO DI ISTRUZIONE. LA SOFFERENZA DEI BAMBINI PALESTINESI
TRA OCCUPAZIONE MILITARE ED ESPANSIONE DELLE COLONIE

Rapporto sulla scorta militare israeliana ai bambini palestinesi di Tuba e Maghayir al Abeed
(Anno scolastico 2008-2009)
[Nota: Secondo la IV Convenzione di Ginevra, la Convenzione dell’Aja, la Corte Internazionale di Giustizia e numerose risoluzioni delle Nazioni Unite tutti gli insediamenti e gli avamposti israeliani nei Territori Palestinesi Occupati sono illegali. La gran parte degli avamposti nei Territori Palestinesi Occupati, incluso Havat Ma’on (Hill 833), sono illegali anche secondo la legge israeliana.]

At-Tuwani – South Hebron Hills, 24 aprile 2010.

Sono circa 20 i bambini palestinesi, provenienti dai villaggi di Tuba e di Maghayir al-Abeed, che ogni giorno si recano ad At-Tuwani per poter frequentare la scuola elementare. Per raggiungere la scuola i bambini, di età compresa tra i 6 e i 14 anni, percorrono di solito la via più breve (circa 20 minuti di cammino) che divide l’insediamento israeliano di Ma’on dall’avamposto di Havat Ma’on (Hill 833) e che rappresenta la principale strada di collegamento fra i loro villaggi di provenienza e At-Tuwani.

Dal 2001 i coloni israeliani provenienti da Havat Ma’on hanno attaccato ripetutamente i bambini durante il tragitto da e per la scuola, ma solo nel novembre del 2004 le autorità israeliane hanno istituito una scorta militare quotidiana. Nonostante la presenza della scorta, da novembre 2004 a gennaio 2010 i bambini sono stati vittime della violenza dei coloni 99 volte.

I soldati addetti alla scorta in alcune situazioni non sono stati in grado di proteggere i bambini e spesso, arrivando in ritardo, li hanno esposti al rischio di attacchi durante l’attesa che può durare anche ore.Nel solo primo semestre dell’anno scolastico 2009-2010, i bambini hanno perso complessivamente più di 16 ore di lezione e atteso la scorta militare per più di 24 ore per poter tornare a casa.

Report: “Divieto di istruzione. La sofferenza dei bambini palestinesi tra occupazione militare ed espansione delle colonie”

aprile 25, 2010 at 10:18 am

Durante l’anno scolastico 2008-09 circa 20 bambini palestinesi, di età compresa tra i 6 e i 14 anni provenienti dai villaggi di Tuba e di Maghayir al-Abeed, hanno frequentato la scuola elementare di At-Tuwani. Per raggiungere la scuola i bambini percorrono di solito la via più breve che divide l’insediamento israeliano di Ma’on dall’avamposto di Havat Ma’on (Hill 833) e che rappresenta la principale strada di collegamento fra i loro villaggi di provenienza e At-Tuwani. A causa delle continue violenze da parte dei coloni israeliani a danno dei bambini palestinesi, si è resa necessaria una scorta militare israeliana per accompagnare quotidianamente i bambini durante questo tragitto. Nonostante la presenza della scorta, i coloni dell’insediamento di Ma’on e dell’avamposto di Havat Ma’on (Hill 833) hanno continuato a usare violenza contro i bambini, ostacolandone il viaggio di andata e di ritorno da scuola. Durante quest’anno scolastico i coloni hanno usato violenza contro i bambini in 10 occasioni. I soldati addetti alla scorta in alcune situazioni hanno fallito nel proteggere i bambini e spesso, arrivando in ritardo, li hanno esposti al rischio di attacchi durante l’attesa che a volte, sia prima che dopo la scuola, può durare anche ore. Inoltre, i soldati non scortano i bambini per l’intero tragitto e, spesso, si rifiutano di camminare con loro esponendoli di fatto alla violenza dei coloni che, in più di una occasione, li hanno attaccati proprio perché non scortati a piedi dall’esercito.

Leggi e scarica il rapporto: “Divieto di istruzione. La sofferenza dei bambini palestinesi tra occupazione militare ed espansione delle colonie” (pdf)