UPDATE: Israeli settlers entered into At Tuwani village escorted by army, South Hebron Hills area

settembre 19, 2014 at 8:25 am
(Italian follows)

September 19, 2014

At Tuwani – On September 17, at 5:30 a.m. three cars with fourteen Israeli settlers came into the Palestinian village of At Tuwani, escorted by two army jeep.

The settlers entered in the archeological site located between several Palestinian homes, in the middle of the village, one of them was armed. At Tuwani inhabitants started to gather at the closest Palestinian home and the owner of the house demanded to the Israeli army explanations about the happening. After the villagers nonviolent pressure on the Israelis both settlers and soldiers, they left the village at 6:15 a.m. This is just the last of several ongoing provocations carried out by the Israeli army and settlers to which the South Hebron Hills palestinian communities keep reacting in a nonviolent way.

In 2011, in At Tuwani were conducted excavations by Israeli archaeologists escorted by the army. Several archeologist that came to visit the village affirmed that the evidences are dating from the Byzantine period. Yet in December 2011 during an archeology meeting placed in the Israeli settlement of Suseya (in the South Hebron Hills area) was declared that the ruins are part of an ancient synagogue. In the meeting was also explained how to reach the site. The finding of ancient jewish ruins in the ’80s was the formal pretext to forcibly evict the Palestinian population of Susiya village.

Operation Dove has maintained an international presence in At-Tuwani and the South Hebron Hills since 2004.

Pictures of the incident: http://goo.gl/mJicAx

[Note: According to the Fourth Geneva Convention, the Hague Regulations, the International Court of Justice, and several United Nations resolutions, all Israeli settlements and outposts in the Occupied Palestinian Territories are illegal. Most settlement outposts, including Havat Ma'on (Hill 833), are considered illegal also under Israeli law.]

——-

Coloni israeliani entrano nel villaggio di At Tuwani scortati dall’esercito, nelle colline a sud di Hebron

17 giugno 2014

At Tuwani – Il 17 Settembre, alle ore 5:30, tre macchine con quattordici coloni Israeliani sono arrivate nel villaggio Palestinese di At Tuwani, scortate da due jeep dell’esercito.

I coloni sono entrati nel sito archeologico situato tra le case di alcuni palestinesi, nel centro del villaggio, uno di questi era armato. Gli abitanti di At Tuwani si sono riuniti presso la casa palestinese più vicina e il proprietario della casa ha chiesto spiegazioni all’esercito Israeliano riguardo a quello che stava accadendo. Dopo la pressione nonviolenta esercitata dagli abitanti del villaggio sull’esercito e sui coloni, questi se ne sono andati alle 6:15. Questa è l’ennesima delle continue provocazioni compiute dall’esercito e dai coloni israeliani, alla quale le comunità Palestinesi delle colline a sud di Hebron continuano a reagire in maniera nonviolenta.

Nel 2011 ad At Tuwani sono stati condotti scavi da parte di archeologi israeliani scortati dall’esercito. Molti degli archeologi che hanno visitato il villaggio affermano che i ritrovamenti risalgono all’epoca Bizantina. Eppure nel Dicembre 2011, durante una conferenza sull’archeologia avvenuta nell’insediamento Israeliano di Suseya (nell’area delle colline a sud di Hebron), è stato dichiarato che le rovine sono appartenenti ad una antica sinagoga. Nella conferenza è stato anche indicato come raggiungere il sito archeologico. Il ritrovamento di antiche rovine ebraiche negli anno ’80 è stato il pretesto formale per l’evacuazione forzata della popolazione palestinese dal villaggio di Susiya.

Operazione Colomba mantiene una presenza costante nel villaggio di At-Tuwani e nell’area delle colline a sud di Hebron dal 2004.

Foto dell’incidente: http://goo.gl/mJicAx

[Note: secondo la IV Convenzione di Ginevra, la II Convenzione dell'Aja, la Corte Internazionale di Giustizia e numerose risoluzioni ONU, tutti gli insediamenti israeliani nei Territori Palestinesi Occupati sono illegali. Gli avamposti sono considerati illegali anche secondo la legge israeliana.]

Share and Enjoy:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Current
  • email
  • Netvibes
  • Technorati

UPDATE: Six sheep killed on the bypass road 317, South Hebron Hills

settembre 18, 2014 at 9:24 am

On September 16, a car ran over totally 8 sheep belonging to two Palestinian shepherds from Qawawis village. Six sheep died and two were injured.

The incident occurred along the Bypass road 317, which connect eight Israeli settlements and outpost. The two Palestinian shepherds complained to the Israeli police, that came on the place in order to take evidence.

Pictures of the incident: http://goo.gl/2kd7nv

Sei pecore uccise sulla Bypass road 317, colline a Sud di Hebron

Il 16 settembre una macchina ha investito 8 pecore appartenenti a due pastori palestinesi del villaggio di Qawawis. Sei pecore sono morte e due sono state ferite.

L’incidente è avvenuto lungo la Bypass road 317, che connette otto colonie e insediamenti israeliani. I due pastori palestinesi hanno fatto denuncia alla polizia israeliana.

Foto dell’incidente: http://goo.gl/2kd7nv

Share and Enjoy:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Current
  • email
  • Netvibes
  • Technorati

PR: Israeli settlers attacked internationals and a Palestinian shepherd

settembre 16, 2014 at 3:02 pm
PRESS RELEASE

Israeli settlers attacked internationals and a Palestinian shepherd

As a result of the attack one international and the shepherd were detained by Israeli Police

(Italian follows)

September 15, 2014

At Tuwani – On September 14, two Israeli settlers attacked a Palestinian shepherd and two international near the Israeli outpost of Mitzpe Yair, South Hebron hills area. During the aggression the settlers stole from the internationals their videocameras and broke one of their phone. Israeli police detained the Palestinian shepherd and one of the internationals for 6 hours. There were no consequences for the settlers.

At about 9:00 a.m. four Palestinian shepherd from the South Hebron hills village of Qawawis were grazing their flocks accompanied by two internationals, on Palestinian owned land nearby the Israeli outpost. Two settlers from Mitzpe Yair crossed a closed area (where the access is forbidden to everyone) in order to attack one palestinian shepherd, starting to chase away his flock. The two internationals present taped the scene.

Afterwards the settlers assaulted the internationals: at first they grabbed by the neck one international and knocked him down, they snatched his camera and broke his phone; subsequently the settlers attacked the other one twisting her arm and seized also her camera. When the settlers run back to the outpost holding the stolen cameras, the Palestinian and the internationals went to Qawawis village.

The Israeli police came to the Palestinian village and asked to the shepherd and to the international that was attacked to follow them to the Israeli Police station in Kiryat Arba settlement, due to one settler claiming that they threw stones against him. The Police officers detained both of them for 6 hours and questioned them about the incident. Israeli police released them at 5:00 p.m. without consequences.

The South Hebron hills area suffered the Israeli settlers’ presence since the 70′s. Eight Israeli settlements and outposts (among which Mitzpe Yair) almost isolate 16 Palestinian villages from the rest of West Bank. The settlers’ violence includes also overt violent attacks on Palestinians and their animals, damages of private properties, limitations to freedom of movement with consequences on their daily life. Since the beginning of 2014 Operation Dove registered the arrests of 15 Palestinians, included minors, because they were on lands near the settlements. During the same period there were no consequences for Israeli settlers involved in the incidents occurred in the area.

In spite of the violence suffered by the Palestinians from the South Hebron Hills area, they are keeping on grazing and farming on their lands resisting in a nonviolent way the Israeli occupation.

Operation Dove has maintained an international presence in At-Tuwani and the South Hebron Hills since 2004.

Pictures of the incident: http://goo.gl/oLGr8A

[Note: According to the Fourth Geneva Convention, the Hague Regulations, the International Court of Justice, and several United Nations resolutions, all Israeli settlements and outposts in the Occupied Palestinian Territories are illegal. Most settlement outposts, including Havat Ma'on (Hill 833), are considered illegal also under Israeli law.]

Share and Enjoy:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Current
  • email
  • Netvibes
  • Technorati

Un sogno di libertà

settembre 16, 2014 at 2:48 pm

Qua ad At-Tuwani tutto scorre in una calma apparente, in una quotidiana occupazione che come sempre cerca di normalizzare l’ingiustizia.
Diverse cose sono cambiate dal mio arrivo qua, rispetto a 2 anni fa. il gruppo, le responsabilità, io e l’occupazione. Un io più presente, mi permette di osservare meglio, stare sul campo e assumermi più responsabilità.

Ascoltare, vedere e condividere con queste persone la loro vita, la loro sofferenza, la loro gioia e impegno. il loro sogno di libertà.
Ma anche qua gli occhi vanno a Gaza. Mi fa sorridere ripensare alle parole di un palestinese “Quelli di Gaza che reagiscono in maniera violenta per la libertà, sono terroristi, noi qua che resistiamo in maniera nonviolenta siamo terroristi. Chiunque di noi pretende la libertà è un terrorista”.
Quasi come fosse un crimine essere umani, pretendere la libertà o voler vivere.
Ogni tanto mi soffermo a leggere le notizie dei quotidiani italiani e fa male non-leggere il dolore e le storie delle persone sotto occupazione. occupazione che non permette di costruire le case, di pascolare nei propri terreni o circolare liberamente se non fermati da check point volanti.
Come se le guerre nascessero per caso, come se le vite delle persone sotto occupazione valessero meno, fossero persone meno umane.
Terra di Palestina, terra di ingiustizia, terra di occupazione e di vita mancata, ma anche storia di semplici villaggi e persone che unite e insieme cercano una nuova via. via di vita, di libertà. via di giustizia che da speranza di pace.
In occidente si chiede sempre il cessate il fuoco, ma nessuno condanna l’occupazione.
Siamo fortunati noi volontari ad accompagnare queste semplici persone, che lottano a più non posso contro l’occupazione per un futuro. un futuro grande capace di comprendere anche i loro “nemici”, futuro capace di sperare per tutti e presente molto faticoso, molto impegnativo. un futuro che impegna tutti: palestinesi, israeliani e internazionali. una lotta che ha bisogno di tutti.
In fin dei conti la nonviolenza è un’arma a doppio taglio, che fa sentire alle volte molto debole, dalla parte sbagliata del fucile, dalla parte dell’ultimo e del più debole e per questo da una visione del mondo capace di vedere tutti.
Quasi non fosse un’utopia pensare che tutti abbiamo diritto a una dignità, alla libertà di vivere ed essere umani. è la forza degli ultimi, non di quelli che valgono meno, ma di quelli che non riescono a comprendere certe parole come libertà e giustizia se non valgono per tutti.
ma allo stesso tempo è un arma molto forte, perché capace di far vedere che il cambiamento è possibile e che ognuno di noi ne è responsabile.
Questa è una grande lotta. una lotta umana.

Pedro

Share and Enjoy:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Current
  • email
  • Netvibes
  • Technorati

UPDATE 2014-09-01: IDF DEMOLISHED 9 STRUCTURE IN THE VILLAGE OF KHIRBET AR-RAHWA

settembre 7, 2014 at 8:21 pm

38 persons lost their home, 21 of them children

(italian follows)

Khirbet ar Rahwa – On 1st of September 2014, during the afternoon, the Israeli army and the D.C.O. (District Coordination Office) entered into the palestinian village of Khirbet ar-Rahwa, in the South Hebron Hills, and demolished 3 houses (tents), 3 animal shelters and 3 toilettes. No demolition order was delivered for  these  structures.

All the demolished structures were built with simple materials. Ar-Rawha that is located in area C, has no access to electricity, to the water pipeline and to any kind of facilities and services.
The houses belonged to the Altal family and to the Jabaarin family. Because of the demolitions, 38 persons, 21 of them children, lost their houses. All the families are waiting for humanitarian aid.

The village of ar-Rahwa is surrounded by the settlement of Tene and the outpost of Havat Moor. This outpost received demolition order in 2000, but the D.C.O decided to not demolish any house until now. Also the outpost is connected with the electricity net and water pipelines, services that are denied for the Palestinians of ar-Rawha, who are the legal owners of the land where the settlement of Tene is located.

Photo of the incident: http://goo.gl/qpFBA7

Operation Dove has maintained an international presence in At-Tuwani and the South Hebron Hills since 2004.

For further information:
Operation Dove, 054 99 25 773

[Note: According to the Fourth Geneva Convention, the Hague Regulations, the International Court of Justice, and several United Nations resolutions, all Israeli settlements and outposts in the Occupied Palestinian Territories are illegal. Most settlement outposts, including Havat Ma'on (Hill 833), are considered illegal also under Israeli law.]

———————————————————————–

UPDATE 1-09-2014 : L’IDF DEMOLISCE 9 STRUTTURE NEL VILLAGGIO DI KHIRBET AR-RAHWA

38 persone hanno perso la casa, di cui 21 bambini

Khirbet ar-Rahwa – Nel pomeriggio del 1 settembre 2014, l’esercito israeliano e la D.C.O. (Dicstrict Coordination Offeice) è entrato nel villaggio palestinese di Khirbet ar-Rahwa , situato nelle colline a sud di Hebron, e ha demolito 3 strutture abitative, 3 ricoveri per le pecore, e 3 servizi igienici. Nessun ordine di demolizione è stato consegnato agli abitanti del villaggio proprietari delle strutture.
Tutte le strutture demolite erano costruite con materiali semplici ferro, lamiera, tende.

Il villaggio di ar-Rahwa che è situato in area C,  non ha accesso alla rete elettrica, nè idrica, nè può accedere a nessuno dei servizi di base.
Le strutture appartenevano alle famiglie Altal e Jabreen. A causa della demolizione hanno perso la casa un totale 38 persone, di cui 21 bambini. Le famiglie colpite stanno ora aspettando aiuti umanitari.

Il villaggio di ar-Rahwa è circondato dalla colonia di Tene e dall’avamposto di Havat Moor. Questo avamposto ha ricevuto l’ordine di demolizione nel 2000, tuttavia la D.C.O. non ha mai deciso di rendere effettivo l’ordine o di demolire qualche struttura. Inoltre l’avamposto è connesso alla rete elettrica e idrica , servizi negati ai palestinesi del villaggio di Ar Rahwa, che tra l’altro sono i legali proprietari della terra su cui sorge la vicina colonia di Tene.

Foto dell’evento: http://goo.gl/qpFBA7

Operazione Colomba mantiene una presenza costante nel villaggio di At-Tuwani e nell’area delle colline a sud di Hebron dal 2004.

Per informazioni:
Operazione Colomba, +972 54 99 25 773

[Note: secondo la IV Convenzione di Ginevra, la II Convenzione dell'Aja, la Corte Internazionale di Giustizia e numerose risoluzioni ONU, tutti gli insediamenti israeliani nei Territori Palestinesi Occupati sono illegali. Gli avamposti sono considerati illegali anche secondo la legge israeliana.]

Share and Enjoy:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Current
  • email
  • Netvibes
  • Technorati

The IDF’s real face – HAARETZ

settembre 4, 2014 at 1:46 pm

(italian follows)

Article by Gideon Levy, Haaretz, August 30, 2014
In civilian life, anyone suspected of manslaughter or murder is immediately arrested, with an investigation coming later. In the IDF the opposite is true.

Khalil Anati was from the Al-Fawar refugee camp in the southern part of the West Bank; a soldier in an armored jeep shot him in the back with a live round and killed him as he was running home. He was 10 years old. Mohammed Al-Qatari was a promising soccer player from the Al-Amari refugee camp near Ramallah. A soldier shot him from a distance of several dozen meters while he was taking part in a demonstration against the Gaza war. He was 19 years old when he died. Hashem Abu Maria was a social worker from Beit Ummar who worked for the Geneva-based NGO Defense for Children International. He participated in a demonstration against the Gaza war, trying to protect children by preventing them from throwing stones. An IDF sharpshooter situated on a distant balcony shot and killed him. He was 45 years old, a father of three children. Soldiers killed two more demonstrators at that demonstration.

These people were among many others killed by IDF fire far from the battlefields of Gaza. According to data provided by the United Nations Office for Coordinating Humanitarian Affairs, the IDF killed 20 adults and three children in the West Bank during the fighting in Gaza. Soldiers also wounded 2,218 people, 38% of them by live fire, a particularly high number in comparison to 14% in the first half of 2014 and 4% in 2013.

None of those killed were endangering soldiers’ lives, none of them were armed or deserved to die.

The fighting in Gaza loosened all restraint. Under its umbrella soldiers permitted themselves to use live fire in order to disperse demonstrations, settle scores with people throwing stones or Molotov cocktails – including children – and punish anyone demonstrating against the war. Perhaps these soldiers were envious of their comrades fighting in Gaza, perhaps they were frustrated at being far from the real action – in any event they were confident that no harm would befall them, not while in Gaza there was almost a massacre taking place, with the nation’s heart going out to its fighting men.

No one stopped them, no one was arrested or prosecuted. “The Military Police is investigating” has become code for the IDF spokesman in his automatic responses, a code which blurs and conceals, until the files gather dust and are forgotten. In civilian life, anyone suspected of manslaughter or murder is immediately arrested, with an investigation coming later. In the IDF the opposite is true. First comes an investigation, usually leading nowhere, even when the circumstances are straightforward. There is no question of arresting anyone, even when the incident cries out to the heavens, as in the case of the shooting at Al-Fawar. The soldier who killed the boy is apparently continuing with his life as usual.

These are routine practices associated with the occupation. There is no comparison to the numbers in Gaza, but this routine exposes the true face of the IDF, the way it regularly conducts itself with regard to Palestinians, and especially its persistent disregard for their lives and deaths. There was no war being waged on the West Bank – soldiers were not facing battalions of Izz-ad-Din al-Qassam fighters, nor were they up against attack tunnels, rockets, sharpshooters or explosive devices. Yet see how they killed and maimed, using live fire against demonstrating youths and even children; how they cut short the life of a soccer player who a few weeks earlier had been promised a brilliant career by Sepp Blatter, the president of FIFA; or the lives of a 10-year-old refugee boy and a social worker innocent of any crime.

The crimes committed in the West Bank will not be investigated by any international tribunal – there is no need to prepare excuses, write reports or enlist lawyers. But it is precisely these smaller incidents – after all, what are 20 deaths in contrast to the hundredfold larger numbers in Gaza? – that should worry us. There was no war here, hardly any acts of terror, only angry demonstrations by those who were understandably driven to distraction by the fate of their brethren in Gaza. Note how they were treated by IDF soldiers.

This is the behavior of the nation’s army, its soldiers now lauded by all. One can respect and cherish the people’s love for its soldiers, but one should remember what these soldiers do as part of their routine military service, day in, day out, year after year.

 

Il vero volto dell’IDF.

Articolo di Gideon Levy, apparso su Haaretz, 30 agosto 2014.

Khalil Anati era del campo profughi di Al-Fawar nella parte meridionale della Cisgiordania; un soldato da una jeep blindata gli ha sparato alla schiena con il fuoco vivo  e lo ha ucciso mentre stava correndo a casa. Aveva 10 anni.
Mohammed Al-Qatar era un calciatore promettente dal campo profughi di Al-Amari vicino a Ramallah. Un soldato gli ha sparato da una distanza di alcune decine di metri, mentre stava prendendo parte ad una manifestazione contro la guerra a Gaza. Aveva 19 anni quando è morto.
Hashem Abu Maria era un assistente sociale di Beit Ummar che lavorava per la ONG con sede a Ginevra Defense for Children International. Partecipava a una manifestazione contro la guerra a Gaza, cercando di proteggere i bambini, impedendo loro di lanciare pietre. Un tiratore scelto IDF, situato su un balcone lontano, ha sparato e lo ha ucciso. Aveva 45 anni, era padre di tre figli.
I soldati hanno ucciso altri due manifestanti in quella manifestazione. Queste persone, come molte altre , erano  lontano dai campi di battaglia di Gaza.
Secondo i dati forniti dall’ Ufficio per il coordinamento degli affari umanitari delle Nazioni Unite, l’IDF ha ucciso 20 adulti e tre bambini in Cisgiordania durante i combattimenti a Gaza. I soldati hanno anche ferito 2.218 persone, il 38% dei quali con il fuoco vivo, un numero particolarmente elevato in confronto al 14% del primo semestre del 2014 e del 4% nel 2013.
Nessuno di coloro che è stato ucciso metteva in pericolo le vite dei soldati, nessuno di loro era armato o meritava di morire.
I combattimenti a Gaza hanno allentato ogni freno.
Sotto il loro ombrello i soldati permettono a se stessi di usare il fuoco vivo per disperdere le manifestazioni, regolare i conti con la gente che lancia pietre e bottiglie molotov – bambini compresi – e punire chiunque dimostri contro la guerra.
Forse questi soldati erano invidiosi dei loro compagni che combattevano a Gaza, forse erano frustrati per essere lontani dall’azione reale ,in ogni caso erano sicuri che nessun male li avrebbe colpiti, non mentre a Gaza c’era pressochè un massacro in atto, con il cuore della nazione che moriva per i suoi combattenti.
Nessuno li ha fermati, nessuno è stato arrestato o processato. “La polizia militare sta indagando” è diventato un codice per il portavoce dell’IDF nelle sue risposte automatiche, un codice che confonde e nasconde fino a quando i file raccolgono la polvere e sono dimenticati.
Nella vita civile chiunque sia sospettato di omicidio colposo o omicidio viene immediatamente arrestato con un’indagine successiva .
Nell’ IDF è vero il contrario: un’indagine di solito non porta da nessuna parte, anche quando le circostanze sono semplici. Non si tratta di arrestare chiunque, anche quando l’incidente grida al cielo, come nel caso della sparatoria ad Al-Fawar. Il soldato che ha ucciso il ragazzo apparentemente continua con la sua vita, come al solito.
Si tratta di pratiche di routine connesse con l’occupazione. Non c’è confronto con i numeri a Gaza, ma questa routine espone il vero volto della IDF, il modo usuale di agire conduce  per quanto riguarda i palestinesi, e soprattutto il suo disprezzo persistente per la loro vita e la loro morte.
Non c’era una guerra condotta in Cisgiordania ,i soldati non stavano affrontando battaglioni di combattenti di Izz-ad-Din al-Qassam, né erano contro i tunnel di attacco,contro i  razzi,i  tiratori scelti o dispositivi esplosivi,ma  si guardi come hanno ucciso e mutilato usando il fuoco vivo contro i dimostranti giovani e persino i bambini; come hanno spezzato la vita di un calciatore al quale ,qualche settimana prima, era stata promessa una brillante carriera da Sepp Blatter, presidente della FIFA; o la vita di un ragazzo di 10 anni e di un assistente sociale innocente..
I crimini commessi in Cisgiordania non saranno oggetto di indagine da un qualsiasi tribunale internazionale, non c’è bisogno di preparare scuse, scrivere relazioni o arruolare avvocati.,ma sono proprio questi incidenti minori – dopo tutto, che cosa sono 20 morti in contrasto con il centuplo dei numeri più grandi a Gaza? – che dovrebbero preoccuparci.
Non c’era nessuna guerra qui, quasi nesuun atto di terrorismo, solo dimostrazioni di rabbia da parte di coloro che sono stati comprensibilmente spinti a protestare per la  sorte dei loro fratelli a Gaza.
Si noti come sono stati trattati dai soldati dell’IDF.Questo è il comportamento dell’esercito della nazione, dei suoi soldati ormai lodati da tutti. Si può rispettare e amare l’amore del popolo per i suoi soldati, ma bisogna ricordare ciò che questi soldati fanno come parte del loro servizio militare di routine, giorno dopo giorno, anno dopo anno.

 

Share and Enjoy:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Current
  • email
  • Netvibes
  • Technorati

2014-08-18 Two teenagers sheperds arrested in Khelly Hill, At Tuwani

settembre 2, 2014 at 7:00 am

Video from Operation Dove

Share and Enjoy:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Current
  • email
  • Netvibes
  • Technorati

Diario incompleto di 3 mesi in Palestina

agosto 4, 2014 at 3:43 pm

Oggi tra le sue montagne in Valle d’Aosta, è mancata una persona che ha dedicato vita, tempo, energie e pensieri al villaggio di At Tuwani.
Jean Emile aveva deciso di fare il lungo periodo con Operazione Colomba, ossia di donarsi per due anni alle persone che soffrono l’ingiustizia quotidiana dell’occupazione israeliana, stando con loro, condividendo la gioia e il buio delle ingiustizie subite.
Non si è mai risparmiato Jean e come ci chiamano qua, è stato uno “human right defender”, un difensore dei diritti umani, una persona capace di rendersi disponibile sempre e in qualunque circostanza.
Noi volontari sul campo gli abbiamo voluto bene e abbiamo imparato un sacco da lui e speriamo di fare tesoro, per il futuro che ci aspetta in terra di Plaestina, delle sue qualità più belle : la sua sete di giustizia che l’ha portato sino qua, la sua umanità che l’ha accompagnato in ogni suo passo, la sua semplicità disarmante che ci ha aiutato nei momenti più difficili.
Lasciamo a voi queste righe del nostro caro compagno Jean Emile

“DIARIO INCOMPLETO DI 3 MESI IN PLAESTINA

Prima di affrontare la vita in Palestina non avevo mai riflettuto così a lungo sul significato della parola “Resistenza”:

Resistenza è camminare

Resistenza è restare concentrati quattro ore di fila per scrutare un boschetto con un cannocchiale malfunzionante

Resistenza è stare concentrato sul video della telecamera quando sei circondato da una decina di soldati che imbracciando il mitra con evidente nervosismo

Resistenza è concentrarsi, dopo una giornata di lavoro, per scrivere un articolo sulla follia. Se va bene hai ancora un’ora e mezza

Resistenza è mangiare colazione alle 6.30 del mattino e pranzo alle 4 del pomeriggio

Resistenza è usare olio di semi per il soffritto perché l’olio d’oliva costa troppo

Resistenza è essere in due a fare le cose che andrebbero fatte in sei

Resistenza è uscire di casa alle 9.15, correre per chilometri in salita e discesa dalle 10 alle 13.30, rientrare a casa, mangiare e cadere finalmente in un sonno profondo… “svegliati dai, ci hanno chiamati, giù alla strada c’è un’emergenza”

Resistenza è correre veloce, più veloce dei tuoi muscoli e polmoni

Resistenza è sopportare un attacco d’asma giocando a palle di neve ai confini del deserto

Resistenza è dormire per terra, insieme a tuoi compagni

Resistenza è “finalmente stanotte dovrebbe arrivare un’altra compagna” – “No, è stata respinta all’aeroporto”

Resistenza è andare a letto alle 20.30 dopo aver bevuto dodici bicchieri di tè e due di caffè arabo, sapendo benissimo che non ti addormenterai prima dell’una di notte

Resistenza è svegliarsi alle tre di notte per andare in bagno e scoprire che alcuni militari dentro una camionetta ti stanno tenendo d’occhio… dall’alto

Resistenza è non dormire affatto, perché la paura di un’incursione notturna dell’esercito israeliano non dà pace alla mente

Resistenza è accompagnare due palestinesi disarmati nel bel mezzo di esercitazioni militari a cui partecipano centinaia di soldati

Resistenza è andare a visitare il villaggio circondato da centinaia di soldati isrealiani per incontrare gli occhi dei suoi abitanti

Resistenza è stare insieme intorno a un fuoco scrutando, nella notte, i soldati con un cannocchiale

Resistenza è accettare di mangiare pop corn mentre le truppe israeliane si stanno esercitando nel buio, a pochi metri di distanza… e due commilitoni stanno visibilmente dirigendosi nella tua direzione

Resistenza è visitare una famiglia che sta costruendo una nuova casa. In questa terra l’unico modo per farlo è farlo illegalmente e spesso sotto una tenda

Resistenza è stare in piedi tra un pastore palestinese e un colono israeliano, sapendo benissimo che se quest’ultimo decide di attaccare non avrai neanche il tempo di pensare

Resistenza è sentirsi dire da un ebreo “You like Nazi?”

Resistenza è assistere al parto di una pecora a qualche centinaio di metri da un avamposto di coloni nazional-religiosi

Resistenza è accompagnare un pastore nello stesso posto in cui era stato picchiato neanche 24 ore prima

Resistenza è apprendere che su quel pozzo c’era scritto, in ebraico: “Morte agli arabi. Rabbino Kahane aveva ragione”

Resistenza è continuare a sentire l’umanità dell’altro, nonostante il conflitto

Resistenza è impiegare due ore per accendere la stufa, perché piove da giorni e la legna è tutta bagnata

Resistenza è utilizzare un sacco di plastica e una maglia per accendere la stufa

Resistenza è rischiare di rimanere intossicati dal fumo che esce dalla parte sbagliata della stufa

Resistenza è cucinare la polenta sul fuoco della stufa

Resistenza è puzzare di fumo e di sudore: sempre e comunque

Resistenza è assistere, di notte, al bendaggio e all’arresto di un palestinese sconosciuto senza poter far molto, se non chiedere spiegazioni e riprendere con la videocamera

Resistenza è ricevere minacce perché stai riprendendo un palestinese sconosciuto, bendato e ammanettato sul ciglio della strada

Resistenza è ascoltare canzoni di donne che inneggiano alla libertà, di fronte a decine di soldati

Resistenza è convincere i soldati a farti riprendere mappe geografiche riportanti confini illegali

Resistenza è assistere allo scivolone maldestro di un soldato mentre sta cercando di raggiungerti per parlare… il fango ha otturato la canna del suo M-16

Resistenza è parlare per decine di minuti con soldati che si esprimono attraverso stereotipi e cliché

Resistenza è spiegare ad un soldato, per l’ennesima volta, che sta violando la sentenza della Corte Suprema Israeliana

Resistenza è scoprire che una soldatessa di leva la pensa come te

Resistenza è ascoltare la sofferenza umana, da qualsiasi parte arrivi

Resistenza è litigare con il tuo compagno per non aver fatto abbastanza

Resistenza è arrabbiarsi con sé stessi per non aver dato abbastanza

Resistenza è guardare in faccia all’ingiustizia, giorno per giorno

Resistenza è essere presi in giro da chi “proteggi”

Resistenza è non riuscire più a capire chi protegge chi

Resistenza è cercare di esprimersi in arabo senza averlo mai studiato

Resistenza è sentirsi giudicati per non aver imparato abbastanza in fretta quella lingua altrimenti sconosciuta

Resistenza è non dare ascolto a quella vocina interiore che dice “se c’era qualcun’altro, sicuramente, avrebbe fatto meglio”

Resistenza è sapere che ci sono palestinesi rinchiusi in carcere da mesi, da anni senza processo e senza motivazioni d’accusa

Resistenza è scoprire che molti di questi palestinesi sono in sciopero della fame da settimane o mesi… e in Europa sono veramente in pochi a saperlo

Resistenza è tornare insieme ai palestinesi sui campi che gli hanno proibito di coltivare… tutte le settimane

Resistenza è assistere all’arresto degli attivisti israeliani che si interpongono fisicamente per difendere i diritti di quei contadini

Resistenza è cooperare. Israelian*, palestinesi, italian*, inglesi, statunitensi, svedesi, cech*, polacch* insieme per raggiungere un unico fine senza confini: la giustizia

Resistenza è fare tutto questo per amore,

E tanto altro ancora…”

Jean Emile

Share and Enjoy:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Current
  • email
  • Netvibes
  • Technorati

Pax Christi: Chi difende i Palestinesi? (video)

luglio 27, 2014 at 5:12 am

Dalla Palestina parole che svelano il massacro, la sua origine e i numeri che nascondono i piu’ di 700 morti e 4000 feriti.
Dalla Delegazione di Pax Christi, 25 luglio 2014

Share and Enjoy:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Current
  • email
  • Netvibes
  • Technorati

Non serve correre se non sai volare.

luglio 19, 2014 at 4:07 am
C’era il sole e un po’ di vento.
A due passi dal mare.
C’era il rumore del mare contro il molo.
C’era la sabbia
e c’era un pallone.
Non c’erano scarpe,
solo piedi nudi sulla sabbia.
C’era il mare, appunto.
E quello squarcio di orizzonte.
Come una fuga,
ché anche se guardi bene
non lo vedi che l’orizzonte è mutilato.
Come una prigione, ma molto più grande.
Come una prigione, ma senza il tetto.
Come una prigione, ma a cielo aperto.
Quando sembra di non avere vie di fuga
basterebbe guardare il mare.
Ché il mare da serenità.
Ché il mare è uno slancio,
se non puoi scappare.
E’ di là che viene voglia di andare,
in volo,
via di là.
Per sempre,
via.
Si,
ma c’era il sole e un po’ di vento.
C’erano Mohammed,
Ismail,
Zakariya
e c’era Ahed.
C’era la sabbia
e c’era un pallone.
Poi un colpo
e la fuga,
a piedi scalzi,
in direzione opposta al mare,
perché il colpo è arrivato da lì,
proprio dal mare,
da quell’orizzonte
mutilato.
Mutilati, infatti.
Non serve correre se non sai volare.
Protesi verso il mare,
per un po’ di libertà.
In fuga dal mare,
in direzione contraria,
per salvarsi,
ma in volo.
C’era una corsa
e poi un altro colpo.
Poi il buio.
e niente sole.
Buio.
Niente più rumore del mare.
Silenzio.
Niente più vento,
niente più mare,
niente più sabbia.
Buio.
La morte è venuta dal mare,
qualcuno ha detto che era un drone,
in volo.
Poi no,
un colpo sparato da una motovedetta
della marina israeliana,
a caccia di terroristi.
A Gaza,
non serve correre se non sai volare.
…..
Dodici anni fa, da dentro Gaza, le cose non erano tanto diverse..
[quindiciluglioduemiladue]
Un’altra notte sotto coprifuoco. I soldati sono lì a qualche centinaio di metri, dove sull’asfalto sfavillante sfrecciano i pick-up dei coloni. Gli occhi arretrano fino alla sabbia dove sono seduto… Palme abbattute, campi divelti, case abbattute, un asino depresso, una donna che tiene al guinzaglio una capra, i bimbi che giocano a palla nella sabbia… Finché dalla jeep bianca una voce annuncia il coprifuoco.
Mi viene il vomito nonostante questo tramonto. Mi viene il vomito nonostante questo cielo. Abbiamo dormito nei sacchi a pelo sotto un mezzo tetto di lamiere, sacchi e palme. Lontano, colpi di cannone e smitragliate. I figli di Hassem, che ci ospita, si svegliano dal sonno.
Non gli riesce neanche di sognare, sognare una terra e la libertà. La libertà di essere palestinesi, la libertà di poter giocare a palla…
Anche i sogni gli hanno estirpato.
I bimbi piangono.
Sognano il mare di Gaza.
Sognano l’acqua del mare che scompare e i pesci che muoiono.
Le donne ricurve fanno il pane. Al-Jazeera e CNN non parlano di Medio Oriente, come se fosse pace…
E invece in qualche posto qui vicino qualcuno ha sparato, i carri armati hanno cingolato, i bulldozer hanno lavorato. Mi viene il vomito.
I bimbi scalzi ci spiano e sorridono.
La notte è passata, sempre uguale, sempre calda, sempre amara.
…..
Resistiamo, Umani.
F.
Share and Enjoy:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Current
  • email
  • Netvibes
  • Technorati