UPDATE : military trainings damaged Palestinian harvest in Jinba, South Hebron Hills.

maggio 29, 2015 at 6:05 pm

foto4

On May 14, an Israeli military training took place on a Palestinian- owned fields, near to the Palestinian Village of Jinba, on Masafer Yatta, in Firing Zone 918.

During the training, Palestinian inhabitants suffered destruction of their owned fields and a restriction on freedom of movement. A part of their cultivated fields were damaged by military activities and the shepherds had to herd their flock in a limited area. Because of this, Palestinians suffered the consequences of a loss in their familiar economy.

foto2

According to the international law, Israeli Army violated the rights of the population of the occupied territory:

– Article 46 of Huauge Declaration states that the private property must be respected and can’t be confiscated;

– Article 53 of IVth Geneva Convention asserts that the destruction of private property is forbidden except where it “is rendered absolutely necessary by military operation”. This necessity clearly refers to combat situation. So a military training cannot be justified because it does not constituted a military need and for that reason the destruction of the fields is unlawful.

foto1

(italian follows)

UPDATE : Trainings militari danneggiano il raccolto nel villaggio plaestinese di Jinba, South Hebron Hills

foto3

 

Il 14 Maggio, su campi palestinesi vicino al villaggio di Jimba, Masafer Yatta, Firing Zone 918, si è svolta un’esercitazione militare dell’esercito israeliano.

Durante l’esercitazione, gli abitanti del villaggio hanno subito danni alle loro terre e limitazioni alla loro libertà di movimento. Infatti una parte dei campi coltivati è stata danneggiata e i pastori sono stati costretti a far pascolare i loro greggi in aree limitate. Questo rappresenta per i palestinesi una perdita nella loro economia di sussistenza familiare.

foto2

Secondo la legge internazionale, l’esercito israeliano ha violato i diritti delle popolazioni dei territori occupati:

-Art. 46 della Convenzione dell’Aia, dichiara che la proprietà privata deve essere rispettata e non può essere confiscata;

– Art. 53 della IV Convenzione di Ginevra, afferma che la distruzione della proprietà privata è vietata tranne in caso in cui è assolutamente necessaria per operazioni militari. Questa necessità fa chiaramente riferimento ad un contesto di guerra. Le esercitazioni militari non sono quindi giustificate e non costituiscono una necessità militare e per questa ragione la distruzione delle terre è illegale.

foto1

Contro l’espulsione dei palestinesi di Susiya

maggio 26, 2015 at 1:18 pm

#SaveSusiya

Displacement

maggio 26, 2015 at 1:00 pm

SaveSusiya

maggio 21, 2015 at 8:53 am

Susiya

For one Palestinian village: A judge, settler and demolisher

maggio 20, 2015 at 12:34 pm

The High Court justice who gave the army a green light to expel an entire Palestinian village just happens to live in a nearby settlement, one of many that thrives on their dispossession.

By Dror Etkes; +972 Blog

The Israeli army’s Civil Administration has issued 70 demolition orders in the Jewish West Bank settlement of Alon Shvut, and 70 demolition orders in the Palestinian village of Khirbet Susya over the years.

Beyond that coincidental number, the two towns don’t have much else in common. Located in Gush Etzion, just south of Jerusalem, Alon Shvut is one of the most prosperous and well-established settlements in the West Bank. Its 3,200 residents enjoy top-notch community services and a highly desirable quality of life not only in relation to their Palestinian neighbors, but also to the general Israeli population. Khirbet Susya, on the other hand, is a collection of tents, sheds and shacks that lack the most basic civil infrastructure. Its 350 residents are scattered on a few hilltops known only to a small number of people.

 

VIDEO : Demonstration in Susiya on May 16, 2015

maggio 17, 2015 at 11:25 am

 

On May 16, Palestinians from South Hebron Hills and from different popular Struggle Committee of all West Bank, Israeli an international activists, gathered in Susiya village (that is suffering for the imminent eviction’s threat) in order to demonstrate their solidarity with the villagers.

The demonstration was also to remember the Nakba of 1948, when an estimated 700,000 Palestinians were expelled  from their own land and hundreds of Palestinians town and villages were destroyed.

(italian follows)

Il 16 maggio i palestinesi delle Colline a Sud di Hebron e di vari Comitati di Resistenza Popolare da tutta la Cisgiordania, assieme ad attivisti israeliani e internazionali, si sono radunati a Susiya (che è sotto minaccia di demolizione) per manifestare la loro solidarietà verso gli abitanti di questo villaggio.

La manifestazione è stata fatta anche in ricorrenza del memoriale della Nakba del 1948, quando circa 700,000 Palestinesi furono espulsi dalla propria terra e molte delle loro città e villaggi distrutti.

 

The Nakba: A crime watched, ignored and remembered

maggio 15, 2015 at 5:55 pm

nakba

The steadfastness of the Palestinians is like the age-old olive trees in Palestine that succeed in resurfacing between the European pines.

The 15th of May is usually a trigger for a journey back in time. And for an unfathomable reason each such journey conjures up a different aspect of the Nakba. This year, more than anything else, I am preoccupied with the continued apathy and indifference of the Western political elite and media to the plight of the Palestinians. Even the horror of the Yarmuk camp did not associate in the minds of politicians and journalists alike the possible connection between saving the refugees there and their internationally recognised right of return to their homeland.

Israeli medical treatment of Islamists fighting the Assad regime, mending them and resending them to the battlefield is hailed as a humanitarian act by the Jewish state; its exceptional refusal, compared to all the other – and much poorer – neighbours of Syria to accept even one refugee from the Syrian mayhem has gone unnoticed.

It is this international exceptionalism and intentional blindness that throws me back to 1948 and to the period between June and October of that year. On 11 June, a truce was announced by the UN between the Zionist forces and the units of the Arab armies that entered Palestine on 15 May. The truce was needed for both sides to rearm, which benefited the Jewish side and disadvantaged the Arab side as Britain and France embargoed the arms shipments to the Arab states, while the Soviet Union and the Czech republic re-armed the Jewish forces.

By the end of that truce it transpired clearly that the all-Arab initiative to salvage Palestine was doomed to fail. The truce enabled UN observers to see for the first time, at close inspection, the reality on the ground in the wake of the organisation’s peace plan

What they saw was ethnic cleansing at high gear. The principal preoccupation of the new Israel at that moment was to utilise the truce to accelerate the de-Arabisation of Palestine. This began the moment the guns were silenced and was enacted in front of the eyes of the United Nations observers.

By that second week of June, urban Palestine was already lost and with it hundreds of the villages around the main towns were gone. Towns and villages alike were emptied by the Israeli forces. The people were driven out, many of them long before the Arab units entered Palestine, but the houses, shops, schools, mosques and hospitals were still there. What could not have escaped the UN observers is the sound of the tractors flattening these buildings and countryside landscape, now that there was no clatter of shooting around them.

What they heard and saw was adequately described as an “operation of cleansing” by the person appointed by the new regime of the land to oversee the whole operation, the head of the settlement division in the Jewish National Fund (JNF), Yosef Weitz. He duly reported to the leadership: “We have begun the operation of cleansing, removing the rubble and preparing the land for cultivation and settlement. Some of these [villages] will become parks.” He proudly scribbled in his diary his amazement of how unmoved he was by the sight of tractors destroying villages.

This was not an easy or a short operation. It continued also when the fighting resumed for ten days; at the end of the first truce, during a second truce and in the final stages of the war when the troops that came from Iraq, Syria and Egypt were retreating – wounded and defeated – back home. The “war” in the autumn of 1948 was prolonged because Palestinian villagers, volunteers from Lebanon and some Arab army units tried in vain to defend isolated Arab villages in the north and south of Palestine.

Thus, more villages came under the boot of the JNF and its tractors. The UN observers recorded quite methodically the dramatic transformation of Palestine from an Arab East Mediterranean countryside into a kaleidoscope of new Jewish colonies surrounded by European pine trees and huge water pipe system draining the hundreds of creeks that flew through the villages – erasing a panorama that can only be imagined today from several relatively untouched corners of the Galilee and the West Bank.

In the beginning of October 1948, the UN observers had had enough. They decided to write an accumulative report to their secretary general. It was summed up in the following way. The Israeli policy, they explained to their boss, was made of “uprooting Arabs from their native villages in Palestine by force or threat”. It recorded the process quite in full and was sent to all the heads of the Arab delegations in the UN. The observers and the Arab diplomats tried to convince the UN secretary general to publish the report but to no avail.

But the report featured once more. A unique American diplomat, Mark Ethrtidge, who was the US representative in the Palestine Conciliation Commission – the body appointed by the UN in resolution 194 from 11 December, 1948 to prepare a peace plan for post-Nakba Palestine – tried desperately to convince the world that some facts on the ground were still reversible and one of the means of stopping the transformation was repatriation of the refugees. When the PCC convened a peace conference in Lausanne in Switzerland in May 1949, he was the first American diplomat who pointed clearly to Israeli policy as the main obstacle to peace in Palestine. The Israeli leaders were arrogant, euphoric and unwilling to compromise or make peace, he told John Kimchi, the British journalist working at the time for the Tribune.

Ethridge did not give up easily on the issue of repatriation. He had some original ideas. He thought that if he could satisfy Israel’s territorial appetite it would enable some sort of normalisation in post-Mandatory Palestine. He therefore suggested that Israel would annex the Gaza Strip and cater for the refugees there, by allowing them to return to their homes in the villages and town of Palestine. Ben-Gurion liked the idea, as did most of his ministers. The Egyptian government was also in favour. One doubts whether Ben-Gurion would have allowed the refugees to stay in Gaza, but of course there is no telling.

Encouraged, Ethridge asserted that now his government could convince the Israelis to repatriate an additional significant number of refugees. Israel refused and the Americans denounced the “obstinacy” of the Israeli politicians and demanded that Israel would allow the return of many more Jews. The Americans decided to suspend the peace effort all together, unless Israel changed its mind; hard to believe today.

The Israeli Foreign Minister, Moshe Sharett, was worried about the American pressure that was accompanied by a threat of sanctions and suggested that Israel would accept 100,000 refugees (but would drop the Gaza proposal). What is remarkable in hindsight is that American diplomats such as McGhee regarded both numbers (250,000 refugees of Gaza and the 100,000 offered by Sharett) as insufficient. McGhee genuinely wished to see as many refugees return as possible since he believed the reality on the ground was still reversible.

The months went by and by the end of 1949, American pressure subsided. Jewish lobbying, the escalation of the cold war around the world and a UN focus on the fate of Jerusalem as a result of Israel’s defiance of its decisions to internationalise the city were probably the main reasons for this. It was only the Soviet Union that kept reminding the world through it ambassador to the UN and Israel through bilateral correspondence that the new reality Zionism created on the ground was still reversible. By the end of the year, Israel also retracted from its readiness to repatriate the 100,000 refugees.

Jewish settlements and European forests were hurriedly planted over the hundreds of villages in rural Palestine and the Israeli bulldozers demolished hundreds of Palestinian houses in the urban area to try and wipe out the Arab character of Palestine.

Israeli bohemians, yuppies and desperate newly arrived Jewish immigrants “saved” some of these houses, settled in them and their possession was approved in hindsight by the government. The beauty of houses and their location made them excellent real estate bonanzas; rich Israelis, international NGOS and legations favoured them as their new headquarters.

The daylight pillage that began in June 1948 moved the representatives of the international community but was ignored by those who sent them: be they editors of journals, captains of the UN or the heads of international organisations. The result was a clear international message to Israel that the ethnic cleansing of Palestine – as illegal immoral and inhuman as it was – would be tolerated.

The message was well received in Israel and immediately implemented. The land of the new state was declared exclusively Jewish, the Palestinians remaining in the land were put under military rule that denied them basic human and civil rights and plans to take those parts of Palestine not occupied in 1948 were put into motion. When they were occupied in 1967, the international message was already incorporated into the Zionist DNA of Israel: even if what you do is watched and recorded, what matters is how the powerful people in the world react to your crimes.

The only way to ensure that the pen of recording would be mightier than the sword of colonisation is to hope for a change in in the power balances in the West and in the world in general. The actions of civil societies, conscientious politicians and emerging new states have not yet changed that balance.

But one can take courage from the old olive trees in Palestine who succeed in resurfacing beneath and between the Europeans pine trees; and from the Palestinians who now populate exclusive Jewish towns built on the ruins of the villages in the Galilee; and the steadfastness of the people of  Gaza, Bilin and Araqib, and hope that this balance will one day change for the better.

La Nakba: Un crimine guardato, ignorato e ricordato

maggio 15, 2015 at 5:51 pm

nakba

La fermezza dei palestinesi si paragona agli ulivi secolari in Palestina, che riescono a riemergere tra i pini europei

di Ilan Pappe
Venerdì 15 maggio 2015

Il 15 di maggio è di solito un innesco per un viaggio a ritroso nel tempo. E per una ragione insondabile ogni viaggio del genere evoca un aspetto diverso della Nakba. Quest’anno, più che altro, io sono preoccupato per la continua apatia e l’indifferenza della classe politica occidentale e dei media per la condizione dei palestinesi. Anche l’orrore del campo di Yarmuk non associa nella mente dei politici e dei giornalisti la possibile connessione tra il salvare i profughi là e il loro diritto al ritorno nella loro patria riconosciuta a livello internazionale.

Il trattamento medico israeliano degli islamici che combattono contro il regime di Assad, il rammendarli e inviarli nuovamente al campo di battaglia è salutato come un atto umanitario da parte dello Stato ebraico; il loro rifiuto d’eccezione, rispetto a tutti gli altri – e molto più poveri – vicini della Siria ad accettare anche un solo rifugiato dal caos siriano, è passato inosservato.

E’ questo eccezionalismo internazionale e la cecità intenzionale che mi gettano indietro al 1948 e al periodo compreso tra giugno e ottobre dello stesso anno. L’11 giugno, una tregua è stata annunciata dalle Nazioni Unite tra le forze sioniste e le unità degli eserciti arabi che entrarono in Palestina il 15 maggio. La tregua era necessaria perchè entrambe le parti si riarmassero, cosa che beneficiò la parte ebraica e svantaggiò la parte araba dato che la Gran Bretagna e la Francia misero l’embargo alle forniture di armi ai paesi arabi, mentre l’Unione Sovietica e la Repubblica Ceca riarmarono le forze ebraiche.

Entro la fine di quella tregua era emerso chiaramente che l’iniziativa tutta-araba per salvare la Palestina era destinata a fallire. La tregua aveva permesso agli osservatori delle Nazioni Unite di vedere per la prima volta, a ben guardare, la realtà sul terreno, sulla scia del piano di pace dell’organizzazione.

Quello che videro fu la pulizia etnica marciare veloce. La preoccupazione principale del nuovo Israele, in quel momento, era quella di utilizzare la tregua per accelerare la de-arabizzazione della Palestina. Questo è iniziato nel momento in cui i fucili si ammutolirono e fu promulgato davanti agli occhi degli osservatori delle Nazioni Unite.

In tal modo nella seconda settimana di giugno, la Palestina urbana era già perduta e con essa centinaia di villaggi intorno alle città principali erano spariti. Città e villaggi simili sono stati svuotati dalle forze israeliane. Le persone sono state cacciate, molte di loro molto prima che le unità arabe entrassero in Palestina, ma case, negozi, scuole, moschee e ospedali erano ancora lì. Ciò che non poteva essere sfuggito agli osservatori delle Nazioni Unite era il suono dei trattori che appiattivano questi edifici e il paesaggio di campagna, ora che non c’era nessun rumore di spari intorno a loro.

Quello che ho visto e udito è stato adeguatamente descritto come una “operazione di pulizia” da parte della persona nominata dal nuovo regime della terra per sorvegliare l’intera operazione, il capo della divisione di insediamento del Fondo nazionale ebraico (JNF), Yosef Weitz. Ha puntualmente riferito alla leadership: “Abbiamo iniziato l’operazione di pulizia, di rimozione delle macerie e per preparare il terreno per la coltivazione e l’insediamento. Alcuni di questi villaggi [] diventeranno parchi.” Egli con orgoglio ha scarabocchiato nel suo diario il suo stupore di come era impassibile alla vista dei trattori che stavano distruggendo villaggi.

Questa non è stata una facile e una breve operazione.
E’ continuata anche quando gli scontri sono ripresi per dieci giorni; alla fine del primo armistizio, nel corso di una seconda tregua e nelle fasi finali della guerra, quando le truppe che provenivano da Iraq, Siria ed Egitto si stavano ritirando – ferite e sconfitte – e tornarono a casa. La “guerra” nell’autunno del 1948 è stata prolungata perché gli abitanti dei villaggi palestinesi, i volontari dal Libano e alcune unità dell’esercito arabo avevano tentato invano di difendere gli isolati villaggi arabi nel nord e nel sud della Palestina.

Così, più villaggi passarono sotto lo stivale del JNF e dei suoi trattori. Gli osservatori delle Nazioni Unite hanno registrato molto metodicamente la drammatica trasformazione della Palestina da un paesaggio arabo del Mediterraneo orientale in un caleidoscopio di nuove colonie ebraiche circondate da alberi di pino europeo e da una grande rete di tubazioni di acqua di scarico delle centinaia di insenature che volavano attraverso i villaggi – la cancellazione di un panorama che può essere immaginato solo oggi da diversi angoli relativamente incontaminati della Galilea e della Cisgiordania.

All’inizio del mese di ottobre 1948, gli osservatori delle Nazioni Unite ne avevano avuto abbastanza. Hanno deciso di scrivere un rapporto cumulativo al loro segretario generale. È stato riassunto nel modo seguente. La politica israeliana, hanno spiegato al loro capo, è stata fatta di “sradicamento degli arabi dai loro villaggi natali in Palestina con la forza o la minaccia“. Ha registrato il processo abbastanza in pieno ed è stato inviato a tutti i capi delle delegazioni arabe della Nazioni Unite. Gli osservatori e i diplomatici arabi hanno cercato di convincere il segretario generale delle Nazioni Unite a pubblicare il rapporto, ma senza alcun risultato.

Ma il rapporto ha caratterizzato ancora una volta. Un unico diplomatico americano, Mark Ethrtidge, che era il rappresentante degli Stati Uniti nella Commissione di Conciliazione in Palestina – l’organismo designato dalle Nazioni Unite nella risoluzione 194 dell’ 11 dicembre 1948 per preparare un piano di pace per la post-Nakba palestinese – ha cercato disperatamente di convincere il mondo che alcuni fatti sul terreno erano ancora reversibili e uno dei mezzi per fermare la trasformazione era il rimpatrio dei profughi. Quando il PCC ha convocato una conferenza di pace a Losanna in Svizzera, maggio 1949, fu il primo diplomatico americano che sottolineò chiaramente la politica di Israele come il principale ostacolo alla pace in Palestina. I leader israeliani erano arroganti, euforici e non volevano scendere a compromessi o fare la pace, ha detto John Kimchi, il giornalista inglese che lavorava al momento per il Tribune.

Ethridge non si arrese facilmente sulla questione del rimpatrio. Aveva alcune idee originali. Pensava che se fosse riuscito a soddisfare l’appetito territoriale di Israele ciò avrebbe consentito una sorta di normalizzazione nella Palestina post-mandataria. Egli quindi suggerì che Israele annettesse la Striscia di Gaza e provvedesse per i rifugiati lì, permettendo loro di tornare alle loro case nei villaggi e nelle città della Palestina. A Ben-Gurion piaceva l’idea, come alla maggior parte dei suoi ministri. Il governo egiziano era anche a favore. Si dubita se Ben Gurion avrebbe permesso ai rifugiati di rimanere a Gaza, ma naturalmente non si può dire.

Incoraggiato, Ethridge affermò che ora il suo governo poteva convincere gli israeliani a rimpatriare un numero significativo ulteriore di rifugiati. Israele rifiutò e gli americani denunciarono la “caparbietà” dei politici israeliani e chiesero che Israele permettesse il ritorno di molti altri ebrei. Gli americani decisero di sospendere lo sforzo di pace tutti insieme, a meno che Israele non avesse cambiato idea; difficile da credere oggi.

Il ministro degli Esteri israeliano, Moshe Sharett, era preoccupato per la pressione americana che era stata accompagnata da una minaccia di sanzioni e suggerì che Israele avrebbe accettato 100.000 rifugiati (ma sarebbe caduta la proposta di Gaza). Ciò che è notevole a ben vedere è che i diplomatici americani come McGhee avevano considerati entrambi i numeri (250.000 rifugiati di Gaza e 100.000 offerti da Sharett) insufficienti. McGhee veramente voleva vedere tornare il maggior numero di rifugiati possibile, in quanto credeva che la realtà sul terreno era ancora reversibile.

I mesi passavano ed entro la fine del 1949, le pressioni americane si placarono. La lobby ebraica, l’escalation della guerra fredda in tutto il mondo e un focus delle Nazioni Unite sul destino di Gerusalemme, a seguito della sfida di Israele delle sue decisioni di internazionalizzare la città, erano probabilmente le ragioni principali per questo. E’ stata solo l’Unione Sovietica che ha mantenuto il ricordare al mondo attraverso il suo ambasciatore alle Nazioni Unite e ad Israele attraverso la corrispondenza bilaterale che la nuova realtà creata dal sionismo a terra era ancora reversibile. Entro la fine dell’anno, Israele si era anche ritirato dalla sua disponibilità a rimpatriare i 100.000 rifugiati.

Insediamenti ebraici e foreste europee sono stati piantati in fretta sulle centinaia di villaggi nelle zone rurali della Palestina e le ruspe israeliane hanno demolito centinaia di case palestinesi nella zona urbana per cercare di cancellare il carattere arabo della Palestina.

Bohémien israeliani, yuppies e disperati immigrati ebrei appena arrivati “salvarono” alcune di queste case, vi si stabilirono e il loro possesso è stato approvato col senno di poi dal governo. La bellezza delle case e della loro posizione le ha rese eccellenti bonanzas immobiliari; ricchi israeliani, ONG e legazioni internazionali le hanno favorite come nuovo quartier generale.

Il saccheggio alla luce del giorno che ha avuto inizio nel giugno del 1948 fu trasferto ai rappresentanti della comunità internazionale, ma è stato ignorato da chi li ha mandati: siano essi editori di riviste, i capitani delle Nazioni Unite o dirigenti delle organizzazioni internazionali. Il risultato è stato un chiaro messaggio internazionale a Israele che la pulizia etnica della Palestina – immorale illegale e disumana come era – sarebbe stata tollerata.

Il messaggio è stato ben accolto in Israele e immediatamente attuato. La terra del nuovo Stato è stata dichiarata esclusivamente ebraica, i palestinesi rimasti nel paese sono stati messi sotto il governo militare che ha negato loro i diritti umani e civili fondamentali, e piani per prendere le parti della Palestina non occupata nel 1948 sono stati messi in moto. Quando furono occupati nel 1967, il messaggio internazionale era già incorporato nel DNA sionista di Israele: anche se quello che fai è guardato e registrato, ciò che conta è come le persone potenti del mondo reagiscono ai tuoi crimini.

L’unico modo per garantire che la penna della registrazione sia più potente della spada della colonizzazione è quello di sperare in un cambiamento negli equilibri di potere in Occidente e nel mondo in generale. Le azioni di società civili, politiche e di coscienza e i nuovi stati emergenti non hanno ancora cambiato l’equilibrio.

Ma si può prendere coraggio dagli ulivi secolari in Palestina che riescono a riaffiorare sotto e tra i pini europei; e dai palestinesi che ora popolano città ebraiche esclusive costruite sulle rovine dei villaggi della Galilea; e la fermezza del popolo di Gaza, Bil’in e Araqib, e spero che questo equilibrio possa un giorno cambiare per il meglio.

UPDATE : Internationals and Palestinian authorities bring solidarity to Susiya inhabitants, under forced evacuation threat

maggio 14, 2015 at 10:11 am

P1080715

On May 13, International and Palestinian authorities got together in the Palestinian Village of Susiya  in order to answer the Popular Struggle Coordination Committee(PSCC) and South Hebron Hills Popular Committee (SHHPC) call and bring solidarity to the people living under forced eviction threat.

During the morning Germany, Denmark, France, United Kingdom and Spain embassy representatives and the Governor of Hebron attended the “Solidarity tent” and had a meeting with Popular Struggle Coordination Committee(PSCC), South Hebron Hills Popular Committee (SHHPC), Rabbis for Human Rights, B’tselem, Susiya Council and  Susiya Cooperative members.

The purpose of the meeting was to send a strong message about the current condition of Susiya Village, as a typical example of the critical situation of Palestinian villages in Area C, and to ask to the authorities for political action and International pressure to save Susiya from the demolition plan issued by the Israeli State.

(italian follows)

P1080726

Le autorità internazionali e Palestinesi portano la propria solidarietà agli abitanti di Susiya, villaggio palestinese sotto minaccia di demolizione. 

Il 13 maggio, diverse autorità internazionali e palestinesi hanno risposto con la loro presenza alla chiamata del Coordinamento dei Comitati di Resistenza Popolare e del Comitato di Resistenza Popolare delle Colline a sud di Hebron, dimostrando la loro solidarietà al villaggio palestinese di Susiya, che è sotto minaccia di demolizione.

Durante la mattinata, rappresentanti dell’ambasciata di Germania, Danimarca, Francia, Regno Unito e Spagna e il Governatore di Hebron hanno presenziato alla “Solidarity tent”, dove hanno partecipato ad una riunione con rappresentanti del Coordinamento dei Comitati di Resistenza Popolare e del Comitato di Resistenza Popolare delle Colline a sud di Hebron e i Rabbini per i Diritti Umani. Hanno anche preso parte alla riunione B’tselem, la Cooperativa di Susiya e il Comitato di Susiya.

L’obiettivo centrale della riunione è stato quello di lanciare un chiaro messaggio sulla condizione attuale del Villaggio di Susiya, come esempio emblematico della situazione critica in cui si trovano i villaggi palestinesi in Area C, e si è chiesto alle autorità di mettere in atto una serie di pressioni internazionali e azioni politiche volte a salvare Susiya dal piano di demolizione.

P1080714

UPDATE : two demolition orders delivered in Susiya

maggio 11, 2015 at 12:35 pm

 

On May 10, at 10:40 am, DCO, accompanied by Israeli Army, delivered the demolition orders for two animal shelters in the Palestinian village of Susiya. The officer also pictured structures belonging to the village as houses,  the school and the recreation ground.

P1080673 copia

In 1986 the village of Susiya was declared archeological site, its land expropriated and inhabitants were evicted and forced to move in their nearby agricultural land where on 2012, Israel’s Civil Administration distributed demolition orders to over 50 temporary structures.

P1080679 copia

In 2014 the residents of Susiya, represented by Rabbi for Human Rights, sued for a request to freeze the demolition order’s implementation. In 2015, on May 5,  the Israeli High Court rejected that request, allowing the demolition of the village.

P1080680 copia

Now the threat to be evicted and deported again, becomes more imminent for the inhabitants  of Susiya.

(italian follows)

 

 

Il 10 maggio, alle 10:40 del mattino, la DCO (District Coordination Office), accompagnata dall’esercito israeliano, ha consegnato l’ordine di demolizione a due ricoveri per animali, nel villaggio palestinese di Susiya. L’ufficiale della DCO ha inoltre fotografato doverse strutture del villaggio, come la scuola, il parco giochi e le case.

P1080675 copia

Nel 1986 il villaggio di Susiya fu dichiarato sito di interesse archeologico. Gli abitanti di conseguenza furono evacuati, le loro terre espropriate, e furono obbligati a ricollocarsi nei propri terreni agricoli limitrofi, dove, nel 2012, l’amministrazione civile israeliana consegnò 50 nuovi ordini di demolizione alle strutture abitative temporanee.

P1080677 copia

Nel 2014, i palestinesi residenti di Susiya, rappresentati in sede legale dai Rabbini per i Diritti Umani, hanno consegnato una petizione per congelare l’implementazione degli ordini di demolizione. Il 5 maggio 2015, l’alta corte israeliana ha rifiutato questa richiesta, permettendo così la distruzione del villaggio palestinese.

P1080690 copia

Attualmente, per gli abitanti di Susiya,  la minaccia di essere sgomberati e deportati nuovamente sta diventando ogni giorno più incombente.

P1080702 copia