Ha’aretz: Israel demolishes 23 homes in Hebron area to make way for IDF training zones

febbraio 6, 2016 at 5:30 pm

Amira Hass Feb 03, 2016 1:23 AM

The Civil Administration in the West Bank on Tuesday demolished 23 homes and three outhouses in the southern Hebron hills villages of Jinba and Halawa. According to Israeli activists who reached Jinba by midday, shortly after the demolitions, 78 people had been living in the newly-built homes, including 60 children.

These are two of the 12 villages in the area that have been waging a legal battle for 17 years in an attempt to prevent their evacuation and demolition so they can be used as army training areas. The European Union has been closely following the villagers’ campaign, and has repeatedly stated it would view their evacuation as a coerced uprooting of a protected population, a contravention of international law.

UPDATE: Israeli soldiers misconduct and settlers violence prevent Palestinian children from reaching the school

febbraio 3, 2016 at 2:47 pm
SnapShot-2016-02-03-11h53m17s28

Israeli settler from Havat Ma’on outpost who harrassed Palestinian children and International

(Italian follows)

On February 2nd, the military Israeli escort that must accompany the children from Tuba and Maghayr al Abeed Palestinians villages to school didn’t show up. Operation Dove volunteers and Israeli activists made several phone calls to the army base, but the soldiers didn’t give any explanation about their misconduct.

The children decided to take a longer path, but they were forced to stop by two settlers from Havat Ma’on illegal oupost who passed more times on the road by car. The children were very scared and ran away but one settler chased them. The settlers also prevented Operation Dove volunteers to reach the children, blocking their way with the car and following them.

The children couldn’t reach the school and they had to came back home because of the misconduct of the soldiers and the violence of the settlers.

In the same morning Israeli soldiers in the area harassed Palestinian shepherds grazing the flocks, pushing them away from their lands.

Almost every day misconducts of Israeli escort army and violent behaviors of settlers from Havat Ma’on put Palestinian children in danger and deny their right of the education, in violation of Articles 2-3-6-16-19-38 of the International Convention on the Rights of the Child and Article 26 of the Universal Declaration of Human Rights.

SnapShot-2016-02-03-12h00m07s230.png

Children forced to stop on their way to school

UPDATE: Il comportamento della scorta militare e la violenza dei coloni impedisce ai bambini palestinesi di andare a scuola

Il 2 febbraio la scorta militare israeliana che ha il compito di accompagnare i bambini dei villaggi palestinesi di Tuba e Maghayr al Abeed a scuola, non si è presentata. I volontari di Operazione Colomba e attivisti israeliani hanno chiamato numerose volte la base militare, ma i soldati non hanno dato nessuna spiegazione sulla loro assenza.

I bambini hanno quindi deciso di camminare per un percorso più lungo, ma sono stati fermati da due coloni provenienti dall’avamposto illegale di Havat Ma’on, che gli hanno tagliato la strada in macchina. I bambini erano molto spaventati e sono corsi via, ma uno dei coloni li ha inseguiti. I coloni hanno anche impedito ai volontari di Operazione Colomba di raggiungere i bambini, bloccandogli la strada e seguendoli.

I bambini non hanno potuto raggiungere la scuola e sono stati costretti a tornare a casa a causa dell’assenza dei soldati e della violenza dei coloni. Nella stessa mattinata i soldati israeliani nella zona hanno aggredito dei pastori palestinesi che pascolavano le loro greggi, cercando di scacciarli dalla loro terra.

Quasi ogni giorno le negligenze dei soldati e i comportamenti violenti dei coloni di Havat Ma’on mettono i bambini palestinesi in pericolo e negano il loro diritto all’educazione, violando gli articoli 2-3-6-16-19-38 della Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia e l’articolo 26 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

SnapShot-2016-02-03-12h09m14s154.png

Israeli soldier pushing away Palestinian shepherd’s flock from their own land

VIDEO-UPDATE: Israeli army demolished 24 houses in Jinba and Halaweh Palestinian villages

febbraio 2, 2016 at 9:57 pm

UPDATE: Israeli army demolished 24 houses in Jinba and Halaweh Palestinian villages

febbraio 2, 2016 at 9:14 pm

P1030986

P1120639

(Italian follows)

On February 2, after a breakdown in the mediation between Massafer Yatta Palestinian villages and the State of Israel, Israeli forces burst into the Palestinian villages inside the so called Firing Zone 918 in South Hebron Hills area in order to implement the demolition orders delivered in the last months.

The Israeli army, in the early morning, closed all the entrances of Firing Zone 918 with checkpoints near the Palestinian villages of Bir al Idd and Al Fakheit, denying Palestinians and Internationals the freedom of movement.

In the Palestinian village of Jinba, Israeli army, Border Police and DCO demolished 15 houses and fired sonar and gas bombs against Palestinian inhabitants, who tried to defend their homes.

Israeli civil administration confiscated several solar panels used to produce electricity.

In the Palestinian village of Halaweh, the Israeli forces destroyed another 9 houses; for a total of 24 structures, leaving Palestinian men, women and children without shelters.

Israeli Police confiscated International volunteers and Palestinian activists’ car, in order to prevent their human rights monitoring work.

*“Firing Zone 918″ is the Israeli military’ s term for a southern part of the West Bank (oPt), in the South Hebron Hills, where Palestinians have been living there since the 19 thcentury as permanent residents. Although over 1.000 civilians are living in that area, the Israeli army still uses it for military trainings and the state of Israel aims to evict all the Palestinian villages inside.

Background on Firing Zone 918

P1030956

P1040056

UPDATE: L’esercito israeliano demolisce 24 abitazioni nei villaggi palestinesi di Jinba e Halaweh

Il 2 febbraio le forze israeliane hanno fatto irruzione nei villaggi della cosiddetta “Firing zone 918”, nelle colline a sud di Hebron, in seguito alla scadenza dell’arbitrato tra i villaggi palestinesi e lo Stato di Israele, per eseguire gli ordini di demolizione consegnati negli ultimi mesi.

L’esercito israeliano, nelle prime ore del mattino, ha chiuso le entrate alla “Firing zone 918” con dei checkpoint vicino ai villaggi palestinesi di Bir al Idd e Al Fakheit, limitando la libertà di movimento di palestinesi e internazionali nell’area.

Nel villaggio palestinese di Jinba l’esercito israeliano, Border Police e DCO hanno demolito 15 case, e hanno lanciato bombe sonore e lacrimogeni contro gli abitanti che cercavano di difendere le loro abitazioni.

L’amministrazione civile israeliana dei territori occupati ha anche confiscato numerosi pannelli solari, usati per produrre energia elettrica nei villaggi palestinesi della zona.

Nel villaggio palestinese di Halaweh le forze israeliane hanno distrutto altre 9 case, per un totale di 24 strutture, lasciando uomini, donne e bambini palestinesi senza riparo.

La polizia israeliana ha anche confiscato la macchina degli attivisti internazionali e palestinesi, ostacolando il loro lavoro di monitoraggio delle violazioni dei diritti umani.

*“Firing zone 918” è il termine militare israeliano per definire una porzione di territorio, nelle colline a sud di Hebron, in Cisgiordania, dove i palestinesi vivono dal XIX secolo come residenti permanenti. Nonostante più di 1000 civili vivano in quest’area, l’esercito israeliano la usa per esercitazioni militari. Lo stato israeliano ha come obiettivo lo sgombero forzato di tutti i villaggi palestinesi della zona.

Background della Firing Zone 918

P1120683

UPDATE: Israeli settlers and army still endanger Palestinian children’s safety

febbraio 1, 2016 at 3:37 pm

SnapShot-2016-01-30-20h00m33s156

(Italian follows)

On January 30, two Operation Dove volunteers were accompaning back home a Palestinian child in the village of Tuba, in the South Hebron Hills. One masked settler was waiting the Internationals and the child on the way, forcing them to walk through a longer path. After the Palestinian child was safe, the masked settler chased the Internationals in order to attack them. As he didn’t succeed to reach the volunteers, he came back to the illegal outpost of Havat Ma’on.

The day after, the Israeli army, (that must escort the children of Tuba and Maghayir Al Abeed Palestinian villages to school every day) , exposed them to the risk of attacks from the settlers of the Ma’on settlement and the Havat Ma’on outpost. Indeed on the first of school day after the holiday, 16 Palestinian children had to wait the military escort for more than an hour. The Israeli soldiers didn’t arrived so the schoolchildren decided to walk through a longer and dangerous path, the same on which the day before a Palestinian child and Operation Dove volunteers were harassed.

UPDATE: Coloni israeliani ed esercito continuano a mettere in pericolo la sicurezza dei bambini palestinesi

Il 30 gennaio, due volontari di Operazione Colomba stavano accompagnando a casa un bambino palestinese del villaggio di Tuba, nelle colline a sud di Hebron. Lungo il percorso, un colono mascherato ha sbarrato la strada agli internazionali e al bambino, che è stato costretto a percorre una strada più lunga per tornare. Dopo che il bambino palestinese era in salvo, il colono mascherato ha rincorso i volontari al fine di attaccarli. Non essendo riuscito a raggiungerli,  è ritornato nell’ avamposto illegale di Havat Ma’on.

Il giorno seguente, l’esercito israeliano, ( che ogni giorno deve scortare a scuola i bambini dei villaggi di Tuba e Maghayir Al Abeed), li ha esposti al rischio di attacchi da parte dei coloni dell’ insediamento di Ma’on e dell’ avamposto di Havat Ma’on. Infatti il primo giorno di scuola dopo le vacanze, 16 bambini palestinesi hanno dovuto aspettare la scorta militare per più di un’ora. I soldati non sono arrivati e quindi i bambini hanno deciso di camminare lungo un percorso più lungo e pericoloso, lo stesso in cui il giorno prima un bambino palestinese e i volontari di Operazione Colomba sono stati inseguiti.

Israeli and Palestinian peace activists released

gennaio 29, 2016 at 11:04 am

Published from Ta’ayush facebook profile

This morning the court in Jerusalem released, with no conditions, Ezra Nawi and Guy Butavia, after early this week Nasser Nawajeh was also released. Now that all three Taayush activists arrested as part of the attempt to silence the group and its work, we can go back to concentrating on what’s really going on.
So what’s really going on in the South Hebron hills? Take a walk on the road by Ma’on.

 

Questa mattina il tribunale di Gerusalemme ha rilasciato, senza condizioni, Ezra Nawi e Guy Butavia; all’inizio di questa settimana anche Nasser Nawaja era stato rilasciato. I tre attivisti erano stati arrestati come parte di un tentativo di mettere a tacere il gruppo dei Ta’ayush ed il suo lavoro. Possiamo ora tornare a concentrarci su ciò che sta realmente accadendo.
E che cosa sta realmente accadendo nelle colline a sud di Hebron? Andate a fare una passeggiata lungo la strada per Ma’on.

Lettera ad un soldato

gennaio 26, 2016 at 10:42 am

Alcuni dicono che scrivere una lettera sia il modo migliore per lasciare andare le cose. Ho deciso di scriverti una lettera che forse non leggerai mai. Ho deciso di scriverti perché dopo averti conosciuto, non posso fare finta di niente. Non posso tacere il fatto che anche tu sei una vittima di questa follia.
Durante le ore passate assieme ai Palestinesi, che vedevano demoliti gli sforzi di una vita, non sono riuscita a vederti come un carnefice, come un oppressore. Provavo d1olore per loro e per te.
Entrambi vittime, entrambi umani.
Hai detto che vuoi essere un soldato umano, ma come si fa ad essere umani con un arma in mano, con un potere così grande?
Hai detto che quelli che esegui sono solo ordini e che devi fare quello che ti ordinano.
Ma è cosi? Abbiamo sempre una scelta. Tu puoi scegliere.
Io ho scelto di parlare con te e tu hai scelto di ascoltarmi.
Mi hai chiesto da che parte sto? Non esistono parti in questa follia. Io sto con loro e sto con te.
Io sto con loro perché sono miei fratelli e sto con te perché sei mio fratello.
Che tu sia un pastore o un soldato siamo tutti parte della stessa umanità.
Non so se ti ricorderai delle parole dette, non so se riuscirai a scegliere di non essere più una vittima.
So che entrambi abbiamo scelto di ascoltarci, di dialogare e per un attimo di essere semplicemente due persone: senza armi, senza divisa, senza macchina fotografica e senza maschere.
Mi hai insegnato a rimanere umana, a vedere l’umanità sotto la divisa.
Spero che ti ricorderai che non esistono solo ordini e che questi, in quanto tali, debbano per forza essere giusti.
Spero che la prossima volta, in cui ti troverai di fronte ad un Palestinese, tu trova la forza di scegliere.
Di dire no, io non voglio più essere parte di questa follia!

C.

UPDATE: Demonstration in solidarity with arrested activists and Al Mufaqarah village

gennaio 24, 2016 at 4:51 pm

SnapShot-2016-01-23-17h08m58s218.png

12631557_843744882419246_2142400956384313619_n

(Italian follows)

On January 23, Palestinians, Israelis and Internationals gathered in At-Tuwani village and walked to Al Mufaqarah Palestinian village to remark their commitment in the joint struggle against Israeli military occupation of the Palestinian Territories.

They joined together to express their solidarity to three activists, Israelis and Palestinian, that are still in Israeli jail without any clear charge and exposed to degrading treatment. Demonstrators also express their support to the inhabitants of Al Mufaqarah village, targeted in the last week by demolitions, confiscations of building materials and night raid by Israeli Army.

Despite repressive and unwarranted measures implemented by Israeli Army, the participants of the demonstration expressed their will to continue popular nonviolent resistance in South Hebron Hills.

P1120385

UPDATE:  Manifestazione in solidarietà ai tre attivisti detenuti e al villaggio di Mufaqarah

Il 23 gennaio, palestinesi, israeliani e internazionali si sono riuniti nel villaggio di At-Tuwani e hanno marciato fino al villaggio di Al Mufaqarah per rimarcare il loro impegno nella comune lotta contro l’occupazione militare israeliana dei Territori Palestinesi.

I partecipanti hanno espresso la loro solidarietà ai tre attivisti, due israeliani e un palestinese, ancora nelle prigioni israeliane, senza un’accusa precisa e sottoposti a trattamenti degradanti. Il supporto dei partecipanti è andato anche agli abitanti del villaggio palestinese di Mufaqarah, che nell’ultima settimana è stato l’obiettivo di demolizioni, della confisca di materiale da costruzione e di raid notturni da parte dell’esercito israeliano.

Nonostante le misure repressive e ingiustificate messe in atto dalle forze di occupazione israeliane, i partecipanti alla manifestazione hanno espresso con forza la volontà di portare avanti la resistenza popolare non violenta nelle colline a sud di Hebron.

SnapShot

P1030825

UPDATE: Another day of Israeli Army and settlers’ violence in South Hebron Hills

gennaio 22, 2016 at 6:32 pm

P1030750

(Italian follows)

On 22 January at about 1.30am, one Israeli army jeep came into Al Mufaqarah Palestinian village, and shot two sound bombs near the houses, for no reason. The sound woke up and scared all the population of the village. The army went away without any explanation about the fact.

Just the last week Israeli army targeted Al Mufaqarah with demolitions

http://tuwaniresiste.operazionecolomba.it/update-israeli-forces-demolish-four-tents-in-south-hebron-hills/

In the same day at about 12.30pm two masked settlers from the illegal outpost of Havat Ma’on attacked a Palestinian shepherd, throwing stones at him with a slingshot. The shepherd succeeded to move away safely.

Almost every day South Hebron Hills Palestinian population suffer indiscriminate violence from Israeli Army and settlers

P1030755

UPDATE: Un’altra giornata di violenza dell’esercito e dei coloni israeliani nelle colline a Sud di Hebron

Il 22 gennaio alle 01.30 del mattino, una jeep dell’esercito israeliano è entrata nel villaggio palestinese di Al Mufaqarah, ed ha sparato due bombe sonore, vicino alle case, senza nessun motivo. Il suono ha svegliato e spaventato gli abitanti del villaggio. L’esercito ha poi lasciato il villaggio senza dare alcuna spiegazione sull’accaduto. Nell’ultima settimana il villaggio di Al Mufaqarah è stato vittima di confische e demolizioni da parte dell’esercito Israeliano.

http://tuwaniresiste.operazionecolomba.it/update-israeli-forces-demolish-four-tents-in-south-hebron-hills/

Lo stesso giorno, alle 12.30 circa due coloni mascherati provenienti dall’avamposto illegale di Havat Ma’on hanno attaccato un pastore palestinese, lanciandogli delle pietre con una slingshot. Il pastore è riuscito a mettersi in salvo.

Quasi ogni giorno la popolazione palestinese delle colline a sud di Hebron, è vittima della violenza indiscriminata da parte dell’esercito e dei coloni israeliani.

P1030758-001

UPDATE: Israeli forces demolish four tents in South Hebron Hills

gennaio 21, 2016 at 10:23 am

P1030718

P1030731

(Italian follows)

On January 20, Israeli Army, DCO (District Coordination office) and Border Police demolished two tents in Suseya Palestinian village. Soldiers didn’t give Palestinian family enough time to save all their properties before the tents were demolished.

Shortly after Israeli forces reached Al Mufaqarah Palestinian village where they destroyed another two tents, despite the attempt of the Palestinian community to prevent the demolition.

According to OCHA (UN agency) over 13,000 Palestinian-owned structures are affected by demolition orders. Due to the lack of adequate planning and discriminatory allocation of public land, it is nearly impossible for Palestinians to obtain building permits in most of Area C, that encompasses more than 60 per cent of the West Bank, under direct control of Israeli occupying forces.

P1120309

SnapShot-2016-01-20-15h31m55s133.png

P1120313

UPDATE: Forze israeliane demoliscono quattro tende nelle colline a sud di Hebron

Il 20 gennaio, l’esercito israeliano, DCO (Amministrazione civile nei Territori occupati) e Border Police hanno demolito due tende nel villaggio palestinese di Suseya. I soldati non hanno dato alla famiglia palestinese il tempo necessario per mettere in salvo tutte le loro proprietà prima di distruggere completamente la loro abitazione.

Poco dopo le forze israeliane hanno raggiunto il villaggio palestinese di Al Mufaqarah dove, nonostante il tentativo della comunità palestinese di impedire la demolizione, hanno distrutto altre due tende.

Secondo l’agenzia delle Nazioni Unite OCHA oltre 13.000 strutture di proprietà palestinese sono sotto ordine di demolizione. A causa della mancanza di un’adeguata pianificazione e dell’assegnazione discriminatoria del suolo pubblico, è quasi impossibile per i palestinesi ottenere permessi di costruzione nella maggior parte dell’Area C, che comprende oltre il 60 per cento della Cisgiordania, sotto il diretto controllo delle forze di occupazione israeliane.

P1120325

P1120324